Jump to content
Sign in to follow this  
Archivio Micologico

Lactarius torminosus

Recommended Posts

Lactarius torminosus (Schaeff.: Fr.) S.F.Gray

Tassonomia
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae

Etimologia
Dal latino torminosus = che tormenta, per i forti disturbi gastrointestinali che provoca.

Cappello
5-12 cm, di medie dimensioni, compatto, convesso e molto involuto tanto da chiudersi a riccio sul gambo, poi piano fino anche ad imbutiforme, con depressione centrale sempre presente già nei primi stadi di crescita. Le colorazioni pileiche sono tipicamente rosa antico o rosa salmone più o meno scuro, con nette zonature concentriche, all'inizio evidenti poi progressivamente meno definite con la maturazione o a causa della pioggia. Il margine è ricoperto da una fitta peluria raggruppata a ciuffi che nei giovani esemplari preclude la visione delle lamelle. La cuticola è normalmente ricoperta da questa peluria fino a meta del raggio e lascia gradualmente spazio verso il centro ad una superficie glabra ma l'azione della pioggia o la crescita possono causarne una differente proporzione. Le lamelle, molto fitte e sottili, sono di colore crema pallido con sfumature rosate.

Gambo
Cilindrico o leggermente rastremato in basso, a volte con rare fossette o scrobicoli più scuri, da biancastro fino a quasi concolore al cappello, spesso più scuro all'apice dove può formare una zona anulare.

Carne
Bianca ma rosata in prossimità delle superfici esterne (gambo e cuticola), pressochè immutabile con odore debole fruttato e sapore acre. Latice non molto abbondante si esaurisce dopo poco tempo dalla raccolta, è di colore bianco immutabile e di sapore molto acre.

Habitat
Molto comune, è simbionte specifico delle Betulle.

Commestibilità e tossicità
È da considerare velenoso e provoca intossicazioni di tipo gastrointestinale.

Osservazioni
Con una minima esperienza può essere facilmente riconoscibile sul campo, almeno per quanto riguarda gli esemplari tipici ed in buono stato di conservazione. Il colore rosa antico, rosa salmone, rosa-arancio, la caratteristica peluria sul cappello, la zonatura dello stesso e l'habitat specifico sono i migliori caratteri per una corretta determinazione.

Somiglianze e varietà
Lactarius pubescens, che condivide lo stesso habitat, ha un cappello più chiaro, biancastro con sfumature rosate e macchie ocracee specialmente al centro, non presenta zonature, ha un gambo frequentemente corto che gli conferisce un portamento tarchiato. Lactarius tesquorum è caratteristico del Cisto in zona mediterranea, ha un cappello non zonato e colorazioni meno rosate, tipicamente giallo ocracee, peloso, lanoso in tutta la superficie del cappello ma senza peli riuniti a ciuffi. Lactarius mairei ha portamento relativamente più slanciato, colorazioni giallo ocracee, più o meno zonato con peli concentrati sul bordo del cappello, glabro al centro e reperibile sotto Quercia. Le colorazioni rosate possono ricordare alcuni Lactarius commestibili della Sezione Dapetes, i quali però secernono latice colorato e non bianco.

Curiosità
Non utilizzare funghi pepati credendo di dare sapore alle pietanze e sostituirli al pepe in quanto diverse specie come il Lactarius torminosuscontengono sostanze tossiche che possono diventare pericolose in particolare in persone debilitate o nei bambini.

Scheda AMINT tratta da "Tutto Funghi".

Foto di Emilio Pini.

post-36492-0-17185000-1461063752.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lactarius torminosus (Schaeff.: Fr.) S.F.Gray, Regione Trentino; Settembre 2005; Foto di Pietro Curti.

Un Lactarius decisamente semplice da delimitare, Lactarius torminosus. Normalmente il colore nei funghi non ha grande significato, in questo fa eccezione, il bel colore rosato del pileo di questo fungo fa veramente la differenza con le specie vicine. Anche l'habitat aiuta molto, sempre in presenza di Betulla.

post-36492-0-71704700-1461063776.jpg

post-36492-0-72481800-1461063784.jpg

post-36492-0-11242900-1461063794.jpg

Soggetti più giovani con cromatismi tipici più forti.

post-36492-0-08155300-1461063803.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lactarius torminosus (Schaeff.: Fr.) S.F.Gray, Regione Lombardia; Agosto 2009; Foto di Massimo Biraghi.

post-2286-1250516078.jpg

post-2286-1250516117.jpg

Lactarius torminosus, particolare del pileo lanugginoso.

post-2286-1250516153.jpg

Foto e commento di Massimo Mantovani.

Specie appartente alla sezione Piperites. E' riconoscibile per la colorazione rosata del pileo che si presenta molto tomentoso. Gli è simile Lactarius pubescensche ne condivide l'habitat ma ha colorazione più tendente al biancastro. Ritrovamento presso Betula spp. Giovani esemplari.

post-735-1250670228.jpg

Negli esemplari di taglia maggiore è più facile osservare la "lanuggine" .

post-735-1250670309.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lactarius torminosus (Schaeff.: Fr.) S.F.Gray; Regione Liguria, Sassello, raduno AMINT; Ottobre 2012; Foto di Tomaso Lezzi.

Lactarius simbionte esclusivo della Betulla, con cappello rosato, zonato, fortemente involuto, tomentoso soprattutto sul margine del cappello. Il simileLactarius pubescens Fr., che condivide lo stesso habitat di Betulla ha il cappello più chiaro e meno zonato.

Un particolare del margine fortemente involuto e tomentoso.

post-2993-0-56294300-1349697027.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information