Pietro Curti

Genere Lactarius

22 risposte in questa discussione

IL GENERE LACTARIUS

 

Prodotto e realizzato dal CSM dell'AMINT

 

 

Componenti il Comitato Micologico Scientifico:

Piero Curti

Gianni Pilato

Massimo Biraghi

Tomaso Lezzi

Felice Di Palma

 

Mauro Cittadini - Direttore CSM

 

Presenti anche alcuni contributi fotografici di Soci AMINT che di volta in volta verranno espressamente citati in corrispondenza della loro fotografia.

 

 

 

 

Tabella riepilogativa del Genere LACTARIUS De Candolle

 

_ Sottogenere Lactarius

 

__ Sezione Albati. Specie robuste alquanto grandi, colore bianco o complessivamente chiaro, carne soda, compatta.

 

___ Sottosezione Piperatini. Lamelle fitte, serrate.

 

____ Lactarius piperatus (Scopoli ex Fries) Persoon

____ Lactarius glaucescens Crossland [=Lactarius pergamenus (Sw.:Fries) Fries].

 

___ Sottosezione Velutini. Lamelle spaziate.

 

____ Lactarius controversus (Persoon ex Fries) Persoon

____ Lactarius vellereus (Fries : Fries) Fries

_____ Varietà Odorans (Boud.) Bl.

_____ Varietà Hometii (Gill.) Boud.

____ Lactarius castanopus Sarnari

____ Lactarius bertillonii (Neuhoff ex Schaefer) Bon

_____ Varietà queletii

_____ Varietà boudieri

____ Lactarius moravicus Z. Schaefer

____ Lactarius luteolus Peck

 

__ Sezione Tricholomoidei. Basidiomi con margine pubescente, peloso o lanoso.

 

___ Sottosezione Scrobiculini. Latice bianco in partenza poi ingiallente come la carne.

 

____ Lactarius resimus (Fries: Fries) Fries

____ Lactarius citriolens Pouzar

____ Lactarius aquizonatus Kytovouri

____ Lactarius scrobiculatus (Scopoli ex Fries) Fries

____ Lactarius intermedius (Fries) Cooke

____ Lactarius leonis Kytov.

____ Lactarius olivinus Kytov.

____ Lactarius auriolla Kytov.

____ Lactarius tuomikoskii Kytov.

 

___ Sottosezione Barbatini. Latice e carne bianchi non viranti.

 

____ Lactarius torminosus (Sch. : Fries) Persoon

____ Lactarius pubescens Fries

____ Lactarius favrei Jahn (=L. Scoticus)

____ Lactarius tesquorum Malencon

____ Lactarius mairei Malencon

_____ Varietà zonatus

 

__ Sezione Zonarii. Carpofori con margine glabro, latice bianco immutabile, zonatura del cappello più o meno netta e visibile.

 

____ Lactarius acerrimus Britzlemayr

____ Lactarius evosmus Kuhner & Romagnesi

____ Lactarius zonarius (Bulliard) Fries

______ Forma scrobipes Kuhner & Romagnesi

____ Lactarius porninsis Rolland

____ Lactarius bresadolanus Singer (=L. zonarioides)

 

__ Sezione Glutinosi. Carpofori con margine glabro, cappello viscoso o lubrificato, latice immutabile, virante in maniera leggera o dopo essiccazione.

 

___ Sottosezione Pyrogalini. Latice immutabile anche dopo essiccazione.

 

____ Lactarius pyrogalus (Bulliard ex Fries) Fries

____ Lactarius nanus Favre

____ Lactarius pallidus (Persoon ex Fries) Fries

____ Lactarius musteus Fries

____ Lactarius fascinans Fries

____ Lactarius hysginoides Korh & Ulv.

____ Lactarius flexuosus (Persoon ex Fries) S. F. Gray

____ Lactarius circellatus Fries

____ Lactarius subcircellatus Kuehner

____ Lactarius ilicis Sarnari

 

___ Sottosezione Vietini. Specie poco viscose, latice bianco che seccandosi si presenta in perline verdastre, grigiastre o brunastre.

 

____ Lactarius necator (Bulliard ex Fries) Persoon (=L. Plumbeus = L. Turpis)

______ Forma ochroleucoides Bon

____ Lactarius vietus Fries

 

___ Sottosezione Glutinosini. Specie sovente molto viscose, latice con le stesse caratteristiche descritte per S.S.Vietini.

 

____ Lactarius fluens Boudier

____ Lactarius blennius Fries

______ Forma scrobipes Kuhner & Romagnesi

____ Lactarius albocarneus Britzelmayr (=L. glutinopallens)

____ Lactarius trivialis Fries

____ Lactarius fraxineus Romagnesi

 

__ Sezione Dapetes

 

___ Sottosezione Sanguifluini. Caratterizzati da latice color rosso sanguigno, rosso vinoso.

 

____ Lactarius vinosus Quèlet

____ Lactarius sanguifluus (Paulet ex Fries) Fries

____ Lactarius hemicyaneus Romagnesi

____ Lactarius cyanopus M.T. Basso

 

___ Sottosezione Deliciosini. Caratterizzati da latice color arancio che non vira o eventualmente arrossa più o meno nel tempo.

 

____ Lactarius deliciosus (Linneus ex fries) S.F. Gray

____ Lactarius quieticolor Romagnesi

____ Lactarius semisanguifluus Heim & Leclair

____ Lactarius deterrimus Groeger

____ Lactarius salmonicolor Heim & Leclair

____ Lactarius fennoscandicus Verbeken & Vesterholt

 

__ Sezione Uvidi. Latice in partenza, all'emersione immediatamente di colore "violetto" o virante +/- rapidamente verso questo colore.

 

___ Sottosezione Aspideini. Colorazione dei basidiomi da biancastro a giallo ocraceo sino a grigiastro.

 

____ Lactarius rapraesentaneus Britz.

____ Lactarius dryadophilus Kuehner

____ Lactarius salicis-herbaceae Kuehner

____ Lactarius salicis-reticulatae Kuehner

____ Lactarius flavidus Boudier

____ Lactarius aspideus Fries

 

___ Sottosezione Uvidini. Colorazione dei basidiomi che val dal lilacino al violetto sino al brunastro a volte anche chiari con colorazioni composte.

 

____ Lactarius violascens (Otto ex Fries) Fries

____ Lactarius cistophilus Bon &Trimbach

____ Lactarius uvidus Fries

____ Lactarius pseudouvidus Kuehner

____ Lactarius robertianus Bon

____ Lactarius luridus S.F.Gray

 

__ Sezione Colorati

 

___ Sottosezione Rufini

 

____ Lactarius rufus (Scopoli ex Fries) Fries

____ Lactarius alpinus Peck

 

___ Sottosezione Colorantini

 

____ Lactarius helvus Fries

____ Lactarius mammosus Rolland

____ Lactarius glyciosmus Fries

____ Lactarius lilacinus (Lasch. :Fr.) Fries

____ Lactarius spinosulus Quélet

 

__ Sezione Russulares

 

___ Sottosezione Mitissimi

 

____ Lactarius aurantiacus (Vahl : Fries) S.F. Gray (=Lactarius aurantiofulvus Blum ex Bon)

____ Lactarius mitissimus Fries

____ Lactarius fulvissimus Romagnesi

____ Lactarius subsericatus Kuehner ex Romagnesi ex Bon (di incerta sinonimia, M.T. Basso lo indica sinonimo del seguente L. britannicus; CABI Bioscience invece del precedente L. fulvissimus)

____ Lactarius brittannicus Reid (CABI Bioscience ritiene britannicus sinonimo di fulvissimus)

 

___ Sottosezione Subdulcini

 

____ Lactarius chrysorrheus Fries (=Lactarius theiogalus (Bulliard ex Fries) S.F. Gray)

____ Lactarius decipiens Quèlet

____ Lactarius sphagneti (Fries) Neuh. ex Groeg

____ Lactarius quietus Fries

____ Lactarius subdulcis (Persoon ex Fries) S.F. Gray

 

_ Sottogenere Rhysocybe

 

__ Sezione Volemi

 

____ Lactarius volemus Fries

____ Lactarius rugatus Kuehner & Romagnesi

 

__ Sezione Ichorati

 

____ Lactarius ichoratus (Batsch) Fries (sinonimo di britannicus per M.T. Basso; di volemus per CABI)

____ Lactarius rubrocinctus Fries

____ Lactarius tithymalinus (Scopoli ex Fries) Fries (sinonimo di rubrocinctus??)

 

__ Sezione Olentes

 

___ Sottosezione Camphoratini

 

____ Lactarius cremor Fries

____ Lactarius camphoratus

 

___ Sottosezione Serifluini

 

____ Lactarius atlanticus Bon

____ Lactarius serifluus (De Cand.: Fries) Fries

____ Lactarius cimicarius (Batsch) Gillet

____ Lactarius subumbonatus Lindgren

 

__ Sezione Tabidi

 

____ Lactarius brunneohepaticus Moser

____ Lactarius tabidus Fries

____ Lactarius lacunarum Romagnesi ex Hora

____ Lactarius badiosanguineus Kuehner & Romagnesi

____ Lactarius hepaticus Plowright

 

__ Sezione Plinthogali

 

____ Lactarius pterosporus Romagnesi

____ Lactarius subruginosus Bl.

____ Lactarius ruginosus Romagnesi

____ Lactarius teneropus Romagnesi

____ Lactarius acris (Bolt.:Fries) S.F. Gray

____ Lactarius fuliginosus Fries

____ Lactarius azonites

____ Lactarius romagnesii Bon

____ Lactarius picinus Fries

____ Lactarius lignyotus Fries

 

__ Sezione Obscurati

 

____ Lactarius omphaliformis Romagnesi

____ Lactarius cyathuliformis Bon

____ Lactarius obscuratus (Lasch.:Fries) Fries

_____ Varietà radiatus

____ Lactarius clethrophilus Romagnesi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lactarius Note di Sistematica e Tassonomia

 

Si parte dal lontano 1797 quando Persoon "battezza" con il nome di "lactaria" un gruppo di funghi a lamelle con la caratteristica secrezione di "latice". Successivamente Fries, pur mantenendo il nome di Genere "Agaricus", temporaneamente assegnato a tutti funghi lamellati, utilizza l'epiteto "Lactarius" per indicare la Famiglia che li comprende. Si deve a De Candolle la definizione di Genere come oggi lo conosciamo e sempre al Grande Fries tra il 1838 ed il 1863 la costruzione della prima suddivisione Sistematica.

 

Molti gli studiosi che in seguito approfondiranno gli studi e proporranno sistematiche sempre più complesse e precise (Quélet, Bataille, Ricken, Lange, Konrad, Kuhener et Romagnesi, Singer, Bon e molti altri). Citiamo infine la nostra Maria Teresa Basso autrice di una "poderosa" monografia "LACTARIUS Pers." inserita nella collana "Fungi europaei" dove propone una nuova Sistematica da lei elaborata.

Il Genere Lactarius, al netto delle forme e varietà, comprende circa un centinaio di specie in Europa.

 

Attualmente per entrare nella complessa fase della determinazione è necessario tenere conto di alcuni caratteri microscopici quali la struttura della "pileipellis".

 

Per la definizione ed orientamento, considerando che si parlerà in questo ambito solo di caratteri morfocromatici ed organolettici, faremo comunque riferimento alla Sistematica e Tassonomia del 1994 proposta da Regis Courtecuisse.

 

 

Regno: Funghi

Sottodivisione: Basidiomycotina

Classe: Homobasidiomycetes

Sottoclasse: Agaricomycetideae

 

Ordine: Russulales

 

Le linee generali che andremo a descrivere, riguardano l'Ordine Russulales ristretto ai soli generi Russula e Lactarius. Questa precisazione si rende necessaria, per correttezza, data l'esclusione in questo contesto delle Elasmomycetaceae, famiglia di "Gasteromiceti" filogeneticamente vicina al genere Russula.

 

Funghi terricoli, simbionti con imenoforo lamellare ed assenza, in sostanza, di residui visibili di veli. Per intenderci non esistono Russula e Lactarius con anello o volva, al massimo, ed in casi sporadici, qualche piccolo residuo sul cappello.

Raggruppamento omogeneo e ben caratterizzato da una trama granulosa, dovuta alla presenza preponderante di cellule quasi sferiche dette "sferocisti". Questa struttura conferisce alla carne ben poca elasticità e ha come conseguenza la caratteristica "frattura o rottura cassante" (simile a quella di un gessetto!).

Altra caratteristica importante è la presenza di particolari ife dette "laticifere", veri tubicini conduttori che trasportano un secreto fluido detto appunto "latice". Esso si presenta in alcuni casi di aspetto "lattiginoso", evidente ed abbondante (Lactarius) a volte scarso o anche acquoso (lactarius) in altri è assente (Russula e Lactarius in condizioni particolari quali vetustà o gran secco).

 

Discorso a parte meritano le spore, tipicamente ricche di ornamentazioni in rilievo e amiloidi, ovvero che si tingono di blu-nerastro a contatto con lo iodio, caratteristica che viene rilevata in microscopia utilizzando il reattivo di Melzer. La sporata in massa è di colore variabile andando dal bianco al giallo ocra.

 

Da quanto detto è intuibile il perché la moderna ricerca, stia attualmente considerando ormai superata la suddivisione di genere tra Russula e Lactarius se basata solo sulla presenza od assenza del latice. Staremo a vedere...!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piccola nota di "glossario"

 

Ci siamo già soffermati nel precedente post sul significato scientifico del termine "latice" importante carattere determinativo dei nostri Lactarius. Capiterà in seguito di utilizzare termini molto diffusi nel Genere esaminato, vediamoli.

 

Margine del cappello "pubescente": Significa che al margine del cappello si rileva una sottile peluria a volte anche fitta e finemente intrecciata. tipica ad esempio di L.torminosus

 

Scrobicoli: Piccole fossette poco profonde presenti sul gambo di alcuni Lactarius, spesso facilmente rilevabili poichè di colore diverso (Es. L.deliciosus)

 

Zonatura, cappello zonato: Sorta di cerchi concentrici di diversa colorazione che interessano il cappello di alcune specie. Possono essere +/- marcate ed interessare o meno l'intera superfice pileica.

 

Tanto per intenderci inviamo una prima foto di Lactarius zonarius v.scrobipes dove sono evidenti le zonature sul cappello, la secrezione di latice, e gli scrobicoli sul gambo dell'esemplare a dx.

 

 

Lactarius_zonarius_web.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La commestibilità dei Lactarius

 

Non esistono specie di Lactarius particolarmente pericolose per la nostra salute ma, le opinioni sulla commestibilità sono piuttosto ampie e personali, anche se possiamo formulare una regola generale abbastanza significativa ed utile.

 

In pratica la regola è molto semplice: Tutte le specie con latice (carne) dolce sono commestibili, mentre quelle con latice (o carne) piccante, amaro, astringente sono da scartare. E' noto peraltro che nei paesi del nord Europa le specie piccanti vengono consumate (anche Lactarius torminosus il noto "peveraccio delle coliche"!!!) dopo lunghi trattamenti termici e passaggi in salamoia, c'è da chiedersi che diamine di sapore abbiano dopo la "cura" o trattamento che dir si voglia.

 

Vi invitiamo a letture più approfondite sugli aspetti tossicologici, curate dal Componente del CSM AMINT Claudio Angelini:

 

LE INTOSSICAZIONI DA FUNGHI

 

Anche nel "Belpaese" è pratica e tradizione di più luoghi e regioni, mangiare alcuni Lactarius piccanti come il L.piperatus (peperone!). Riteniamo errato questo comportamento a causa di frequenti disturbi gastroenterici (anche se trattati!!!) che queste specie possono provocare. Da considerare sempre che persone con condizioni di salute non ottimali, anziani e bambini possono essere le vittime di comportamenti alimentari non corretti che ad altri magari, non danno (apparentemente!) nessun fastidio, ma per loro possono avere conseguenze "severe".

 

Per esperienza possiamo indicare come sicuramente commestibili quel gruppo di lattari che appartengono alla Sezione Dapetes (verrà trattata più estesamente in seguito) : Latice dolce, colore arancio carota, vinoso-sangue in partenza (Cioè appena secreto) simbionti di conifere e denominati comunemente "sanguinelli" (L.deliciosus, L.sanguiiflus, L.salmonicolor etc.). Aggiungeremo (e qui riteniamo di fermarci, (i rimanenti secondo noi sono veramente scadenti) due lactarius con latice bianco dolce ed immutabile: Lactarius volemus (con il tipico odore di crostacei lessi o aringa affumicata) ed il simile Lactarius Rugatus comune sotto leccio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sottogenere Lactarius: comprende specie a rivestimento cuticolare generalmente liscio, sovente lubrificato o viscoso a volte fibrilloso o lanoso o addirittura barbato in particolare al margine del cappello (Vedi Es. L.torminosus, L.pubescens, L.mairei), mai però vellutato, salvo rarissime eccezioni.

 

 

Ed eccoci arrivati ad introdurre le prime due sezioni ascritte al Sottogenere Lactarius ovvero la Sezione Albati e la Sezione Tricholomoidei con le loro relative sottosezioni.

 

 

Sezione Albati: Specie robuste alquanto grandi, colore bianco o complessivamente chiaro, carne soda, compatta e con gambo tipicamente pieno, mai farcito o cavo-spugnoso se non in tarda maturità e solo in poche specie (L.controversus).

 

Sotto Sezione Piperatini: Lamelle fitte, serrate (L.piperatus e L.glaucescens)

 

Sotto Sezione Velutini: Lamelle spaziate (L.vellerus, L.bertillonii, L.controversus, L.castanopus, L.moravicus e L.luteolus).

 

 

 

Sezione Tricholomoidei: Margine pubescente, peloso o lanoso

 

Sotto Sezione Srobiculini: Latice bianco in partenza poi ingiallente come la carne (L.resimus, L.citriolens, L.aquizonatus, L.scrobiculatus, L.intermedius, L.leonis, L.olivinus, L.auriolla, L.tuomikoskii).

 

Sotto Sezione Barbatini: Latice e carne bianchi non viranti (L.torminosus, L.pubescens, L.favrei, L.tesquorum e L.mairei).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Iniziamo con i Piperatini e quindi con il più noto, Lactarius piperatus, alle caratteristiche già indicate aggiungerei una forte e decisa acredine, la crescita prevalente sotto latifoglie, un portamento decisamente imbutiforme.

 

post-4-1103793409.jpg

 

 

Lactarius piperatus ha un latice abbondante, denso, bianco, fortemente acre se appoggiato sulla punta della lingua. Il gambo è robusto, irregolare, sovente attenuato in basso, presenta sfumature o punteggiature ocracee, in particolare nella zona basale.

 

post-4-1105953579.jpg

 

 

Il cappello ha un colore biancastro con sfumature crema ocracee, con punteggiature più scure, in particolare nella parte centrale, cuticola opaca asciutta e spesso glassata.

 

post-21-1122624316.jpg

 

 

Con crescita abbondante, diffusa e quindi con contestuale presenza di grandi gruppi, in particolare nei periodi estivi autunnali, del sapore abbiamo già detto, l'odore è vagamente fruttato. L'acredine violenta indica una sicura tossicità, anche se consumato in alcune zone dopo elaborate preparazioni, è spesso causa d'intossicazioni con ricoveri ospedalieri.

 

post-4-1103793179.jpg

 

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo alla lettura della:

 

Scheda fotografica e descrittiva del Lactarius piperatus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lactarius glaucescens, molto simile e vicino al precedente, se ne distingue agevolmente per il tipico inverdimento della carne esposta e del latice asciugatosi sulle lamelle o su altre zone del fungo.

 

post-3170-1122385128.jpg

 

 

Utile ricordarsi che l'inverdimento si realizza a notevole distanza di tempo rispetto al taglio realizzato, sezione con latice fotografata a pochi minuti dal taglio.

 

post-71-1087425033.jpg

 

 

Primi chiari segni d'inverdimento dopo circa 30 minuti d'attesa.

 

post-71-1087425083.jpg

 

 

Presenta una differenza netta di natura macrochimica, la reazione positiva (giallo cromo) al KOH sul latice.

 

post-3093-1118677878_thumb.jpg

 

 

Macroscopicamente si presenta più minuto del L.piperatus, il cappello e pianeggiante, non imbutiforme e come già ricordato e mostrato, si diversifica per il netto inverdimento.

 

post-656-1119394182.jpg

 

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo alla lettura della:

 

Scheda fotografica e descrittiva del Lactarius glaucescens

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Passiamo adesso ai Velutini e quindi al più noto, Lactarius vellereus, fungo molto diffuso in area mediterranea e tipicamente invasivo nei periodi di crescita e cioè dall'Estate all'Autunno, anche tardivamente e quindi fino ai primi giorni dell'Inverno.

 

Tipica la sua taglia decisamente robusta rispetto ai precedenti. Il latice, non acre se separato dalla carne ed immutabile al KOH, è scarso, bianco, ma tendente ad imbrunire spontaneamente sulle lamelle. Il gambo è generalmente più corto e tozzo, e, per finire, le lamelle sono moderatamente più spaziate rispeto ai precedenti.

 

Da non considerare commestibile per l'acredine della carne.

 

post-4-1104061231.jpg

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo alla lettura della:

 

Scheda fotografica e descrittiva del Lactarius vellereus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se in area mediterranea domina L.vellereus, in ambiente subalpino viene sostituito da L.bertillonii che, anche se molto simile al precedente, si distingue per l'orlo del cappello decisamente e lungamente involuto, per il latice bruciante, per la reazione positiva (giallo cromo) al KOH sul latice e per l'ingiallimento spontaneo del latice quando asciugato sulle lamelle.

 

Lactarius_bertilloniiDscn1799bis.jpg

 

 

Il rivestimento tomentoso e quasi glassato della superficie del cappello è veramente spettacolare, tipico dei boschi di latifoglia del nord, anch'esso cresce nei periodi estivi-autunnali. Sicuramente tossico per la violentissima acredine che lo caratterizza, quasi soffocante all'assaggio.

 

post-2286-1120346874.jpg

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo alla lettura della:

 

Scheda fotografica e descrittiva del Lactarius bertillonii

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siamo arrivati al Lactarius controversus, sicuramente quello che si differenzia con maggiore facilità per le sfumature rosa rossastre sul cappello e per le lamelle chiaramente rosa carnicino.

 

Si lega alle latifoglie, ma con una predilezione particolare per il pioppo, sempre a latice bianco e con sapore amaro poi acre.

 

Concludiamo quì la trattazione dei Velutini, ci risentiamo con il prossimo gruppo e cioè gli Scrobiculini della Sezione Tricholomoidei.

 

post-21-1106090495.jpg

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo alla lettura della:

 

Scheda fotografica e descrittiva del Lactarius controversus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti