Vai al contenuto

Recommended Posts

Ho letto con molta attenzione la schedadel gyroporus castaneus, soprattutto dopo che in un'altra duscussione mi avete chiarito che non è più da considerare commestibile ma tossico.

 

Nella scheda si evidenzia somiglianza con la sezione Edules dei boleti per l'immutabilità della carne. Però per questo la mancanza di reticolo sul gambo è dirimente.

 

Non viene indicato invece nessun rischio di confusione con Xerocomus Badius, però guardando varie immagini trovate su molti siti, oltre ovviamente al vostro, ho trovato alcune foto di Castaneus molto giovani e di colorazione scura che possono assomigliare al Badius ugualmente giovane. E per esemplari così giovani, la cavernosità del gambo tipica del Gyroporus non si è ancora presentata; ed entrambi hanno carne bianca immutabile, pori bianchi o al limite del bianco, buon profumo.

 

In questo caso, quale può essere la caratteristica dirimente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La corteccia del gambo del Gyroporus sempre piuttosto coriacea e caratteristica, e i pori veramente bianchi! :)

 

Tom :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come sarebbe che il G. castaneus è tossico ? Io l'ho appena messo in un misto e sono ancora viva, delucidazioni ...grazie :o

 

Marika

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda i forum della sezione pubblicazioni. Io ho appena comprato l'atlante "tutto funghi" e l'ho trovato censito come tossico. Ho segnalato la contraddizione con questo ed altri siti che lo danno per buono, e l'autore mi ha risposto che hanno recentemente accertato che può causare intossicazioni. È una novità dell'ultima ora. Un po' come è successo qualche anno fa con la nebularis. ..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente non ho trovato nulla che dica che è tossico, solo che bisogna scartare il gambo perchè potrebbe provocare gastroenteriti e coriaceo, ma quello si sapeva come d'altronde anche lo X. badius, mi manderesti il link o la pagina con l'autore di questa affermazione in privato ?

 

grazie Marika :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente non ho trovato nulla che dica che è tossico, solo che bisogna scartare il gambo perchè potrebbe provocare gastroenteriti e coriaceo, ma quello si sapeva come d'altronde anche lo X. badius, mi manderesti il link o la pagina con l'autore di questa affermazione in privato ?

 

grazie Marika :)

 

Marika l'autore è Claudio Angelini, la pagina è il nuovo capitolo di micotossicologia nell'edizione 2015 del nostro "Tutto Funghi" AMINT. Si tratta di una novità verificata dal nostro micotossicologo di fiducia che colloca Gyroporus castaneus tra i funghi responsabili di accertate forme gastroenteriche incostanti, ciao,

Piero

 

PS

sto lavorando alla revisione del capitolo di micotossicologia e a seguire all'aggiornamento conseguente delle schede sul forum, in modo da rendere i nostri contenuti conformi e coerenti con quanto indicato nel nostro nuovo "Tutto Funghi".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok Piero, allora può essere come l'Armillaria, la Macrolepiota oppure proprio tossico tutto senza scampo ?

 

Marika

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok Piero, allora può essere come l'Armillaria, la Macrolepiota oppure proprio tossico tutto senza scampo ?

 

Marika

 

I funghi responsabili di forme gastroenteriche incostanti, sono tali rispetto alle considerazioni tecniche formulate da Claudio:

 

"definite “a tossicità incostante”, in quanto la loro tossicità è particolarmente variabile in funzione della sensibilità individuale, dei quantitativi consumati, dello stadio di maturazione, della zona di raccolta e dal metodo di preparazione (prebollitura)."

 

Le componenti che concorrono a formulare la tossicità incostante sono quindi molteplici, risulta impossibile controllarle e prevenirle tutte con appositi protocolli, e quindi prudenzialmente sono da escludere dal consumo alimentare, le Armillaria e le Macrolepiota commestibili non rientrano in questo quadro tossicologico, nel nuovo libro trovi l'elenco e presto sarà leggibile anche nel capitolo di micotossicologia che sto revisionando.

Piero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Piero, te l'ho chiesto perchè io il Gyroporus l'ho sempre mangiato nel misto, anche ultimamente e non mi ha creato problemi, mentre le Armillaria, fatte con tutti i santi crismi come mi avevi detto tu, non ti dico che scherzetti, cmq aspetto di leggere la revisione con le nuove note di Claudio.

 

ciao Marika

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Important Information