Blacksnake

sul consumo di alcuni boleti della sezione Luridi

25 risposte in questa discussione

Gentili amici micologi,

scrivo dall'isola d'ischia.

Dalle mie parti moltissima gente consuma abitualmente Boletus rhodoxanthus (tra l'altro scambiandolo per satanas) e Boletus rhodopurpureus, ma anche altri luridi normalmente non commestibili.

Mi chiedo come mai la gente li consumi senza stare male.

E' possibile che il tipo di terreno prevalentemente vulcanico li renda meno tossici?

Distinti saluti.

Valerio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, ho mangiato per tanti anni Clitocybe nebualris senza problemi, fino a quando, una notte dopo aver consumato alcuni di questi funghi, sono stato malissimo. In seguito ho conosciuto Amint e sulla scheda relativa "al nebbione" era riportato sindrome gastroenterica incostante. Ora sono andato a controllare il tuo Boleto e porta Sindrome gastroenterica costante.

Non so se il terreno vulcanico o il modo di preparare questi funghi, possano mitigare la loro tossicità. In alcuni luoghi viene consumata l'Amanita muscaria privata della cuticola. Meglio non cadere in tentazione né con i funghi e né con le erbe. Ci sono tantissimi funghi buonissimi nel bosco, perché rischiare?

Credi a me che l'ho provata sulla pelle con l'intossicazione si sta male anzi malissimo.

Aspetta la risposta degli esperti del forum loro ti spiegheranno con precisione il perché non si debba consumare questo fungo

Roberto ;)

Modificato il da bob&bob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente conosco questo tipo di funghi e non li consumo, tuttavia la mia è una curiosità scientifica. Quì ad Ischia molte persone cercano i luridi più dei porcini e non riesco a spiegarmi un consumo così massivo senza effetto alcuno dal momento che molte persone si sentono male per molto meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, si avevo capito che tu non li consumavi, penso che chissà in quanti siano stati male e abbiano tenuta nascosta l'intossicazione, oppure abbiano dato la colpa a qualche altro alimento, consumato in concomitanza.

Si vengono a conoscenza solo quei casi d'avvelenamento trattati negli ospedali, gli altri i più leggeri, tra cui il mio, non fanno statistica.

Non sai se prima di consumarli facciano particolari trattamenti?

Se clicchi sulle schede in micologia (barra in alto) e digiti i nomi dei due boleti, troverai già delle buone risposte sulla tossicità dei due funghi. ;)

Ciao bob

Modificato il da bob&bob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà trattano tutti i tipi di luridi allo stesso modo. Se loro trovano un Boletus erythropus o un Boletus rhodoxanthus non fa differenza, nonostante questi funghi siano rispettivamente un buon commestibile dopo adeguata cottura e un non commestibile con sindrome gastroenterica costante. Li trattano entrambi cuocendoli a lungo e poi li mangiano. Una cosa da non credersi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà trattano tutti i tipi di luridi allo stesso modo. Se loro trovano un Boletus erythropus o un Boletus rhodoxanthus non fa differenza, nonostante questi funghi siano rispettivamente un buon commestibile dopo adeguata cottura e un non commestibile con sindrome gastroenterica costante. Li trattano entrambi cuocendoli a lungo e poi li mangiano. Una cosa da non credersi.

Dalle mie parti (Viterbese) è tradizione consumare i "cagnenti", dopo opportuni trattamenti che renderebbero commestibile anche un paio di vecchie ciabatte, il problema è che poi chi ne abusa finisce in ospedale non per avvelenamento ma per oclusione intestinale, data dalla consistenza fibrosa dei carpofori.

Mentre i commestibili "previo cottura" ; erythropus, luridus, non vengono nemmeno considerati per via della poca resistenza ai trattamenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cosa sono i "cagnenti" ? :think:

Ciao! Boleti a pori rossi dalla carne virante/cangiante dialettale = cagnenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Cosa sono i "cagnenti" ? :think:

Ciao! Boleti a pori rossi dalla carne virante/cangiante dialettale = cagnenti

 

ok grazie, ma l'erythropus ha i pori rossi ed è commestibile dopo "adeguata" cottura indi un bel trattamento prolungato, visto che l'adeguata è lunghetta non immagino nemmeno quanto tempo fanno cuocere i viterbesi gli altri "cagnenti" :l5-doh01:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per rispondere alla domanda su rhodoxanthus .... avrei bisogo di sapere come esattamente è stato preparato .... bollito e buttato via l'acqua? cotto a lungo? ....

Intanto sappiate che recenti studi molecolari hanno inequivocabilemte diviso la sezione "luridi" in 4 clades (sezioni) ... B_rhodoxanthus sta in quella del B_satanas .... non aggiungo altro!

Di certo ho personalmente assistito ad un avvelenamento da Boletus rubrosanguineus ...

Poi, bisogna verificare ben bene se quelli che consumano da quelle parti sono veramente dei rhodoxanthus .... non è così facile determinare questo gruppo di boleti per soli caratteri macro senza fare la microscopia ... non c'è da fidarsi del solo fatto del particolare viraggio in questa specie ...

buone cose

:ambulanza::OkelPic5675:

Modificato il da Girocolmitra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora