Pietro Curti

Parco Naturale del Monte Cucco

41 risposte in questa discussione

Fare le foto al buio o quasi, non è certo facile, anche in questo caso la compatta della Nikon P5100 dimostra tutto il suo valore.

grottaDSCN68550001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

All'igresso la guida ci spiega la formazione della grotta, frutto del pergolamento di acqua che ha disciolto il carbonato di calcio per milioni di anni.

presentazioneDSCN67110001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Prima di entrare in grotta ci aveva spiegato che la formazione di questi grossi blocchi di carbonato di calcio era avvenuta circa 8 milioni di anni fa con l'emersione dell'appennino dal mare primordiale a seguito dello scontro della piattaforma africana con quella euroasiatica. All'epoca erano presenti sotto il mare tropicale centinaia di metri di carbonato di calcio frutto del deposito degli esoscheletri che tantissimi animali marini avevano depositato in milioni di anni, con lo scontro tra le due grandi placche, iniziò l'emersione dell'appennino e la formazione dell'Italia che oggi conosciamo.

 

In particolare il Monte Cucco cresce di un metro al millennio a seguito dello scivolamento delle Marche sotto l'Umbria.

introduzioneDSCN66830001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Primi anfratti dentro la grotta.

anfrattoDSCN67180001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Davanti ai nostri occhi si aprono sale immense.

anfrattoDSCN68360001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Queste grosse cavità sono frutto di spaccature della roccia dovute ad eventi tettonici, all'azione meccanica dello scorrimento di acqua centinaia di migliaia di anni fa e quasi certamente anche all'azione ben più potente di fluidi di acido solforico provenienti dalle viscere delle fratture tettoniche in ere remote, tali fluidi sono ben più potenti e veloci nell'aggredire il carbonato di calcio e in poco tempo lo dissolvono creando depositi di gesso, ben visibili nelle zone più profonde della grotta.

canonDSCN67210001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'azione di questi fluidi, anche in forma di vapore, spiegherebbe la formazione delle cupole nelle sale più grandi della grotta, diversamente non si spiegherebbe quale forza potrebbe essere andata a scavare a mulinello sul tetto delle sale più grandi in epoche remote.

grottaDSCN67360001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dove l'acqua pergolava lungo le pareti in grande quantità si sono creati depositi massicci a grossi cuscini sovrapposti.

grottaDSCN67380001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grandi concrezioni di calcio a mensola con supporti a polipo.

grottaDSCN67500001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Strutture imponenti e levigate, questa è chiamata cascata di ghiaccio.

grottaDSCN67520001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora