Vai al contenuto

Recommended Posts

Hygrocybe turunda (Fr.: Fr.) P. Karst.

Tassonomia
Regno Funghi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Sottoclasse Holobasidiomycetidae
Ordine Agaricales
Sottordine Agaricineae
Famiglia Hygrophoraceae
Genere Hygrocybe
Sottogenere Pseudohygrocybe Bon
Sezione Coccineae Fayod
Subsezione Squamulosae (Bataille) Singer

Nome inglese
Waxcaps = Cappelli di cera.

Sinonimi
Hygrophorus turundus (Fr. Fr.) Fr.

Excludenda
Hygrocybe turunda ss. Arnolds e ss. Moser (entrambe probabilmente Hygrocybe miniata)

Etimologia
Hygrocybe: dal greco hygros (umido) e kybe (testa) = testa umida.
turunda: a forma di cavolo.

Cappello
4-15 mm, convesso, da aldulto diventa appiattito anche con la parte centrale leggermente depressa, ma conserva sempre il bordo del cappello leggermente involuto, crenulato. Il cappello è coperto da squamule scure, appressate soprattutto al centro, ma presenti su tutto il cappello. Cappello asciutto. Colore arancio giallastro, anche da giovane, a volte con sfumature rossastre.

Imenoforo
Lamelle distanti, decorrenti bianche o leggermente gialline. Presenza costante di corte lamellule.
La trama della lamella è subregolare, con cellule piuttosto corte (<200 µm) e arrotondate alle estremità. Questo tipo di struttura permette di distinguere subito il Sottogenere Pseudohygrocybe a cui appartiene questa specie, dal Sottogenere Hygrocybe con trama della lamella regolare, ma cellule allungate (200-1000 µm), dal Sottogenere Cuphopyllus con trama irregolare e dal Genere Hygrophorus con trama della lamella bilaterale.

Gambo
30-60 mm, cilindrico, asciutto liscio, giallo aranciato, a volte con sfumature rossastre nella parte alta.

Carne
Arancione giallastra, concolore al gambo.

Habitat
Ubiquitario, nei prati di montagna, negli sfagni umidi, in ambienti sabbiosi.

Microscopia
Trama imeniale: trama della lamella subregolare, con cellule piuttosto corte e rigonfie a volte più sottili al centro (<200 µm = SottogenerePseudohygrocybe). Valori osservati: 95-180×25-45 µm Q=3,9
Spore: 8,3-11,8×5,2-7,3 µm Q=1,7 di forma irregolare, ellissoidali, asimmetriche, faseoliformi, con apicolo evidente, a volte con una grossa guttula centrale.
Basidi: tetrasporici

Commestibilità o Tossicità
Priva d'interesse alimentare.

Somiglianze
Esistono solo altre due specie di Hygrocybe con lamelle decorrenti e squamule sul cappello.
Hygrocybe cantharellus (Schwein.) Murril, che si differenzia per avere le squamule concolori al cappello e non nere;
Hygrocybe coccineocrenata (P.D. Orton) M.M. Moser, è praticamente il sosia di Hygrocybe turunda; hanno microscopia completamente sovrapponibile e si differenziano solo per il colore del cappello: rosso fin da giovane (ma anche con toni aranciati negli esemplari adulti) in Hygrocybe coccineocrenata; arancione fin da giovane (ma anche con toni rossicci) in Hygrocybe turunda.
I più importanti AA. che si sono occupati di Hygrocybe come Boertmann, Candusso e Arnolds concordano sul fatto che queste tre specie andrebbero riunite sotto una sola specie considerando le altre delle varietà, ma nessuno di loro prende delle posizioni, in attesa di studi più approfonditi.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Tomaso Lezzi - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

Campioni del Trentino, osservati nello sfagno sulle rive di un laghetto alpino (Agosto 2009).
Cappello con bordo leggermente involuto, crenulato, coperto da squamule scure, appressate soprattutto al centro, ma presenti su tutto il cappello. Cappello asciutto.
Foto e commenti Tomaso Lezzi

post-2993-1251379274.jpg

Un particolare dei cappelli con le squamette scure.

post-2993-1251379452.jpg

Due giovani esemplari che mostrano già i colori aranciati e la squamettature che arrivano fino al bordo del cappello

post-2993-1251379527.jpg

Un particolare

post-2993-1251379589.jpg

Il gambo liscio e le lamelle decorrenti

post-2993-1251379696.jpg

Particolare

post-2993-1251379721.jpg

Un altro particolare delle lamelle decorrenti

post-2993-1251379793.jpg

Le squamule scure ricoprono il cappello fino al bordo

post-2993-1251379641.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hygrocybe turunda (Fr.: Fr.) P. Karst.; Foto e commenti di Tomaso Lezzi.

Microscopia
Una sezione della lamella che mostra la trama subregolare con cellule piuttosto corte (<200 µm) e arrotondate alle estremità.
Questo carattere permette di attribuire i campioni al Sottogenere Pseudohygrocybe. Il Sottogenere Hygrocybe ha trama della lamella subregolare, ma cellule allungate (200-1000 µm), il Sottogenere Cuphopyllus ha trama irregolare e il Genere Hygrophorus ha trama della lamella bilaterale.

post-2993-1251380014.jpg

La trama subregolare con cellule piuttosto corte (<200 µm) e arrotondate alle estremità.

post-2993-1251380057.jpg

Le cellule della lamella ingrandite a 400x.

post-2993-1251380143.jpg

Le cellule della trama imeniale sono allungate ma minori di 200 µm, arrotondate alle estremità e a volte leggermente ristrette nella parte centrale.
Valori osservati: 95-180×25-45 µm; Q=3,9

post-2993-1251380287.jpg

Basidi tetrasporici. Per problemi legati alla limitata profondità di campo dell'oculare, nella foto si vedono solo due sterigmi. Fochettando al microscopio sono visibili anche gli altri due sterigmi, uno su un piano superiore e l'altro su un piano inferiore, raggiungendo così il totale di quattro sterigmi e relative spore dei basidi quadrisporici.

post-2993-1251380334.jpg

Basidi.

post-2993-1251380360.jpg

Spore: 8,3-11,8×5,2-7,3 µm; Q=1,7 di forma irregolare, ellissoidali, asimmetriche, faseoliformi, con apicolo evidente, a volte con una grossa guttula centrale.
Campioni osservati in acqua.

post-2993-1251380460.jpg

Spore, campioni osservati in Rosso Congo.

post-2993-1251380512.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hygrocybe turunda (Fr.: Fr.) P. Karst.; Regione Lombardia; Settembre 2012; Foto e commenti di Massimo Mantovani.

Passo Gavia, 2560 m s.l.m., prateria alpina con cospicua presenza di Salix herbaceae su suolo acido.

Le lamelle decorrenti e le squamette nerastre, che svettano sul fondo arancio-rossatro, caratterizzano questa specie.

post-735-0-66002000-1350839211.jpg

 

Particolare.

post-735-0-13392600-1350839267.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information