Jump to content

Recommended Posts

Ho trovato la pianta la settimana scorsa nel territorio di Grizzana Morandi e ci ho pensato un po' prima di postarla perchè, dopo una breve consultazione con Bonni, sembravano restare troppo pochi dubbi che si trattasse di uno dei tanti mimetismi di O. fuciflora.

Poi ho visto il post di Marika su Ophrys scolopax a cui la mia sembra somigliare per vari aspetti, così mi sono rinati i dubbi: una normale fuciflora, una scolopax ( segnalata con vari dubbi nel territorio di Grizzana ) un qualcos'altro ancora?

Premetto che, onestamente, i fiori non mi parevano tanto più piccoli di quelli della fuciflora.

Posto qualche immagine e sentiamo che dite.

post-4431-1210858666.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

ho comprato questo sabato il libro di Delforge, Orchids of Europe, North Africa and Middle East, su cui ci sono tutte ( e anche di più) le orchidee presenti in Europa, lo sto sfogliando per cercare di capire quale sia l'Ophrys che hai postato. Non sono sicuro, ma penso anche io si tratti di O. fuciflora, la possibilità O. scolopax non mi convince molto, anche perchè secondo la Checklist la scolopax non è presente in Emilia, mentre Ophrys fuciflora subsp. fuciflora è presente.

Penso che l'elevata variabilità di questa specie giustifichi il tuo esemplare non proprio "classico", credo che la grande diversità sia anche dovuta al fatto che viene impollinata da insetti diversi (Eucera nigrescens, Eucera longicornis, Microdon latifrons e Microdon mutabilis)...

 

Ciao

 

Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie simone. Anche a me sembra che la cosa più probabile sia che si tratti di una fuciflora un po' diversa dal solito. Interessante quello che dici aproposito della variabilità dell'aspetto legata ai diversi insetti impollinatori. E' cosa documentata?

 

ciao: annamaria

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se sia documentata la variabilità dovuta ai diversi insetti impollinatori, è solo una mia ipotesi... però c'è da dire che la differenza delle Ophrys nella forma e nel colore del labello è dovuta proprio al suo elevato grado di specializzazione (dovuto alla coevoluzione) per i differenti insetti impollinatori....

...sarebbe bello poter approfondire questo aspetto, parlavo qualche giorno fa con un membro del GIROS che mi diceva che c'è un professore dell'università di Vienna, grande studioso di orchidee, che per classificare le Ophrys si apposta e cattura l'insetto impollinatore, ed in base ad esso risale alla specie di Ophrys...forse è un metodo un po' macchinoso, e che richiede tempo (ed una approfondita conoscenza entomologica), però penso che sia abbastanza efficace...

 

Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information