Jump to content

Suillellus queletii (Schulzer) Vizzini, Simonini & Gelardi 2014


Recommended Posts

Suillellus queletii (Schulzer) Vizzini, Simonini & Gelardi; Regione Toscana; Giugno 2018; Foto di Alessandro Francolini.

Agevolano il riconoscimento di Suillellus queletii l’assenza di reticolo sul gambo; il gambo giallo nella parte superiore ma rosso-barbabietola alla base e subito imbluente per corrusione; i tubuli gialli; la superficie poroide di un bel colore arancio (anche se gialla nei giovanissimi esemplari) e mai rosso-vivo, virante al blu alla pressione; la cuticola asciutta e vellutata; la carne dal sapore dolciastro, giallastra ma rosso-barbabietola nel gambo, soprattutto alla base; virante al blu alla sezione.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 211, Pag. 332: “Buon commestibile dopo adeguata cottura.
Insieme ai simili Neoboletus luridiformis (= Boletus erythropus) e  Suillellus luridus (= Boletus luridus) rappresenta una delle tre specie di Boletaceae con i pori aranciati-rossi e carne virante al blu, da considerarsi commestibili dopo adeguata cottura: infatti contengono tossine termolabili che vengono distrutte con il calore solo dopo adeguata cottura, per un tempo che non dovrebbe essere inferiore ai 45 minuti.”

DSC03753.JPG.cfd17885d6d81981fc78587d86d7cd10.JPG

DSC03754.JPG.e4b2442c34262423b56495db300afa97.JPG

DSC03755.JPG.e43f5a48092b7b8214f9404595bea842.JPG

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information