Jump to content

2011.06 - Umbria - Tutor Luigi


Recommended Posts

Volvariella earlei (Murril) Shaffer, Comitato Scientifico A.M.I. Umbria, I.la Polvese (PG), Foto di Tomaso Lezzi.

= Volvopluteus earlei (Murril) Vizzini, Contu & Justo

 

I cheilocistidi lungamente digitati ci permettono di distinguerla dalle forme bianche e di taglia piccola di Volvariella gloiocephala (De Cand.: Fr.) Boek. & End. = Volvopluteus gloiocephalus (DC.) Justo.

 

Volvopluteus-earlei-16-7-8-Cheilocistidi.jpg

 

Basidi e basidioli.

 

Volvopluteus-earlei-21-Basidi.jpg

Link to comment
Share on other sites

Questa volta sotto querce: cappello finemente vellutato; pori gialli che virano al blu; gambo giallo con alcune sfumature rosse; carne che subito vira al blu per poi divenire grigia; sapore amaro.

 

Boletus radicans Pers.: Fr.

 

Ciao Stefano

 

post-9732-0-06089100-1307880625.jpg

Edited by Luigi
Link to comment
Share on other sites

Lactarius glaucescens Crossland, foto di Mario Iannotti

 

Lactarius glaucescens a prima vista è facilmente confondibile con il suo più simile Lactarius piperatus, condividono il colore biancastro dell'intero carpoforo, le lamelle fitte, il latice piuttosto abbondante, denso, acre bruciante, ma l'elemento macroscopico più apprezzabile per distinguere le due specie è il latice che in L. piperatus (Scop.: Fr.) S. F. Gray rimane bianco immutabile mentre in L. glaucescens inizialmente è bianco e solo dopo qualche ora vira completamente su toni di colore glauco, cioè grigio-verde.

 

post-12947-0-28644500-1309362486.jpg

Edited by Luigi
Link to comment
Share on other sites

Lactarius glaucescens Crossland, foto di Mario Iannotti

 

Il latice con colore grigio-verde nella frattura più vecchia mentre bianco in quella appena praticata.

 

post-12947-0-01272200-1308381173.jpg

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information