15 risposte in questa discussione

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae

Sinonimi

Boletus fechtneri Velen.

Boletus appendiculatus var. pallescens Konrad

 

Etimologia
Dal latino fechtneri = di Fechtner, da nome proprio.

Cappello
8-20 cm, inizialmente emisferico poi convesso-pulvinato, carnoso, con il margine eccedente, regolare; cuticola vellutato-feltrata, pruinosa, sericea, di colore da grigio-biancastro a grigio-crema, grigio-bruno, nocciola, talvolta con lievi sfumature rosate sul bordo.

Imenoforo
Tubuli lunghi, arrotondato-adnati, inizialmente gialli poi giallo-olivastri, viranti all'azzurro-verdastro alla sezione; pori molto piccoli, stretti, arrotondati, concolori ai tubuli, azzurro-bluastri alla pressione.

Gambo
8-15 × 3-6 cm, cilindraceo, ventricoso, ingrossato alla base, talvolta subradicante, di colore generale giallo cromo, con colorazioni rosato-rossastre più o meno persistenti, sovente organizzate in una zona anulare, talvolta diffuse su tutta la superficie o ancora appena accennate; leggero reticolo a maglie sottili e allungate, di norma concolore al fondo.

Carne
Soda e compatta nei giovani poi molle negli esemplari maturi, giallina, virante all'azzurro-verdastro alla sezione, in maniera più evidente sul cappello e all'apice del gambo, talvolta rosato-rossastra alla base; sapore dolce, odore gradevole negli esemplari giovani, invecchiando assume un'odore sgradevole di fermentazione, di sostanze chimiche o di pittura a tempera.

Habitat
Cresce isolato o in piccoli gruppi in boschi caldi di latifoglie (Faggio, Castagno, Quercia), più raramente sotto conifere associato a Peccio, spesso su suolo calcareo, dall'estate all'autunno.

Commestibilità e Tossicità
Buon commestibile dopo cottura, al pari delle altre specie appartenenti a questo Genere.

Somiglianze e Varietà

Il genere Butyriboletus (ex sezione Appendiculati del genere Boletus) comprende funghi boletoidi aventi imenio (tubuli e pori) e carne dolciastra di colore giallastro, fino reticolo concolore e viranti, o non, alla sezione o per manipolazione. Stabilito che Boletus è monofiletico e usato per B. edulis e relativo gruppo, è stato creato il genere Butyriboletus. Il nome del genere è dovuto alla colorazione dell’imenio, del gambo e della carne che ricorda appunto il burro naturale, tanto che in alcuni stati in U.S.A. vengono comunemente chiamati “butter boleti”. Butyriboletus appendiculatus = Boletus appendiculatus, è caratterizzato da tinte pileiche bruno-rossastre e base del gambo tipicamente attenuata e radicante. Le forme del nostro fungo con cappello particolarmente chiaro potrebbero generare confusioni con le specie del genere Caloboletus (C. radicans e C. calopus) dalla carne tipicamente amara e dall’odore sgradevole di colla vinilica. Rubroboletus pulchrotinctus (Alessio) Kuan Zhao & Zhu L. Yang è diversamente caratterizzato da cuticola con colorazioni rosate diffuse, più cariche al margine e carne rosata sotto la cuticola. Altra possibile confusione potrebbe avvenire con le forme a pori gialli di Rubroboletus satanas.

 

Osservazioni
I pori gialli, i toni del pileo grigio-caffèlatte e le sfumature rosato-rossastre sul gambo agevolano la determinazione. La carne di questa specie, in particolar modo nei periodi caldi, è facilmente invasa da larve.

 

Regione Emilia Romagna; Settembre 2012; Foto di Massimo Biraghi.

 

Bosco di Faggio, il suo habitat tipico. Questo fungo raggiunge dimensioni importanti, il cappello è carnoso, asciutto, feltrato ma appena lucido se in ambiente umido, la cuticola eccede il margine; il colore è di tonalità chiara tra il nocciola il bruno e il grigio; i pori sono gialli come pure i tubuli e virano al verdastro o azzurrognolo al tocco o al taglio.
Il gambo è cilindrico ingrossato alla base; giallo carico; a volte con sfumature rossicce che formano una zona anulare nella sua parte bassa ma che possono occuparne anche tutta la superficie. La carne è biancastra, soda negli esemplari giovani, di solito vira leggermente all'azzurro nel cappello. Sapore dolce, odore gradevole ma solo negli esemplari giovani. Ottimo commestibile dopo cottura.

 

post-2286-0-23570300-1348261596.jpg

post-2286-0-11501800-1348261702.jpg

post-2286-0-69066300-1348261723.jpg

post-2286-0-44067000-1348261762.jpg

 

post-2286-0-11468300-1348261743.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Lombardia; Luglio 2005; Foto di Massimo Biraghi.

post-2286-1122755758.jpg

Sezione e viraggi.

post-2286-1122755803.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Lombardia; Luglio 2009; Foto di Massimo Mantovani.

post-735-1247919654.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Toscana; Giugno 2009; Foto di Alessandro Francolini.

Boletalecea tipica della stagione calda, con habitat presso latifoglie (Castagno, Quercia, Faggio) e più raramente presso conifere (peccio). Cuticola asciutta, vellutata o sericea di colore variabile dal grigio-biancastro al bruno-nocciola ma sempre con tonalità chiare; il margine pileico è eccedente e a volte sfumato di rosa. Tubuli gialli nei giovani esemplari, poi giallo-olivastri, viranti all’azzurro-verde al taglio; pori piccolissimi, concolori ai tubuli, bluastri al tocco. Il gambo ha forma da cilindrica a ingrossata alla base, con colore di fondo giallo-cromo ma presenta sovente sfumature rosate più o meno diffuse o disposte in una fascia anulare. Reticolo a maglie piccole e concolori al fondo. Carne dal sapore dolce e dall’odore (più gradevole negli esemplari giovani) che alcuni Autori paragonano a quello dei coloranti a tempera. Commestibile buono solo dopo adeguata cottura, così come le altre specie appartenenti alla Sezione Appendiculati.

post-4417-1245487168.jpg

post-4417-1245487183.jpg

Superficie poroide giallo-cromo, così come il colore di fondo del gambo, con sfumature rosate.

post-4417-1245487313.jpg

Reticolo.

post-4417-1245487329.jpg

ll cappello, screpolato per la stagione secca; carne giallina sotto la cuticola.

post-4417-1245487913.jpg

Particolare delle maglie del reticolo.

post-4417-1245487488.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Emilia Romagna; Ottobre 2009; Foto di Gianni Bonini.

post-665-1256071645.jpg

post-665-1256071674.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Emilia Romagna; Agosto 2010; Foto di Gianni Bonini.



post-665-093981900%201282938442.jpg



post-665-012580300%201282938464.jpg



post-665-032391200%201282938483.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Toscana, Villafranca in Lunigiana; Settembre 2011; Foto di Massimo Biraghi.

Bosco di roverella.

post-2286-0-90656700-1316951920.jpg

post-2286-0-04769300-1316951968.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Emilia Romagna; Luglio 2011; Foto di Massimo Biraghi.



post-2286-0-88192600-1310075512.jpg



post-2286-0-61949500-1310075562.jpg



post-2286-0-98239600-1310075876.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Butyriboletus fechtneri (Velen.) D. Arora & J.L. Frank; Regione Emilia Romagna; Settembre 2012; Foto di Gianni Bonini.

post-665-0-86197600-1348771262.jpg

post-665-0-50357800-1348771274.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti