Jump to content

Recommended Posts

Salve, vi invio la descrizione di Psoralea morisiana, da me reperita sul Monte Albo di Siniscola (NU), spero sia di vostro gradimento :rasta4ui:

poi vi invio anche qualche foto :thumbup:

Saluti, Gian Battista

Leguminosae (=Fabaceae)

 

Psoralea morisana Pignatti et Metlesics

 

Forma biologica: Ch suffr Camefite suffruticose. Piante perenni e legnose alla base, con gemme svernanti fino ad un'altezza di 30 cm dal suolo.

 

Nome volgare: trifoglio di Moris.

Descrizione: pianta cespitosa perenne di 30-50 cm con rami lignificati alla base e foglie basali a sviluppo autunnale.

Fusto: ramificato, con striature violacee.

Foglie: ternate con lungo picciuolo striato e foglioline lucide generalmente ovato-lanceolate o ellittiche, sostenute da una breve articolazione, e caratterizzate da ghiandole crateriformi su tutta la lamina; decrescono di dimensioni verso l’alto del fusto. Margine intero, con le semilamine ripiegate verso l'alto. Apice aguzzo.

Infiorescenza: capolini emisferici, a volte allungati, con peduncolo di lunghezza variabile, portanti 10-25 fiori.

Calice: campanulato, con denti brevemente aristati.

Corolla: papilioniforme bianca o leggermente violacea.

Stami: monoadelfi.

Frutto: camara uncinata, prontamente caduca; dalle reste del calice sporge in genere solo l'appendice uncinata.

 

Fenologia: fiorisce da metà/fine aprile (alle quote più basse), fino a oltre la metà di giugno; a quote elevate la fioritura è ritardata e si può protrarre anche fino a luglio; i frutti maturano da metà giugno fino ad agosto.

 

Tipo corologico: endemismo della Sardegna e dell'isola Galit (Tunisia).

 

Habitat e distribuzione: specie eliofila, la si riscontra più facilmente ai piedi o sulle fenditure delle pareti calcaree o silicee ben esposte al sole, dal livello del mare fin oltre i 1000 m di quota. In Sardegna è diffusa un po' ovunque, ma poco frequente; localmente può formare colonie numerose.

 

Note: specie molto simile a P. bituminosa L.; la si distingue facilmente da questa durante la fioritura per il colore della corolla che è spesso completamente bianca, a volte leggermente sfumata di violetto, soprattutto sul vessillo; questo inoltre è, in proporzione alle dimensioni del fiore, più allargato di quello di P. bituminosa; i capolini sono meno lassiflori e più grandi; quando la pianta non è fiorita la si distingue per il fatto che tende a formare dei pulvini per lo più regolari e le foglie rimangono leggermente più chiare; quando, inoltre, una parte della pianta viene staccata o stropicciata, P. morisiana, malgrado non sia completamente priva di aroma, non emette il tipico odore intenso di bitume che caratterizza P. bituminosa, per tale motivo è sicuramente più appettita dagli animali da pascolo: questo potrebbe spiegare perchè la si rinviene soprattutto a ridosso delle pareti rocciose. Nelle zone calcaree P. morisiana è spesso associata a specie endemiche altrettanto interessanti, quali Brassica insularis Moris, Seseli bocconi Guss. subsp. praecox Gamisans, Lactuca longidentata Moris.

 

Bibliografia: testo di riferimento per la descrizione: Franca Valsecchi, Ignazio Camarda "Piccoli arbusti liane e suffrutici spontanei della Sardegna" Carlo Delfino editore 1990.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco la prima foto di Psoralea morisiana, fatta nella vallata di Su Cantaru, quasi a ridosso dell'abitato di Siniscola, definita dagli autori quale "locus classicus" della pianta, in data 27/04/2007, si notano alcune piante di fico d'india e rami secchi di Euphorbia dendroides, a sottolineare la tipicità dell'ambiente che predilige questa pianta.

post-9799-1196629589.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capolino con fiori a corolla praticamente bianca, i fiori più interni sbocciano in ritardo rispetto a quelli esterni, in questo caso alcuni non sono ancora sbocciati

post-9799-1196630783.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Giambattista, ottima presentazione ...........

benvenuto in forum

Sono stato a Siniscola durante il raduno AMINT Sardo, e precisamente nella pineta di S. Lucia....................

alla prossima

Massimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, sono ancora novello, non mi ero accorto di aver inserito il materiale nell'ambito delle Alpi Apuane, che ho avuto il piacere e l'onore di visitare diverse volte!

Posso continuare a inserire le foto qui o devo inserirle altrove? :martello2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh! Io continuo a inserile qui, poi, se mai, spero che qualcuno gentilmente mi dirà come inserirle nella flora sarda! Scusate :bangin:

Ancora un capolino a fiori bianchi

post-9799-1196631727.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information