Vai al contenuto
Lactarius1985

chiarimento su Suillellus luridus

Recommended Posts

Buongiorno, ho essiccato tramite essiccatore per 4 ore a 70 gradi alcuni esemplari di suillellus luridus.  Relativamente alle tossine termolabili  volevo sapere se prima di consumarli si consigliano altri trattamenti oppure si possono inserire direttamente all'interno del sugo.

Grazie

Cordialità

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Andrea, ma se un fungo contiene tossine termolabili, cioè che si deteriorano in cottura, secondo la cottura serve? :blink: :blush:

Tom :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Tom, mi sono espresso male la domanda in precedenza sembrava più un consiglio culinario che un chiarimento scientifico.

intendevo se essicco con un essiccatore a 70 gradi per 6 ore, le tossine esposte a quella temperatura per un tempo così lungo non vengono intaccate per niente?non si può considerare come una sorta di cottura?

 

Grazie

Andrea

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Andrea, aspetta ciò che ti dirà Tom.

Credo comunque che con l'essicazione non puoi essere sicuro della temperatura che raggiungono le tossine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Andrea,

Le generalizzazioni sono sempre difficili da fare, perché per specie diverse spesso il comportamento deve essere diverso.
Non è solo un problema di temperatura, dipende anche dal mezzo (acquoso nella cottura) con cui cuoci i funghi.

Facciamo un esempio: Armillaria mellea, i Chiodini. Specie commestibile e ben conosciuta da tutti i fungaroli.

OK, commestibile... SE non ha preso la gelata, SE la sbollentiamo, SE buttiamo l'acqua di cottura, SE poi la cuociamo normalmente, SE non la mettiamo in congelatore prima di cucinarla... 
I casi documentati di intossicazione da Chiodini sono veramente numerosi, e legati nella maggior parte dei casi alla mancata osservazione di queste regole di comportamento.

Altro esempio: Clitocybe nebularis. Consumata per anni, esistono una marea di casi di intossicazioni ben documentate. Contiene 1) tossine volatili che vengono eliminate con i vapori durante la cottura (se provi a far bollire delle Clitocybe nebularis in una cucina senza aprire la finestra avrai un mal di testa assicurato e persistente per un paio di giorni!); 2) Tossine idrosolubili che si sciolgono nell'acqua di cottura, che veniva buttata anche in questo caso; 3) Tossine termolabili che si trasformano con la cottura, quindi ad alte temperature; 4) Tossine termostabili, che in quanto tali PERSISTONO anche nel fungo bollito, cotto e ricotto e danno intossicazione da accumulo, che cioè si scatena solo quando raggiungi una soglia limite. Eppure ci sono ancora ******** che la consumano.

Alla domanda "se essicco con un essiccatore a 70 gradi per 6 ore ... non si può considerare come una sorta di cottura?" si potrebbe rispondere ironicamente con un altra domanda:
Ma secondo te un avvelenamento forse più leggero, si può considerare come una sorta di avvelenamento? B) :lol:

Se dobbiamo generalizzare posso dire soltanto che: NO, essiccare un fungo in essiccatore non è ovviamente equivalente a una cottura prolungata  :rolleyes:

Ciao, Tom :)
 

PS
Ma quale è poi il problema di far cuocere i funghi che hai prima essiccato? Non te li mangerai mica a mozzichi da secchi?!? :blink: :giggle:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille come sempre.

:laugh:hahaha sto morendo dal ridere,non me li mangio a mozzichi secchi...però sarebbe una bella idea x la creazione di uno :laugh:snack vegan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fungo-vegan-snack! Si può essere un'idea! :biggrin::biggrin::biggrin:
Ma solo con specie che non devono prima essere cotte! :giggle:

Ciao, Tom :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Important Information