Vai al contenuto
Mauro Cittadini

Microscopia Di Base

Recommended Posts

:) Tutto può essere Giuliano, del resto nessuno di noi ha la pretesa di della sicurezza o conoscenza assoluta. L'etimologia del termine, così come da me riportata, è presente in numerosissimi scritti di Micologia e sinceramente al momento, non ricordo quale sia stata la fonte primigenia presa a riferimento. La tua segnalazione è interessantissima e degna, vista la fonte citata, di considerazione...torno alla pagina iniziale ed riformulo in questo modo:

 

"nel 1729 Il Fiorentino Pier Antonio Micheli (al cui cognome alcuni studiosi fanno riferimento per la provenienza etimologica del termine "micelio", mentre per altri deriverebbe dal termine greco mykes) scoprì che i funghi si riproducevano attraverso dei microscopici "semi" denominati correttamente spore."

 

Questa comunque è la forza del web...tutto si può emendare, correggere, ampliare. Ogni informazione, fatte le dovute analisi, diventa un elemento aggiuntivo di conoscenza.

 

:bye: Mauro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusate se riapro questo vecchio e bel post ma mi sono perso nei passi iniziali:

 

Allora: Raccolgo il fungo. e già quà non è facile, vista la temperatura media dalle mie parti nell'intorno di zero...

 

ma poi crollo subito:

 

Qual'è la tecnica ottimale per far depositare le spore sul vetrino ? Picchietto sul fungo direttamente su una goccia di soluzione acquosa poggiata sul vetrino ?

Uso della paraffina/cera ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scusate se riapro questo vecchio e bel post ma mi sono perso nei passi iniziali:

 

Allora: Raccolgo il fungo. e già quà non è facile, vista la temperatura media dalle mie parti nell'intorno di zero...

 

ma poi crollo subito:

 

Qual'è la tecnica ottimale per far depositare le spore sul vetrino ? Picchietto sul fungo direttamente su una goccia di soluzione acquosa poggiata sul vetrino ?

Uso della paraffina/cera ?

Per osservare le spore da " sporata " devi prima far fare la sporata.

su un foglio bianco, o meglio su un vetrino da microscopio, appoggia il cappello privo del gambo dalla parte delle lamelle, coprilo con un bicchierino di plastica e aspetta almeno un giorno.

in questo modo potrai oltretutto osservare il colore della sporata un elemento importante per l'identificazione.

Se hai fatto depositare su un cartoncino raggruppa con una lametta le spore depositate, preleva con un ago una porzione, deposita il prelievo su un vetrino, aggiungi una goccia di acqua, metti un vetrino coprioggetto e il gioco è fatto. Se hai fatto depositare la sporata su un vetrino da microscopio sei già un passo avanti.

In alternativa , su un esemplare maturo preleva con le pinzette una lamella, appoggiala sul vetrino e con l'aiuto di una lametta fai una sezione sottilissima lungo il margine, mettici acqua o colorante (Rosso Congo ecc. ) appoggia il vetrino coprioggetto, picchietta leggermente, asciuga il liquido in eccesso, premi leggermente ed osserva, in questo modo oltre alle spore potrai vedere i basidi e i cheilocistidi.

Ci vuole un poco di pratica, e soprattutto calma.

Nel nostro shop, se ti interessa, trovi un buon manuale per microscopia a un prezzo accessibile.

ciao

Massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×

Important Information