Jump to content
Guest

Zizyphus Jujuba *

Recommended Posts

Guest
In verità è un semplice giuggiolo, pianta simpaticissima ma inavvicinabile: ha delle spine paurosamente appuntite e dure. Le giuggiole, che in dialetto si chiamano "gelsi", si mangiano sia verdi un po' agri sia mature dal colore marrone. Troppo mature sono scivolose.

In ogni quartiere cinese che ho visto (N. York, San Francisco, Montreal ecc,)i negozi sono provvisti in quantità industriali, sono un po' appassiti.

Li preferisco freschi.

Si possono fare in brodo, brodo di giuggiole.

Ciao Luciano

:D

:bye:

 

 

ciao Luciano,

è un frutto veramente poco frequente nei nostri mercati!

Li ho assaggiati una sola volta ma mi è subito stato chiaro il detto "finire in un brodo di giuggiole" !!!

salutone,

Maurizia

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ciao in verità le giuggiole si trovano in autunno inoltrato solo in un paio di frutterie che espongono cose piu' sfiziose, non credo che sia facile trovarle in giro.

Comunque ci si faceva davvero uno sciroppo, unitamente ai fichi, datteri ed uvetta (tutta roba dolcissima, mica scemi!!!), leggermente bechico (pettorale, contro la tosse, anche se mia madre usava un rimedio piu' sbrigativo: metteva a cuocere dello zucchero in un pentolino sino a scioglierlo e renderlo brunito e poi un po' d'acqua).

Le giuggiole sono leggermente lassative.

 

Per Luigi: le tue foto sono recenti? Mi pare di vedere dei frutti già maturi.

 

 

Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Da noi, in Romagna, il giuggiolo fa parte dei frutti dimenticati. A Brisighella (ra) ogni anno a fine ottobre si svolge " La Fiera dei FRUTTI DIMENTICATI" e lo Zizyphus Jujuba fa parte di questi frutti. Cresce anche da noi e lo si trova spesso nelle vecchie case di campagna, appoggiato alle pareti e situato nella posizione più soleggiata e riparata. E'un frutto molto piacevole, che ci ricorda la ns. infanzia.!!

:bangin::thumbup: mirna

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Carissimi concordo

la commercializzazione di poche specie, redditizie, di frutta ha letteralmente maciullato quelle meno convenienti (faccio solo un esempio: i fichi). Anche all'interno poi dei cultivar (mele e pere ad es.) solo alcune specie, il resto nisba. E' una strage dettata solo dall'interesse economico.

 

Interessante quella mostra dei frutti dimenticati.

 

Ciao (noto che in questi giorni state inserendo bellissime foto, complimenti)

 

Ciao Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
Per Luigi: le tue foto sono recenti? Mi pare di vedere dei frutti già maturi.

 

Sono di una decina di giorni fa. Probabilmente in Puglia maturano prima.

Luigi

 

:bye:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Finalmente anche qui è maturato (solo alcuni frutti), uno addirittura è appasito e quindi dolcissimo.

 

Ciao Mirna e Attilio, che ne dite delle sorbe? Oggi mia moglie mi ha fatto un regalo: ha comprato al mercato della frutta, da una contadina di Castel Madama, delle sorbe mature, buonissime. Solo per intenditori.

Mi debbo far dare l'indicazione dell'albero ed andarlo a trovare.

Ciao

post-3295-1126789720.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao Mirna e Attilio, che ne dite delle sorbe?

 

Sapori dell'infanzia... Al mio paese si dice(va) "col tempo e con la pula la sorba si matura", si mettevano sotto la paglia colte ancora acerbe ad "appassire" e poi quando erano marroni di fuori si succhiava la polpa ormai sfatta...

 

Effettivamente adesso c'e' un po' la moda dei sapori recuperati, dei prodotti di nicchia (vedi iniziative come quella dell'"arca" di Slowfood), e meno male che le mode non sono tutte come quella dei pantaloni portati dieci centimetri sotto l'ombelico... (se mi sente mia figlia...!!!) :D

 

FG

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information