Jump to content

2011.06 - Abruzzo - Tutor Tomaso Lezzi


Recommended Posts

Indice Regione Abruzzo, mese di Giugno 2011, totale n° 9 specie.

 

  1. Boletus aereus Bull., Post #2
  2. Calvatia utriformis (Bull.: Pers.) Jaap, Post #8
  3. Cantharellus friesii Welw. & Curr., Post #10
  4. Clitocybe glareosa Röllin & Monthoux, Post #5; Microscopia #6
  5. Collybia dryophila (Bull.: Fr.) Kummer, Post #7
  6. Entoloma poliopus var. poliopus (Romagn.) Noordel., Post #3; Microscopia #4
  7. Lepiota alba (Bresad.) Saccardo, Post #11; Microscopia #12
  8. Melanoleuca melaleuca (Pers.: Fr.) Murrill, Post #13; Microscopia #13
  9. Russula nauseosa (Pers.) Fr., Post #9

Tom :)

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Boletus aereus Bull., Foto di Antonio Romano

 

Annata difficile per i funghi di bosco. Probabilmente le forti escursioni termiche stanno bloccando la crescita.

Piccolo ma molto fotogenico! L'unico della giornata insieme a pochi galletti.

 

post-2071-0-98014700-1307867264.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Entoloma poliopus var. poliopus (Romagn.) Noordel., Foto di Tomaso Lezzi

(exsiccatum TL20110618_08)

 

Ritrovamento nei prati di alta quota del Gran Sasso durante lo scorso fine settimana.

Leptonia con gambo grigio-bluastro, fibrilloso, non flocculoso, filo della lamella marrone, con cheilocistidi fusiformi, digitati, allungati, cappello bruno, squamuloso.

 

Noordeloos nella sua pubblicazione sugli Entoloma riconosce tre varietà:

Entoloma poliopus var. poliopus, con il filo della lamella colorato di marrone.

Entoloma poliopus var. discolor, con il filo della lamella non colorato, spore > 10 µm.

Entoloma poliopus var. parvisporigerum, con il filo della lamella non colorato, spore < 10 µm.

 

Entoloma porphyreogriseum ha colori più viola porpora sul cappello, filo non marrone.

Entoloma sodale ha cappello giallastro, fortemente striato per trasparenza, filo non marrone.

Entoloma asprellum, ha il filo della lamella senza cheilocistidi.

Entoloma huijsmanii, ha il filo della lamella senza cheilocistidi, basidi bisporici.

 

post-2993-0-67904500-1308825381.jpg

 

Il cappello squamuloso, soprattutto al centro.

 

post-2993-0-34114700-1308825382.jpg

 

post-2993-0-07073000-1308825383.jpg

 

Il filo della lamella marrone per i cheilocistidi.

 

post-2993-0-21403200-1308825384.jpg

 

Un particolare del filo della lamella marrone per i cheilocistidi.

 

post-2993-0-66868400-1308825380.jpg

Link to comment
Share on other sites

Clitocybe glareosa Röllin & Monthoux, Foto di Tomaso Lezzi.

(exsiccatum TL20110618_03)

 

Sempre dai prati di alta quota del Gran Sasso. Cappello leggermente imbutiforme, fulvo, reazione alle basi forti (NaOH) negativa; carne esigua; lamelle decorrenti, fitte; gambo concolore al cappello o più chiaro; odore leggero, aromatico, leggermente di anice.

Spore a seme di mela, con apicolo; basidi tetrasporici; GAF nelle ife della cuticola abbondantissimi, alcuni a medaglione (quelli col buco in mezzo, non li avevo mai osservati!)

 

La reazione negativa alla base forte escude subito un bel gruppo di specie simili:

C. gibba: giallastro.

C. costata: positiva, ma non costante.

C. bresadolana: forte, bruna.

C. squamulosa: forte, bruna.

C. alkaliviolascens: forte, viola vinoso.

 

La simile Clitocybe umbelicata cresce in boschi di Faggio.

 

post-2993-0-91037000-1308829462.jpg

 

Lamelle.

 

post-2993-0-91743700-1308829461.jpg

 

Reazione negativa alle basi forti, NaOH.

 

post-2993-0-87528300-1308829463.jpg

Link to comment
Share on other sites

Russula nauseosa (Pers.) Fr., Foto e commenti di Tomaso Lezzi.

(exsiccatum TL20110618_01)

 

Ritrovamento sotto Abete rosso e Larice. Carne fragile, ingrigente soprattutto nel gambo; cappello rosso vinoso con centro più scuro, rosa-violaceo, rame; margine rigato, negli esemplari maturi leggermente tubercolato; Sporata gialla; gambo, clavato, cavo, che rende gli esemplari molto fragili.

Sapore dolce, odore leggero. Reazione al Guaiaco positiva.

Della sezione Tenellae, l'unico gruppo che contiene specie ingrigenti e non ingiallenti è la subsezione Laricinae.

Escuse immediatamente R. cessans, (simbiosi con Pinus spp.) R. olivina (per i colori cerde limone) e R. sapinea (fortemente ingiallente), rimangono due specie molto simili. Sarnari differenzia R. laricina in base al fatto che ha un ingrigimento più netto e le spore subreticolate, e R. nauseosa perché ha spore con verruche isolate poco catenulate, ingrigimento più leggero.

 

Russula-nauseosa-04.jpg

 

Russula-nauseosa-09.jpg

 

Un particolare del gambo ingrigente.

 

Russula-nauseosa-06.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information