Vai al contenuto

Recommended Posts

Russula foetens Pers.

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae
Genere Russula
Sottogenere Ingratula
Sezione Ingratae
Sottosezione Foetentinae

Nome italiano
Russula fetida, colombina fetida

Etimologia
Dal latino "foetens" = fetido, per il suo odore.

Cappello
5÷20 cm, inizialmente emisferico, con il margine aderente al gambo, poi espanso e quindi più o meno depresso; margine solcato-scanalato poi ondulato e fessurato nel senso delle lamelle, con piccole protuberanze nei solchi; cuticola vischiosa, percorsa da fini venature raggiate, separabile solo lungo il margine, di colore giallo bruno o giallo-miele o ocraceo, a volte volgente un poco verso il grigio, più scura al centro, stagionando sbiadisce.

Lamelle
Rade, basse, grosse, disuguali, alcune bifide, raccordate tra loro da lamellule; Biancastre poi crema o giallastre, con chiazze brune o bruno-rossastre, rugiadose con tempo umido nei giovani esemplari.

Gambo
7÷13 × 1,5÷4 cm, robusto, tozzo, inspessito a metà o sotto la metà, prima pieno poi cavernoso e fragile, biancastro poi con qualche zona o macchia brunastra a cominciare dal piede.

Carne
Consistente ma fragile, bianca ma diventa rosso bruna a contatto con l'aria o con l'età. Odore fetido, sapore acre e nauseante quello delle lamelle, mite a volte quello del gambo.

Habitat
Cresce in stagione estivo-autunnale, in Europa e nell'America Settentrionale, a gruppi nei boschi umidi di conifere e di latifoglie, sia in pianura che in montagna.

Microscopia
Spore 9 x 8 µm in media, emisferiche, verrucose, uncinate, color crema.

Commestibilità e Tossicità
Deve essere considerata a tutti gli effetti una Russula tossica, anche se la sgradevolezza dell'odore costituisce un deterrente quasi automatico.

Osservazioni
Questa specie appartiene ad un complesso di russule (Foetentinae) accomunate dalla cuticola vischiosa, dalle colorazioni giallo-brune del cappello, dalla profonda pettinatura al margine dello stesso e dalla presenza di odori molto marcati, più o meno sgradevoli.

Somiglianze e varietà
Con odore di mandorle amare la Russula laurocerasi Melzer, meno comune e mediamente più piccola. La Russula illota Romagnesi, cappello 5÷16, coperto da velo violaceo, finchè allo stato umido, col tagliente delle lamelle picchiettato di puntini nerastri, non commestibile. La Russula subfoetensW.G. Smith ha odore meno repellente, gen. meno robusta e con reazioni chimiche diverse sulla carne. Tutte le Foetentinae per il loro aspetto poco attraente, per il loro odore e il loro sapore sono da considerare non commestibili o addirittura, almeno le più acri, tossiche.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Pietro Curti - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


Regione Lombardia; Foto di Federico Calledda.

post-620-1169221419.jpg
enc.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Foto e descrizione di Pietro Curti.

Viscida con tempo umido, robusta e tozza nel portamento, bordo del cappello rigato, maggiormente a maturità. Odore complesso, normalmente veniva definito di varechina, in realtà tale aroma è maggiormente presente nelle lamelle, mentre il cappello sfregato ricorda maggiormente le mandorle amare. Sapore acre e crescita ubiquitaria in tutti i boschi.

post-36492-0-09714200-1462531647.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Regione Trentino; Settembre 2005; Foto e commento di Pietro Curti.

Con odore sgradevole complesso, difficile da definire ma con una punta di varechina abbastanza chiara, sapore fortemente pepato, dimensioni grandi e spesso notevoli, superficie del pileo glutinosa.

post-4-1136113222.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Regione Trentino; Agosto 2009; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

Reazione negativa alle basi forti (NaOH). Questo carattere permette di distinguerla dalla simile Russula subfoetens che ha reazione giallo oro.

post-2993-1251322508.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Regione Lazio; Luglio 2011; Foto di Tomaso Lezzi.

Russula appartenente al sottogenere Ingratula, sezione Ingratae, sottosezione Foetentinae. Cappello molto glutinoso, che asciugandosi, trattiene attaccate sulla cuticola terra e resti di foglie; sporata crema; reazione negativa alle basi forti come NaOH, mentre la simile Russula subfoetens ha una reazione giallo oro.

post-2993-0-56944000-1312209179.jpg

Il gambo negli esemplari maturi diventa completamente cavo.

post-2993-0-57376000-1312209178.jpg

Reazione negativa della carne al NaOH.

post-2993-0-87323800-1312209790.jpg

Spore con verruche isolate.

post-2993-0-58443800-1312283405.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Regione Emilia Romagna; Luglio 2010; Foto, commento e microscopia di Massimo Biraghi.

Russula della sottosezione Foetentinae. Le dimensioni imponenti, le spore con aculei evidenti, non alate, i macrocistidi imeniali spesso moniliformi, la reazione nulla della carne con KOH sono le caratteristiche salienti di questa specie.


post-2286-052848900%201279311711.jpg

Microscopia

Macrocistidi imeniali.

post-2286-063093900%201279311786.jpg

Particolare delle spore con evidenti aculei e assenza di "ali".


post-2286-022784700%201279311838.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Russula foetens Pers.; Regione Umbria; Ottobre 2012; Foto di Mario Iannotti;

Ritrovamento in bosco puro di Fagus sylvatica, Russula di grossa taglia, il cappello ha un diametro di 180 mm negli esemplari più grandi, di colore giallastro, glutinoso, il margine è scanalato-tubercolato, il gambo è cilindrico, svasato all'apice, presto cavo, la carne è di colore biancastro, ha un odore sgradevole di difficile definizione, il sapore è nettamente acre. Reazione negativa al KOH.
La specie più vicina è Russula subfoetens, che si separa per la taglia minore, la carne macchiata di giallo citrino e la reazione positiva al KOH.

post-12947-0-53192400-1351183846.jpg

post-12947-0-04332700-1351183898.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information