Jump to content
Sign in to follow this  
Archivio Micologico

Agaricus bisporus (J.E. Lange) Imbach 1946

Recommended Posts

Agaricus bisporus (J.E. Lange) Imbach 1946

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Agaricus
Sottogenere Agaricus
Sezione Bivelares

Sinonimi
Psalliota hortensis (Cooke) J.E. Lange 1926
Agaricus hortensis (Cooke) S. Imai 1938
Psalliota bispora (J.E. Lange) F.H. Møller & Jul. Schäff. 1938

Nome italiano
Prataiolo coltivato, Champignon.

Etimologia
L'epiteto Agaricus deriva dal greco αγαρικόν = fungo degli Agari; perché secondo Dioscoride proveniva dall'Ucraina, che a quel tempo veniva chiamata "Terra di Agaria".
L'epiteto 
bisporus deriva dal latino bisporus = che genera due spore.

Cappello
4-10 cm, a lungo emisferico con centro appianato che si deprime col tempo, poi si espande fino a piano convesso; margine involuto, lobato, poi disteso a maturazione, appendicolato. Superficie sub-liscia, che tende a lacerarsi in larghe squame negli esemplari adulti, soprattutto al margine, di colore bianco, grigio-biancastro, brunastro, imbrunente al tocco.

Lamelle
Molto fitte, libere, dapprima di un bel color rosa, più tardi bruno-cioccolato, con filo biancastro sterile.

Gambo
2-5 cm e spesso 1,5-2,5 cm, cilindrico con base leggermente ingrossata, superficie liscia, bianco-grigiastra, presto bruna alle manipolazioni ed alle contusioni.

Anello
Infero, sottile ed aperto, leggermente ispessito al margine, bianco, situato nella zona mediana del gambo, striato sulla faccia superiore.

Carne
Bianca e soda, quasi immutabile, arrossa leggermente soprattutto alla base del gambo. Odore debole ma gradevole, sapore gradevole.

Habitat
Terreni concimati, letamai, prati, giardini; è una specie coltivata intensamente, ma poco frequente in ambiente naturale, sul versante atlantico è piuttosto frequente nelle siepi di giovani Cipressi (Cipresso di Monterey), in quanto pare che queste piante vengano coltivate utilizzando letame proveniente dalle coltivazioni di Agaricus bisporus. Cresce tutto l’anno, ad eccezione dell’inverno inoltrato.

Microscopia
Spore 5,0-7,0 × 4,5 5,5 µm, ellissoidali, lisce, bruno-porpora in massa (Iantinosporeo); basidi bisporici; cheilocistidi claviformi.

Commestibilità e Tossicità
Ottimo commestibile, anche se negliultimi anni è stato confermato che questa specie, come tutto il genere tendono a concentrare metalli pesanti.

Osservazioni
Non presenta una qualche caratteristica tipica che valga, da sola, a distinguerlo dalle altre specie di Agaricus; il riconoscimento, quindi, deve essere effettuato sulla base dell’insieme dei caratteri che lo contraddistinguono. In particolare, la statura relativamente piccola, l'anello posizionato nella zona mediana del gambo e con il margine più spesso, l'odore gradevole e la crescita su terreni fortemente concimati possono aiutare nel suo riconoscimento.

Specie simili
Agaricus campestris L. : Fr., ha un anello più fugace, il gambo assottigliato, appuntito alla base, e non bulboso.
Agaricus cumtulus Fr., anch’esso con crescita in habitat di campi coltivati, ma con carne che vira al giallognolo ed odore lieve di mandorle amare.
Agaricus xanthodermus Genev., ha un cappello che va dal bianco candido al nocciola-marrone, odore di fenolo, e si tinge velocemente di giallo specialmente lungo il margine del cappello e alla base del gambo.

Bigliografia
PARRA SÁNCHEZ L.A., 2008. Agaricus L., Allopsalliota Nauta & Bas. Fungi Europæi. Vol 1. Alassio (SV): Ed. Candusso.
PARRA SÁNCHEZ L.A., 2013. Agaricus L., Allopsalliota Nauta & Bas. Fungi Europæi. Vol 2. Alassio (SV): Ed. Candusso.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Felice Di Palma - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Da notare il leggero arrossamento alla sezione ed il colore del cappello che il più delle volte non è bianco candido.

post-3093-1185035799.jpg

post-3093-1185035833.jpg

post-3093-1185035883.jpg

Spore 5,5-7 × 4,5-5,5 largamente ellissoidali, quasi rotondeggianti (a parete spessa anche più di un µm).

post-3093-1185228825.jpg

Basidi bisporici.

post-3093-1185228884.jpg

post-3093-1185228926.jpg

post-3093-1185228963.jpg

Cheilocistidi clavati, molto numerosi.

post-3093-1185229056.jpg

post-3093-1185229079.jpg

post-3093-1185229135.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Agaricus bisporus (J.E. Lange) Imbach; Regione Umbria; Novembre 2012; Foto di Stefano Rocchi.

Rinvenimento effettuato sotto cipressi; cappello caffè-latte, leggermente squamuloso, con bordo frangiato; gambo ingrossato alla base ove vi sono piccole radichette, biancastro con striature brunastre longitudinali; lo stesso è cavo; carne bianca ma tende ad essere rosata nella parte del cappello verso le lamelle e nel gambo; odore fungino (con lieve accenno farinoso nelle lamelle) e sapore buono di nocciole.

Agaricus bisporus in natura spesso si presenta in modo piuttosto differente rispetto agli esemplari cresciuti in coltivazione, gli esemplari sono però caratteristici per la forma dell'anello,il margine eccedente e la crescita sotto Cupressus. L'esame microscopico di Felice Di Palma ha confermato la specie per i basidi prevalentemente monosporici, solo qualcuno bisporico, le spore osservate sono di conseguenza di misure piuttosto grandi.

post-9732-0-71315600-1355527698.jpg

post-9732-0-09270400-1355527737.jpg

post-9732-0-47881100-1355527783.jpg

post-9732-0-48618700-1355527828.jpg

post-9732-0-81621700-1355527867.jpg

post-9732-0-47741800-1355527933.jpg

post-9732-0-06928900-1355527977.jpg

post-9732-0-07562700-1355528019.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information