Jump to content

Recommended Posts

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Lazio, Villa Pamphili, Roma; Aprile 2008; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

Ritrovamento su prato a bordo di un boschetto. Cappello giallo, più intenso soprattutto al centro, striato vicino al margine, gambo giallo coperto da pruina bianca che gli da un aspetto sfumato tra il bianco e il giallo.

post-2993-1207258901.jpg

post-2993-1207259118.jpg

post-2993-1207259740.jpg

Microscopia
Spore, in acqua, con evidente poro germinativo, 11-15×6-8 µm.

post-2993-1207259993.jpg

Link to post
Share on other sites

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Lazio; Giungo 2009; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

In castagneto, cappello giallo, sporata ocra, aspetto esile.

post-2993-1246376792.jpg

Particolare delle lamelle ocra per il colore delle spore, con filo della lamella bianco perché sterile.

post-2993-1246376875.jpg

Link to post
Share on other sites

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Lazio, Manziana; Maggio 2011; Foto di Tomaso Lezzi.

Crescita su escrementi. Colore del cappello giallo brillante, superficie del cappello leggermente reticolata, soprattutto negli esemplari giovani.

post-2993-0-39814100-1305996446.jpg

Particolare dell'imenoforo e dell'apice del gambo.

post-127-0-32984700-1305997025.jpg

Particolare delle lamelle, si nota sul filo la presenza di numerosi cheilocistidi.

post-127-0-27786200-1306267332.jpg

Spore, misure rilevate 11,5-14,1 × 6,4-7,7 µm; Q = 1,7-2,0; Qm = 1,8; ellissoidali, marrone ruggine, grande poro germinativo, parete spessa, doppia, osservazione in L4.

post-2993-0-58657800-1306180790.jpg

Cheilocistidi di forma variabile: clavati, lageniformi, a birillo; pleurocistidi assenti. Osservazioni in Blu di Cresile.

post-2993-0-31475400-1306180792.jpg

post-2993-0-67844200-1306180793.jpg

post-2993-0-16987600-1306180795.jpg

post-2993-0-60094400-1306180797.jpg

Link to post
Share on other sites

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Lazio, Manziana; Maggio 2011; Foto di Tomaso Lezzi.

Crescita su cascami di legno. Alcuni autori separano Bolbitius vitellinus var. olivaceus Gillet in base ai colori olivaceo-bruni del pileo e per una differente rugosità del cappello. Entrambi i caratteri secondo il nostro punto di vista sono dovuti a una semplice variabilità della specie o a fenomeni esterni, come in questo caso, in cui il vento e il caldo hanno disseccato e screpolato la superficie del cappello, con i conseguenti cromatismi più olivacei. La microscopia è sovrapponibile a quella degli esemplari precedenti.

post-2993-0-49827000-1306181562.jpg

Foto di Mauro Cittadini.

post-127-0-31552000-1306252236.jpg

post-127-0-31056600-1306252264.jpg

post-127-0-80688500-1306252265.jpg

post-127-0-50876200-1306252303.jpg

Foto di Tomaso Lezzi.

Spore misure rilevate: 11,4-12,9 × 6,3-7,9 µm; Q = 1,6-1,9; Qm = 1,7; ellissoidali, marrone-ruggine, grande poro germinativo, parete spessa, doppia. Osservazione in L4.

post-2993-0-08129600-1306181675.jpg

Cheilocistidi di forma variabile: clavati, fusiformi, lageniformi, a birillo; pleurocistidi assenti. Osservazioni in Blu di Cresile.

post-2993-0-68841400-1306182449.jpg

post-2993-0-98803300-1306182451.jpg

post-2993-0-30102900-1306182453.jpg

Basidi corti, claviformi, sferopeduncolati.

post-2993-0-15817500-1306182114.jpg

Link to post
Share on other sites

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Lazio; Maggio 2010; Foto e commento di Felice Di Palma.

Su sterco bovino.

post-3093-1273506038,66.jpg

Microscopia
Sporata in massa bruno-tabacco, spore 10,8-13,7x6,0-8,7 µm, lisce, con parete spessa, presenti piccole guttule all'interno, con poro germinativo molto evidente. Basidi tetrasporici, sferopenducolati, frammisti a numerose pseudoparafisi globose. Cheilocistidi multiformi, quelli riscontrati in maggior numero erano utriformi con presenza di diverticoli; presenti anche alcuni claviformi e sublageniformi. Caulocistidi spesso forcati ed a parete ondulata che a volte ricorda i tasselli di un mosaico).

post-3093-1273506164,77.jpg

Cheilocistidi.

post-3093-1273506250,94.jpg

post-3093-1273506327,31.jpg

post-3093-1273506364,24.jpg

post-3093-1273506388,59.jpg

post-3093-1273506418,59.jpg

post-3093-1273506462,53.jpg

post-3093-1273506509,17.jpg

Trama lamellare. Questo tipo di struttura è possibile osservarla soprattutto negli esemplari ancora giovani. Gli elementi sferici piu grandi sono pseudoparafisi, quelli sferici più piccoli (es.: indicato dalla freccia nera) non sono altro che basidi visti dall'alto e le "palline" verdognole sopra questi (es.: indicato dalla freccia blu) sono le spore in formazione.

post-3093-1273506810.jpg

Ed ecco una visione di basidi e pseudoparafisi (gli elementi a forma di palloncino) da altra angolazione.

post-3093-1273506893,6.jpg

Basidi.

post-3093-1273506983,01.jpg

post-3093-1273507033,93.jpg

post-3093-1273507070,34.jpg

Caulocistidi.

post-3093-1273507152,82.jpg

post-3093-1273507186,2.jpg

Link to post
Share on other sites

Bolbitius titubans var. titubans (Bull. : Fr.) Fr.; Regione Toscana, Valle Dame, Raduno AMINT; Ottobre 2009; Foto di Alessandro Francolini.

Una piccola specie dal portamento simile ad alcuni Coprinus senza però essere deliquescente e con sporata brunastra e non nerastra. L’habitat può essere sia fimicolo che costituito da materiale marcescente di vario genere.
Si riconosce per il bel colore giallo vivo o giallo cromo almeno negli esemplari giovani; per l’esiguità della carne quasi ridotta alla sola pellicola e con assenza di odore e sapore; per il gambo fibrilloso o pruinoso, di consistenza cedevole, bianco alla base e quasi concolore al cappello nella parte superiore. Cappello e gambo tendono tuttavia a sbiadire a maturità, rendendo più difficile la determinazione.
Suo simile è il Bolbitius variicolor che però ha il disco del cappello decorata da un reticolo costituito da tipiche venature brunastre su fondo ocraceo.


post-4417-1256045551.jpg

post-4417-1256053953.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information