Gruppo Botanico AMINT

Salix alba L.

12 risposte in questa discussione

Salix alba L.

 

Sinonimi

Salix alba L subsp. alba L.

Salix alba L var. vitellina (L.) Ser.

Salix alba L subsp. vitellina (L.) Arcangel.

Salix alba subsp. coerulea (Sm) Rech.

Salix alba var. coerulea (Sm) Sm

 

Tassonomia

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Magnoliopsida

Ordine: Malpighiales

Famiglia: Salicaceae

Genere: Salix

 

Nome italiano

Salice bianco, Salicone, Salice da pertiche.

Nomi locali: Salcio arboreo, Salcone, Salice, Salce, Sarce, Salicastro, Salicone, Soixu, Sarxu giancu, Salice da pertiche, Salcio lombardo, Cudole, Sales bianch, Salgher da làtole, Saucia, Salici jancu, Sarpa, Venco mèstego, Molècch,

 

Etimologia

Il termine latino Salix ha probabile origine dal celtico Sal-ux = vicino all’acqua: per l’habitat;

alba = bianco: per il colore della pagina inferiore delle foglie.

 

Descrizione

Albero a foglia caduca che può superare l’altezza di 25 metri; chioma larga, generalmente ovoidale; tronco spesso capitozzato per la produzione di “vinchi”, cioè vimini usati per legature e per la produzione di cesti; corteccia grigio-nerastra, spesso con toni giallo-rossastri e fessurata longitudinalmente; rami lunghi, ascendenti, grigio-argentei, glabri; rametti giovani a volte penduli, arancio-rossastri, sericei come le gemme.

 

Foglie

Alterne, lanceolate, spesso con apice lungamente acuminato, finemente dentate e con breve picciolo; lunghe 3,5-:-12 cm, superano raramente 2,5 cm di larghezza, che raggiunge il suo massimo nella parte medio bassa; la pagina superiore è verde, lucida, inizialmente tomentosa, poi più glabra, mentre quella inferiore è più pallida, riccamente pubescente e sericea.

 

Fiori

Infiorescenze separate: amenti maschili compatti e lunghi 5-:-7 cm con 2 stami provvisti di antere giallastre; gli amenti femminili, verdastri e lunghi 3-:-5 cm, sono più sottili e lassi con fiori provvisti di un unico pistillo.

 

Frutti

Capsule glabre e quasi sessili, contenenti numerosi piccoli semi, leggeri e cotonosi, quindi facilmente dispersi dal vento.

 

Periodo di fioritura

Febbraio – Marzo – Aprile compatibilmente con le condizioni climatiche e con la zona di crescita.

 

Territorio di crescita

Specie spontanea in Europa, Asia e Africa settentrionale; nel nostro Paese è spontanea in tutte le Regioni.

 

post-656-1216484360.jpg

 

 

Habitat

Cresce rigoglioso in tutti i luoghi luminosi vicini all'acqua o dove la falda freatica è abbastanza vicina alla superficie, da 0 a 1000 metri slm.

 

Somiglianze e varietà

Le specie confondibili con foglie lunghe, strette e ± lanceolate confondibili sono:

Salix glaucosericea Flod. : specie subartica che vive ai limiti superiori della vegetazione;

Salix melichoferi Saut a foglie più panciute al centro, raro e presente nella parte orientale della zona collinare e subalpina;

S. rosmarinifolia L. : arbusto alto fino ad un metro, con foglie molto piccole e non biancastre;

S. helvetica Vill.: foglie più corte e molto villose;

Salix viminalis L. con amenti maschili e femminili lungi 3-:-4 cm e foglie strette;

Salix eleagnos subsp. eleagnos con foglie molto più strette;

Salix purpurea L. con amenti rossicci e foglie glabre e verde chiaro in entrambi i lati.

 

Specie protetta

Non risultano norme a carattere generale, regionale, locale, che proteggano questa pianta.

 

Costituenti chimici

Salicina, salicortina, populina, sostanze resinose, tannini, flavonidi, catechine. Tra i Salix, questa specie è quella che contiene in quantità minori i glucosidi salicilici.

 

Uso Alimentare

La presenza di acido salicilico, fortemente irritante fino ad essere causa di emorragie interne se assunto in dosi elevate, rende questa pianta non utilizzabile ai fini alimentari.

 

Uso Cosmetologico

Grazie alla presenza di acido salicilico, attraverso applicazioni e trattamenti locali, svolge importanti azioni desquamatorie e cheratolitiche (eliminazione delle cellule morte del derma).

 

Uso Farmacologico

Studi clinici e sperimentali, consolidati nel tempo dalle evidenze scientifiche, hanno appurato che questa essenza arborea ha proprietà: antisettiche, antireumatiche, febbrifughe, analgesiche, digestive, astringenti ed emostatiche. Grazie alle sue proprietà trova impiego per il trattamento delle sindromi influenzali ed infettive, per il contenimento delle forme febbrili acute con temperature alte, per il trattamento delle infiammazioni in genere, per lenire i dolori articolari, per il trattamento di affezioni dell'apparato gastroenterico.

 

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

 

Medicina alternativa e Curiosità

Secondo le convinzioni della gemmoterapia, si pensa che che questa essenza possa svolgere un ruolo importante nel trattamento delle malattie del sistema nervoso centrale (oltre alle gemme a tale scopo vengono usati gli amenti, la linfa interna e la corteccia).

Molte culture locali e popolari consigliano l'applicazione di foglie fresche per il trattamente di eritemi ed infiammazioni cutanee dovute a svariate cause (piaghe, verruche, eisti da punture d'insetti, scottature, ecc), decotto e polvere di corteccia trovano impiego per il tamponamento nel trattamento delle emorragie nasali e per curare gli stati di "timpanismo" dei ruminanti al pascolo (forte e pericoloso gonfiore addominale).

Il decotto di corteccia viene utilizzato per calmare i reumatismi e contro la febbre.

I fiori dei salici sono ricchissimi di azoto (ne contengono il 4%) e sono molto importanti per la produzione mellifera essendo i primi a fiorire.

 

Note

Durante la stagione fredda, soprattutto nei giorni di maltempo, i contadini separavano dai rami potati, tutti i rametti più piccoli; questi venivano ordinati a seconda della lunghezza, legati a mazzetti e posti ad "ammosciare" in luoghi freschi ed umidi, quali i fondi delle cantine scavate nella roccia o nel tufo; nei mesi di aprile, maggio i "vinchi" avevano raggiunto una grande flessibilità e venivano utilizzati nella piegatura e legatura dei tralci delle viti; una altra utilizzazione era per realizzare cesti, canestri ecc.; i rami di circa tre cm di diametro erano utilizzati come paletti di sostegno per le viti e negli orti; i rami più grandi, fragili e non flessibili, sono ottimo legname da ardere.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Giovanni Baruffa, G.B. Pau, Annamaria Bononcini, Pietro Curti - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

Link utili

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

Salix alba L. - Foto di Giovanni Baruffa

 

post-656-1216482279.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salix alba L. - Foto di Giovanni Baruffa

 

Foglie adulte con la caratteristica pigmentazione biancastra nella pagina inferiore.

 

 

post-656-1216486364.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salix alba L. - Foto di Giovanni Baruffa

 

Due esemplari in versione "capitozzata", per uttenerne "vinchi" usati in agricoltura per legature ma anche per realizzare cesti. Talvolta vengono utilizzate anche altre specie di Salix.

 

 

post-656-1216503412.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti