Jump to content

2008.04 - Lazio - Tutor Gianni Pilato


 Share

Recommended Posts

:icon_gazza: Un ritrovamento della scorsa settimana, specie "apparentenente banale" che ci ha dato però...filo da torcere!!! :eek:

 

Ambiente mediterraneo tra pini e lecci, la forma e la colorazione del gambo ci hanno da subito creato qualche dubbio. Sporata in massa bianca quasi pura, pileipellis composta di ife fortemente intrecciate, diverticolate, coralliformi e con GAF, spore sono ellittiche alcune da larmiformi a "seme di mela" in media (5)6-7(8) x 3-3,5 cheilocistidi polimorfi però anche in questo caso con caratteristici elementi "coralloidi" Basidi clavati, banali, molti bisporici ma alcuni anche tri e quadrisporici.

 

post-127-1208796530.jpg

 

post-127-1208796677.jpg

 

post-127-1208798815_thumb.jpg

 

post-127-1208882479_thumb.jpg

 

Foto sottostante di Felice Di Palma

 

post-3093-1208881690.jpg

Link to comment
Share on other sites

:icon_gazza: Siamo di fronte ad un "vecchio dilemma" ovvero:

 

Collybia dryophila (Bull.) P. Kumm. (=Gymnopus dryophilus (Bull.) Murrill)

 

Oppure

 

Collybia aquosa (Bull.) P. Kumm. (=Gymnopus aquosus (Bull.) Antonín & Noordel.)

 

Abbiamo consultato una buona quantità di moderna letteratura micologica, dalla quale riportiamo alcuni pareri.

 

Per Flora agaricina neerlandica (Bas, C.; Kuyper, Th.W.; Noordeloos, M.E.; Vellinga, E.C.) C. dryophila può avere crescita primaverile (da maggio a novembre), anch'essa può avere il cappello igrofano e puo avere il gambo "bicolore". C. acquosa si differenzia da C. dryophila esclusivamente per le colorazioni più pallide e per i cheilocistidi clavati, laddove quelli di C. dryophila assumono la tipica forma "coralloide".

 

Antonio Gennari in "Funghi" afferma a proposito di C.dryophila spore 5-6x2-3 micron, cheilocistidi clavati, diverticolati o coralloidi, basidi tetrasporici. In merito alla "sosia" C.acquosa" afferma: si differenzia per avere la base del gambo bulbosa ed inoltre delle rizomorfe di colore rosato.

 

Adler Zuccherelli in "Funghi delle pinete II" Osserva: C.acquosa: spore 4-5x2,5-3 cheilocistidi clavato-rigonfi-irregolari anche diverticolati ma non filamentosi. Il grosso bulbo e la presenza di ife nettamente rosate permettono la separazione macroscopica da C.dryophila.

 

Mi fermo ed inserisco una foto dove si notano bene cheilocistidi filamentosi

 

post-127-1208880122_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

:icon_gazza: Proseguo...

 

Funghi d'Italia (Papetti, Consiglio, Simonini)

C.acquosa differisce da C.dryophila per i colori più chiari, la base del gambo nettamente bulbosa, con rizomorfe di colore rosa e per i cheilocistidi non coralloidi.

 

Bon, a parte le solite differenze morfologiche afferma che: Spore ed anatomia come quelle di C.dryophila ma i cheilocistidi appaiono più sparsi o meno lobati. resta comunque una misura sporale di 4-7x2-3,5.

 

Alain Gerrault afferma che i rizoidi alla base di C.aquosa potrebbero essere anche giallastri.

 

In definitiva abbiamo un aspetto che per stagione di crescita, igrofaneità, base bulbosa, e sottili rizoidi giallastri porterebbe ad una definizione macro per Collybia aquosa ma i dati micro concordano con la letteratura consultata decisamente verso Collybia dryophila e qualcuno...di cui non faccio il nome ha il dubbio che "ma...non è ch eper caso sono la stessa cosa!!!" :D

 

Concludo quindi questa mia diagnosi con una bella:

 

Collybia cfr. dryophila (Bull.) P. Kumm in attesa che "nuovi elementi" possano far pendere decisamente l'ago della bilancia in una...direzione!!!

 

:bye: Mauro

 

:D

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Esemplari trovati nel mese di Aprile nel Lazio:

 

Bolbitius vitellinus

Collybia cfr. dryophila

Coprinus comatus

Entoloma clypeatum fo. pallidogriseum

Hebeloma edurum

Inonotus tamaricis

Limacella subfurnacea

Megacollybia platyphylla

Micromphale brassicolens

Mitrophora semilibera

Morchella esculenta

Polyporus arcularius

Psathyrella candolleana

Rhizopogon vulgaris

Russula vesca

Tremella mesenterica

Volvariella pusilla

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information