Salta al contenuto


Foto

Quercus ilex L. subsp. ilex


  • Please log in to reply
Ci sono 21 risposte in questa discussione

#1 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:14

Quercus ilex L. subsp. ilex

Sinonimi
Quercus avellaniformis Colmeiro & Boutelou
Quercus avellaeformis Colmeiro & Boutelou
Quercus calicina Poir.
Quercus cookii Loudon
Quercus expansa Poir.
Quercus gracilis Lange
Quercus gramuntia L.
Quercus sempervirens Mill.
Quercus smilax L.


Tassonomia

Regno:Plantae
Divisione:Magnoliophyta
Classe:Magnoliopsida
Ordine:Fagales
Famiglia: Fagaceae

Nome italiano
Leccio, Elce

Etimologia
Quercus: secondo alcuni è un nome formato da due parole celtiche, Kaer quer, che significano bell'albero, cioè l'albero per eccellenza; secondo altri dal greco Ruvido, visto che la sua corteccia è ruvida.
Ilex: questo nome ha per primitivo una parola celtica che significa “punta”. I latini lo avevano posto all'elce, la cui foglia è spinosa.
Ilex= leccio

Descrizione
Albero sempreverde, xerofilo e monoico, il più delle volte con portamento arboreo (di rado arbustivo o cespuglioso), può raggiungere i 25-27 (30) m di altezza, con chioma globosa ed espansa; il tronco è eretto e la corteccia è liscia e grigiastra negli esemplari giovani, più scura, screpolata e fittamente divisa in placchette tetragonali (almeno sul fusto) a maturità. I rami sono cenerino-pubescenti fino al secondo anno di età, crescendo, diventano glabri, scurendosi. L'apparato radicale è fittonante nei primissimi anni di vita della pianta, ramificandosi poi con l'età, diventando imponente e tale da consentire alla pianta di sopravvivere anche in ambienti estremi, quali suoli rocciosi o pareti verticali. E' pianta molto longeva, potendo superare i 1000 anni di età.

Foglie
Le foglie sono coriacee, con un breve picciolo tomentoso, e con stipole brune di breve durata; sono verdi-scure e lucide nella pagina superiore, grigio-feltrose (più raramente glabrescenti) in quella inferiore, di forma variabile, da lanceolate a ellittiche, con margine da intero a dentato, e in quest'ultimo caso, non di rado, sono pungenti, soprattutto negi esemplari più giovani; l'apice è in genere acuto, ma può essere anche mucronato. In uno stesso esemplare possono coesistere foglie di forma e dimensioni molto eterogenee.

Fiori
I fiori maschili, giallastri, sono raggruppati in amenti penduli, ben allungati in piena antesi, con rachide variamente peloso, portati in fascetti all'ascella dei nuovi getti; quelli femminili sono verdognoli e raggruppati in infiorescenze erette e pauciflore..

Frutti
I frutti sono acheni ovoidali, ± allungati, che vengono chiamati ghiande, maturano ad autunno inoltrato, hanno colore dapprima verde, diventando bruno-castani, con striature longitudinali più scure, a maturità, e portano un mucrone ben evidente all'apice. La cupola porta squame brevi e appressate, e può coprire da 1/3 fino a quasi tutta la superficie della ghianda.

Periodo di fioritura
Fiorisce da Aprile a Giugno.

Territorio di crescita
Specie spontanea di tutti i Paesi che si affacciano al bacino del Mediterraneo. In Italia è spontanea fino alle pendici delle Prealpi: presente, quindi, in tutte le Regioni, ad eccezione della Val d'Aosta.

Immagine


Habitat
Cresce nei boschi e nella macchia mediterranea, in prevalenza su terreni acidi e ben drenati, indifferentemente al substrato, dal livello del mare fino a oltre i 1000 m di quota (1800 m in Sicilia, 600-700 m al Nord).

Somiglianze e varietà
Quercus suber L. è una specie molto affine, la si differenzia innanzitutto per la corteccia molto più spessa e suberosa, per la colorazione del fogliame, di una tonalità di verde meno carica sulla pagina superiore, per la chioma più lassa, per le ghiande, mediamente più grandi, un po' più tozze e portanti una cupula più spessa e con squame più grandi e allungate.
Quercus coccifera L., dal portamento arbustivo o cespuglioso, foglie dentato-spinose, ghiande che maturano l'anno successivo alla fioritura.
Quercus x morisii Borzì, ibrido generato dall'incrocio tra tra Q. ilex e Q. suber , molto simile a Q. ilex, ma con portamento più robusto, chioma più lassa, corteccia suberosa, ma non spessa come quella di Q. suber, quasi biancasta, ghiande di dimensioni ridotte.

Specie protetta
* Art. 7 L. R. 15/11/1974, n. 53 Veneto "Norme per la tutela di alcune specie della fauna inferiore e della flora e disciplina della raccolta dei funghi"; Q. ilex compare tra le specie per le quali è vietata la raccolta integrale o di parti di esse.
* Allegato A all'Art. 1 L. R. 18/04/1995, n. 33 Veneto "Tutela del patrimonio genetico delle specie della flora legnosa indigena nel Veneto".
* Allegato A L. R. 19/11/2001, n. 28 Umbria "Testo unico regionale per le foreste"; tale allegato riporta l'elenco delle piante sottoposte a tutela, tra cui compare il Q. ilex. Questa tabella è la stessa allegata all'Art. 1, Comma 1 della L. R. 18/11/1987, n. 49, che recita: "specie arboree delle quali è vietato l' abbattimento e lo spostamento di esemplari, siano essi isolati, in filari, in piccoli gruppi puri o misti, quando costituisano patrimonio di particolare valore naturalistico, ambientale o culturale della Regione"
* Allegato L. R. 02/11/1982, n. 32 Piemonte "Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell' assetto ambientale"; tale allegato contiene l'elenco che riporta le specie a protezione assoluta, Q. ilex compare in quest'elenco, ma la protezione è valida solo per la Provincia di Torino.
* Art. 20 L. R. 23/02/2005, n. 6 Marche "Legge forestale regionale"; tale articolo "specie tutelate" recita: "è vietata, senza la specifica autorizzazione dell' ufficio foreste competente per territorio, l' abbattimento delle piante di alto fusto delle seguenti specie, siano esse isolate, in filari, in piccoli gruppi o misti". Tali disposizioni sono le stesse dell'Art. 1 L. R. 10/01/1987, n. 8 " Disposizioni per la salvaguardia della flora marchigiana".


Costituenti chimici
Tannini, contenuti in varie parti della pianta. Le foglie emettono composti organici volatili (alfa e beta-pinene ). L’estratto di foglie contiene vari flavonoidi, fra cui catechina e quercetina. Sali minerali.


Uso Alimentare
Le ghiande sono commestibili sia crude che cotte e, previa tostatura, possono essere usate come succedaneo del caffè; seccate e polverizzate, possono essere usate come addensante, tipo fecola di patate, oppure, mescolate a farine di cereali, per fare il pane. Poiché però contengono tannino è consigliabile lavarle accuratamente sotto acqua corrente prima di utilizzarle a fini alimentari; questa procedura, tuttavia, comporta la perdita di buona parte dei sali minerali in esse contenuti. Il metodo tradizionale di prepararle consisteva nel seppellirle in terreno umido e lasciarle così durante tutto l’inverno, dissepellendole poi a primavera, prossime alla germinazione: a quel punto avevano perso gran parte del loro potere astringente.



Uso Cosmetologico
Non si conoscono usi della pianta nella moderna cosmetologia. Tuttavia esiste l'antica ricetta di un "caffè" fatto con la polvere delle ghiande essiccate, che si dice sia indicato per i problemi di acne giovanile.


Uso Farmacologico
Ricerche recenti hanno messo in evidenza un’azione antiossidante dei monoterpeni, composti organici volatili, emessi dalle foglie di Quercus ilex. Ciononostante non risulta, al momento, uno specifico uso farmacologico per questa pianta.


Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

Medicina alternativa e Curiosità
Le galle, che si producono nell’albero dopo la puntura di particolari insetti, hanno proprietà fortemente astringenti e possono essere utilizzate nel trattamento di emorragie, diarrea cronica, dissenterie ecc. In fitoterapia, nei tempi passati, si usava soprattutto la corteccia della pianta, come rimedio per i disturbi gastrointestinali.
Una ricerca sulle piante tradizionalmente usate nella farmacopea delle popolazioni dell’Ogliastra, nella Sardegna Centro-orientale, riporta che l’applicazione di un leggero strato di corteccia marcescente ha funzione emostatica e che il decotto della corteccia è impiegato come disinfettante.
In alcune Regioni vi è l'obbligo di impiantare una pianta (da scegliere in un elenco, fra le quali compare anche il leccio) per ogni neonato che venga registrato all'Anagrafe, le leggi che regolano quest'obbligo, e in cui compare questa specie, sono:
L. R. 05/07/1994, n. 33 Liguria "Obbligo per il comune di porre a dimora un albero per ogni neonato residente", Tab. B allegata all'Art. 2, Comma 2, Lettera B.
L. R. 29/03/1994, n. 15 Abruzzo "Disciplina delle tipologie delle essenze arboree da porre a dimora per ogni neonato a seguito di registrazione anagrafica", Art. 3.
L. R. 18/12/1992, n. 14 Campania "Obbligo per i comuni di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato e/ o minore adottato. Regolamentazione Regionale", Allegato 1 all'Art.2.


Note
Il legno della pianta è forte, duro e resistente, è usato in lavori al tornio, in ebanisteria, in falegnameria; brucia a lungo, anche quando è ancora fresco, e dalla sua combustione si ottiene un carbone molto pregiato.
Per questo motivo, dopo l'invenzione dei treni, e in generale delle macchine a vapore e, per indotto, con l'allestimento delle linee ferroviarie, all'incirca tra la seconda metà del sec. XIX e la prima del sec. XX, il legno del leccio venne massicciamente impiegato sia per la produzione del carbone, che per quella delle traversine dei binari; di conseguenza, per il taglio selvaggio e incontrollato, furono smantellate irreversibilmente immense leccete.
Le galle, ricche in tannini, sono state utilizzate a lungo per la concia delle pelli, per la tintura dei tessuti e per la produzione di inchiostro.
Nella mitologia greca le Moire (che i latini chiamavano Parche), figlie della Notte, e dalle quali dipendeva la vita degli uomini, si cingevano il capo con rami di Leccio.
Una leggenda narra che, quando si dovette fare la croce di Gesù, tutti gli alberi si rifiutarono, solo il Leccio acconsentì offrendo il suo legno, e fu tacciato di tradimento, ma San Francesco sostenne che fu l'unico albero a capire che doveva sacrificarsi, per la redenzione, come il Cristo.
I Celti utilizzavano corteccia e ghiande a fini terapeutici; una loro credenza popolare, pervenuta fino ai nostri giorni, era che, dentro ai tronchi cavi del leccio, crescesse un'erba magica che, dopo essere stata attivata con particolari rituali, poteva rendere invisibili le persone.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Marika - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Link utili

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT
Quercus ilex L.subsp. ilex - foto di Marika

Immagine

#2 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:17

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di G.B. Pau

Foto 1: corteccia di esemplare giovane (all'incirca 25 anni), inizia a screpolarsi.


Immagine

#3 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:19

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di G.B. Pau

Dettaglio macro del tronco.


Immagine

#4 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:20

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di G.B. Pau

Foglie e ghiande.


Immagine

#5 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:21

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di G.B. Pau

Ghianda.


Immagine

#6 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:27

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di Marika

Tronco giovane.

Immagine

#7 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:30

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di Pietro Curti

Tronco secolare con placche.


Immagine

#8 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:37

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di Pietro Curti

Foglie giovani e infiorescenze maschili.


Immagine

#9 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:38

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di Pietro Curti

Infiorescenze femminili.


Immagine

#10 Gruppo Botanico AMINT

Gruppo Botanico AMINT

    Autori Schede Botaniche

  • Area Operativa CSM - CSB - CSZ
  • 11519 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Pubblicato 20 novembre 2008 - 05:42

Quercus ilex L. subsp. ilex - foto di Pietro Curti

Ghiande in formazione.


Immagine




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi