L'Armillaria Mellea

 

     

I chiodini sono sicuramente il fungo più noto e conosciuto in assoluto, questo perché oltre ad essere diffusi in tutti gli ambienti boschivi, sono altrettanto diffusi in tutti gli habitat non coltivati delle campagne e lungo le rive dei fossi e dei fiumi.

    In realtà crescono ovunque ci sia una pianta indebolita e sulla quale micorizzano uccidendola, si tratta infatti di un fungo che cresce sul legno, non lasciatevi ingannare da eventuali ceppi che sembrano ancorati sul terreno, sotto sicuramente c'è la radice di una pianta.

    Crescono solitamente nella stagione autunnale ed invadono il bosco con fiorite imponenti e massicce, non vi è angolo dove non è possibile scorgere un ceppo di famiole, deve essere raccolto solo il cappello, perché il gambo è coriaceo e non edule, fate questa operazione direttamente nel bosco, e sciocco trasferire nel bidone di casa materiale biologico, prezioso ed utile al bosco, ed inoltre eviterete di incorrere in multe, per il superamento dei limiti di peso nelle quantità di funghi raccolti.

    Ricordatevi che dopo eventuali gelate, i chiodini risultano tossici e quindi non devono essere raccolti, ed inoltre per il loro consumo è sempre consigliabile una prebollitura, gettando l'acqua di cottura, trattati così risultano estremamente più digeribili.

 

 

Ricetta Chiodini

 

Torna Home Page