Gruppo Botanico AMINT

Ulmus minor Miller, subsp. minor - Ulmus minor Miller subsp. canescens(Melville) Browicz& Ziel.

28 risposte in questa discussione

Ulmus minor Miller s. l.

 

- Ulmus minor Miller subsp. minor

- Ulmus minor Miller subsp. canescens(Melville) Browicz& Ziel.

 

Sinonimi

Ulmus carpinifolia Suckow

Ulmus nitens Moench

Ulmus foliacea sensu Hayek

Ulmus stricta (Aiton) Lindl.

Ulmus campestris auct., non L.

Ulmus glabra Mill., non Huds.

Ulmus diversifolia Melville

 

Tassonomia

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Magnpliopsida

Ordine: Urticales

Famiglia: Ulmaceae

Genere: Ulmus

 

Nomi italiano

Olmo comune, Olmo campestre, Olmo.

Nomi locali

Oeggiu (Liguria); Olm, Ourm, (Piemonte); Talpone, (Veneto); Ulem, Olem, Ulmett(Lombardia); Olmer, Elber, Olum, Olma, Aulam (Emila); Olmo dei campi (Toscana); Ormo (Lazio); Olmacchio (Abruzzo); Olmo gentile, Olmo riccio (Marche); Ulme, Ormo, Urmo di fratta (Campania); Urmu (Calabria); Omulu, Ulimu, Olimu, Oranu (Sardegna).

 

Etimologia

Il nome di genere "Ulmus" è lo stesso con il quale veniva chiamata la pianta in lingua latina;

il termine latino indicante la specie "minor" = minore è riferito alle dimensioni delle foglie, che in questa specie sono sempre più piccole di quelle dell'Olmo montano.

 

Descrizione

Latifoglia decidua e longeva, che talvolta può superare i 600 anni di età; se la crescita avviene nel sottobosco si presenta come arbusto pollonifero mentre, se si sviluppa come pianta isolata, assume un aspetto maestoso, potendo raggiungere o superare l'altezza di 30 m, e più raramente di 40 m.

Fusto eretto ed abbondantemente ramoso; corteccia in gioventù di colore grigiastro, liscia e munita di numerose lenticelle, tende ad inspessirsi con l'età, divenendo spesso suberosa, screpolata o solcata longitudinalmente, e assumendo toni brunastri ± scuri; i rami possono essere lisci o suberoso-alati.

 

Foglie

Distiche (cioè tutte disposte all'incirca sullo stesso piano che contiene, a sua volta, l'asse ideale del ramo che le porta), alterne; lamina di dimensioni max 4 x 10 cm, da ellittica a obovata, a subrotonda, con apice acuminato, margine seghettato, anche con 2 o 3 ordini di denti; base asimmetrica e con un lobo nettamente più lungo dell'altro, ma più corto del picciolo; picciolo breve, lungo non più di 5 mm; nervature molto evidenti (fino a 13-15 paia); presenza di stipole presto decidue.

Pagina superiore glabra, inizialmente lucida, quindi opaca; pagina inferiore chiara, opaca con ciuffi villosi sulle nervature, soprattutto dove queste si itersecano.

 

Fiori

Ermafroditi, subsessili, riuniti in piccole, ma dense, infiorescenze cimose ascellari, spesso monoclamidati (portano cioé soltanto uno dei due verticilli, calice oppure corolla), compaiono prima della foliazione; ovario bicarpellare supero; gli stami sono 4 o 5, con antere rosso-scure che conferiscono a tutta l'infiorescenza questo piacevole colore; l'impollinazione è anemofila, avviene cioè ad opera del vento.

 

Frutti

Samare con seme integralmente circondato da un'ala da tondeggiante a ovale o obovale, 14÷20 x 18÷25 mm, con margine intero e glabro, e apice smarginato; la fruttificazione precede di poco l'emissione delle foglie; il seme è leggermente appiattito e spostato verso l'apice della samara, quasi alla base del seno apicale.

 

Periodo di fioritura

Fiorisce da Febbraio a Marzo.

 

Territorio di crescita

Specie originaria dell'Europa centrale e Caucaso.

In Italia la subsp. minor è presente in tutte le Regioni, per subsp. canescens vedere "Somiglianze e varietà".

 

post-656-1227484211.jpg

 

 

Habitat

Pianta eliofila ma si adatta a vivere anche in posizioni ombrose; si trova facilmente nei boschi e lungo le siepi ove, più che altrove, riesce a mettere in atto le sue capacità pollonifere; comune anche negli incolti, lungo le scarpate dei fossi, etc.; entrambe le sottospecie presenti in Italia vegetano dal livello del mare fino ai 1000÷1200 m di quota.

 

Somiglianze e varietà

- U. minor Miller, subsp. minor è la specie descritta in questa scheda salvo diversa precisazione.

- U. minor Miller, subsp. canescens (Melville) Browicz & Ziel.: considerata da molti autori specie a se stante, è una pianta presente in Puglia ed in Sicilia, dubbia in Calabria; mentre in Toscana e nel Lazio è naturalizzata; caratterizzata da foglie con nervature più numerose (oltre 12) dimensioni 2÷10 cm, rametti giovani e foglie più pubescenti.

- U. glabra Hudson (=U. montana With.; = U. scabra Miller; detto comunemente Olmo di montagna, che presenta: foglie ruvide e molto grandi con margine a denti acuminati, base della foglia che ricopre completamente il corto picciuolo, seme posto al centro della samara che è ellittica e molto più grande (fino a 30 mm).

- U.laevis Pall.; detto comunemente Olmo bianco è specie avventizia, assente in Val d'Aosta, Lombardia, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna; presenta foglia ellittica con la massima larghezza a metà della lamina, fiori e frutti su peduncoli più lunghi (circa 8÷18 mm), samare cigliate al margine.

- Ulmus pumila L.; detto comunemente Olmo siberiano per la regione di provenienza, é stato introdotto in sostituzione di U. minor per la sua resistenza alla Grafiosi, malattia che ha decimato questa ultima specie; è caratterizzato da un portamento meno massiccio, pur potendo raggiungere 15÷20 metri di altezza, foglie più piccole, verdi, lucide, sempreverdi nelle zone più calde e caduche nei climi freddi, samare più piccole di 9÷16 mm, ovali con margine cigliato.

 

Specie protetta

Art. 20 (Tutela degli alberi ad alto fusto) L. R. 23/02/2005, n. 6 Marche, “Legge Forestale Regionale”.

Art. 1 e all. A L. R. 18/04/1995, n. 33 Veneto, “Tutela del patrimonio genetico delle specie della flora legnosa indigena nel Veneto”.

La sottospecie U. minor Miller subsp. canescens (Melville) Browicz & Ziel. è presente nelle Regioni Puglia e Sicilia, dove, fino ad ora, non appare citata negli elenchi delle specie soggette a tutela.

 

Costituenti chimici

Tannino, mucillaggini, fitosteroli, resine, sostanze amare, potassio, carboidrati, proteine.

 

Uso Alimentare.

I frutti immaturi, appena formati, possono essere mangiati crudi, in insalata: hanno un gusto aromatico ed inconsueto che lascia la bocca fresca, l'alito piacevole e sono un buon alimento, ricco di proteine vegetali.

Le foglie possono essere utilizzate come foraggio.

 

Uso cosmetologico

La qualità principale dell’olmo e' quella depurativa ed in cosmesi se ne utilizza la corteccia come ingrediente base di decotti per lavaggi.

 

Uso Farmacologico

I principi attivi, contenuti nelle foglie e, soprattutto, nella corteccia, hanno proprietà astringenti, depurative e cicatrizzanti.

 

Medicina alternativa e Curiosità

Si tratta di una pianta abbastanza usata in fitoterapia e gemmoterapia; le parti utilizzate in estratti, decotti e tisane, sono le gemme e la parte corticale interna dei rami di uno o due anni di età; le proprietà sono depurative, drenanti, dermopurificanti e dermoprotettive, diuretiche.

Per uso interno le indicazoni terapeutiche sono blando diuretico, astringente e purificante in caso di diarrea ed infezioni gastrointestinali e, nei dolori reumatici, diaforetico e sudorifero.

Per uso esterno la pianta è fortemente indicata per vari tipi di dermatosi, eczema e pruriti; è utile anche per la pulizia di piaghe ed ulcere della pelle.

Il primo a parlare delle proprietà mediche dell’olmo fu Plinio, che ne illustrò la capacita' cicatrizzante e lenitiva di foglie e corteccia.

Nella medicina popolare la parte interna della corteccia è stata usata, come rimedio d’emergenza, in caso di ferite.

 

Nell’ antichita' Ulmus minor era sacro a Morfeo e simboleggiava l’amicizia e l’unione nel matrimonio. Durante il Medioevo, divenne l’albero legato alla giustizia.

 

Note

L'olmo è stato colpito a più riprese da una grave pestilenza, proveniente dall'Asia e causata da un micete, Ophiostoma ulmi; l'ultimo attacco nel 1967 è stato il più dannoso (Ophiostoma novo-ulmi); fu una strage, soprattutto di piante secolari che improvvisamente si seccarono, risultando inutili tutti gli interventi fitosanitari; i veicoli di infezione sono due: diffusione attraverso insetti che normalmente vivono o depongono le uova nella corteccia dell'olmo ed in particola femmine di alcune specie di coleotteri Scolitidi del genere Scolytus, specie pygmaeus, sulcifrons, multistriatus, ecc.; altro veicolo infettivo è attraverso le radici: in questo caso la malattia si propaga tramite le radici ed i polloni radicali.

L'orientamento è quello di sostituire le specie indigene con altre specie di origine asiatica, che da molti anni convivono con questo terribile ascomicete ed hanno sviluppato forme di difesa.

Il legno dell'olmo è poco adatto ad essere usato come combustibile per gli eccessivi residui di cenere, uniti alla scarsa resa calorica.

Un tempo era ampiamente usato quale sostegno per la vite (la "piantata" di antica memoria), insieme a orniello, acero, carpino, talvolta gelso (la "vite maritata") e qualche albero da frutta; l'adozione di pali di sostegno in cemento ha determinato l'abbandono di questa pratica.

In passato questo legno, elastico e di facile lavorazione, veniva utilizzato per realizzare raggi e ruote dei carri; attualmente è ancora utilizzato per compensati, palquet ed attrezzi agricoli ed è particolarmente apprezzato per la sua resistenza all’umidità.

Le foglie erano un ottimo commestibile per gli animali quali buoi, asini, cavalli, capre, pecore ecc.: si usava far scivolare i giovani ramoscelli, per tutta la loro lunghezza, stringendo tra loro pollice ed indice, asportando così le foglie; i nostri vecchi dicevano che le piante delle siepi non ne soffrivano, anzi rigermogliavano ancora più bella di prima.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Giovanni Baruffa, G.B. Pau, Annamaria Bononcini - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

 

Link utili

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

Ulmus minor Miller - Foto di Giovanni Baruffa

Su questo maestoso esemplare di circa 20 metri di altezza, sono presenti gli ultimi fiori ed i primi frutti.

 

post-656-1227494224.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti