Jump to content
Luigi Minciarelli

2015.11 - Umbria - Tutor Luigi

Recommended Posts

Russula vesca Fries; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-37376300-1447605960.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Russula vesca Fries; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-13158900-1447606057.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Russula vesca Fries; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-59741100-1447606096.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abortiporus biennis (Bull.: Fr.) Singer; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto e microscopia di Stefano Rocchi.

Su ceppaia di Pino, in una delle sue forme tipiche. Spore da ellittiche a largamente ellissoidali, 5,2-6,5 × 3,4-4,5 µm; Qm = 1,5.

post-9732-0-86770300-1447628723.jpg

post-9732-0-86691300-1447628729.jpg

post-9732-0-60053000-1447628735.jpg

post-9732-0-92565300-1447628994.jpg

post-9732-0-47572400-1447628999.jpg

I pori molto irregolari tendenti a formare un labirinto.

post-9732-0-80871500-1447628982.jpg

La fascia corrugata che spesso contraddistingue il margine dell'imenoforo.

post-9732-0-85112700-1447628989.jpg

La carne biancastra o leggermente rosata.

post-9732-0-10369300-1447629005.jpg

La reazione verdognola all'Idrossido di potassio (KOH) sia sulla superficie pileica che sulla carne.

post-9732-0-55724700-1447629010.jpg

post-9732-0-76086800-1447629015.jpg

Microscopia
Spore da sporata, da ellittiche a largamente ellissoidali, 5,2-6,5 × 3,4-4,5 µm; Qm = 1,5. Osservazione in Melzer a 1000×.

post-9732-0-51562900-1447629525_thumb.jpg

Osservazione in Lugol a 1000×.

post-9732-0-08940600-1447629582_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cortinarius orellanus Fr.; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto, descrizione e microscopia di Mario Iannotti.

Questa specie predilige fruttificare nei terreni acidi, per cui la possiamo trovare normalmente nei castagneti appenninici, si inquadra nel sottogenere Leprocybe, sez. Orellani. Si riconosce abbastanza facilmente per le sue colorazioni omogenee bruno-arancioni in tutto il carpoforo, le lamelle spaziate, smarginate all’attacco del gambo, ventricose, di un colore vivace arancio-rugginoso, a volte con il filo più chiaro, odore rafanoide. Bisogna prestare molta attenzione con questo fungo perché dal punto di vista tossicologico è una specie velenosa, la tossina responsabile si chiama “orellanina”, causa una grave intossicazione a lunga latenza, “la sindrome orellanica”, che ha quale organo bersaglio il rene, è sufficiente l’assunzione di 20-40 g. di fungo fresco, per procurarsi nella migliore delle ipotesi una insufficienza renale cronica irreversibile. Il ritrovamento è avvenuto nel comune di Spoleto (PG), località Monte Bibbico, a 800 m s.l.m., in un Castagneto puro. Legit Francesco Paolo Di Dio.

Microscopia
Spore amigdaliformi in proiezione laterale, ovoidi in proiezione frontale, con apicolo evidente e grossa guttula centrale, la parete è densamente ornata da basse verruche isolate o riunite in corte creste; misurazioni su 32 spore 8,4-10,5 × 6,0-6,9 µm, media 9,1 × 6,3 µm, Q = 1,3-1,7; Qm = 1,4.
Basidi banali in maggior numeri tetrasporici, osservati anche bisporici e monosporici.
Cheilocisti clavati, frammisti ai basidi.
Il rivestimento pileico è costituito da una cutis di ife con andamento parallelo, riunite in fasci, con elementi terminali poco rialzati, con presenza di giunti a fibbia e con pigmento parietale incrostante e intracellulare giallastro; la subcutis è formata da ife di maggiore dimensione, ventricose.
Caulopellis formata da ife parallele, cilindriche. Non osservati caulocistidi.
GAF presenti in tutti i tessuti ed elementi esaminati.

(exsiccata MI20151108_01).

post-12947-0-64493300-1447761525.jpg

post-12947-0-59464900-1447761537.jpg

post-12947-0-49276600-1447761550.jpg

post-12947-0-65905200-1447761560.jpg

Microscopia
Spore amigdaliformi in proiezione laterale, ovoidi in proiezione frontale, con apicolo evidente e grossa guttula centrale, la parete è densamente ornata da basse verruche isolate o riunite in corte creste; misurazioni su 32 spore 8,4-10,5 × 6,0-6,9 µm, media 9,1 × 6,3 µm, Q = 1,3-1,7; Qm = 1,4. Osservazioni in acqua a 1000×.

post-12947-0-52119700-1447761630.jpg

post-12947-0-00731300-1447761655.jpg

Basidi banali in maggior numeri tetrasporici, osservati anche bisporici e monosporici. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-26433300-1447761690.jpg

post-12947-0-74779200-1447761710.jpg

Basidi monosporici.

post-12947-0-42864300-1447761731.jpg

post-12947-0-73899700-1447761742.jpg

Cheilocisti clavati, frammisti ai basidi. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-27914900-1447761834.jpg

post-12947-0-82420100-1447761850.jpg

post-12947-0-12933300-1447767762.jpg

Il rivestimento pileico è costituito da una cutis di ife con andamento parallelo, riunite in fasci, con elementi terminali poco rialzati, con presenza di giunti a fibbia e con pigmento parietale incrostante e intracellulare giallastro. Osservazioni in acqua a 400×.

post-12947-0-61898800-1447761933.jpg

post-12947-0-15058100-1447761947.jpg

post-12947-0-50117900-1447762031.jpg

GAF. Osservazioni in acqua a 1000×.

post-12947-0-53663400-1447761978.jpg

post-12947-0-84357300-1447762060.jpg

La subcutis è formata da ife di maggiore dimensione, ventricose. Osservazioni in acqua a 400×.

post-12947-0-73629000-1447762117.jpg

Caulopellis formata da ife parallele, cilindriche. Non osservati caulocistidi. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 100×.

post-12947-0-41193000-1447762174.jpg

Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 400×.

post-12947-0-77093000-1447762234.jpg
 
Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×. Particolare dei GAF.
 
post-12947-0-77006700-1447762292.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lyophyllum rhopalopodium Clémençon; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto, descrizioni e microscopia di Mario Iannotti.

Lyophyllum a carne annerente, rinvenuto in un bosco di latifoglie di Quercia e Carpino, cappello convesso, poi espanso ma con il margine mai completamente disteso, carnoso, pruinoso, con colorazioni grigiastre, bruno-bistro. Le lamelle sono decorrenti, spesse, moderatamente fitte, grigio-ocracee pallido, annerenti allo sfregamento o per la vetustà, intercalate da lamellule di varia lunghezza. Il gambo è cilindrico, robusto, clavato, notevolmente allargato verso la base, biancastro. La carne è bianca, annerente, con odore gradevole leggero, sapore dolciastro.

Microscopia
Spore triangolari, romboidali, con grossa guttula centrale, 6,4-8,9 × 5,8-7,8 µm.
Basidi tetrasporici.
Cellule marginali, sparse, poco abbondanti, cilindrico-irregolari con la parte terminale più affusolata.
Cuticola formata da una cutis di ife cilindriche intrecciate, settate, a volte le stesse presentano dei diverticoli e sono arrotondate alle estremità. GAF abbondanti nei tessuti della cuticola.

(exsiccata MI20151108_02).

post-12947-0-19448400-1447781990.jpg

post-12947-0-40356700-1447782028.jpg

post-12947-0-13014000-1447782042.jpg

post-12947-0-69858200-1447782054.jpg

Microscopia
Spore triangolari, romboidali, con grossa guttula centrale, 6,4-8,9 × 5,8-7,8 µm. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-76057000-1447782139.jpg

post-12947-0-87233800-1447782149.jpg

Basidi tetrasporici. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-60108500-1447782185.jpg

post-12947-0-52000900-1447782195.jpg

Cellule marginali, sparse, poco abbondanti, cilindrico-irregolari con la parte terminale più affusolata. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-80286500-1447782227.jpg

post-12947-0-89093000-1447782237.jpg

Cuticola formata da una cutis di ife cilindriche intrecciate, settate, a volte le stesse presentano dei diverticoli e sono arrotondate alle estremità. GAF abbondanti nei tessuti della cuticola. Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 400×.

post-12947-0-68812100-1447782285.jpg

Osservazione in Rosso congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-59112000-1447782329.jpg

post-12947-0-23882800-1447782346.jpg

Particolare di alcune ife con diverticoli.

post-12947-0-90190300-1447782381.jpg

post-12947-0-46750500-1447782392.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hygrocybe conica var. conica (Schaeffer: Fries) P. Kummer; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-57128500-1447850657.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hygrocybe conica var. conica (Schaeffer: Fries) P. Kummer; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-66024500-1447850678.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hygrocybe conica var. conica (Schaeffer: Fries) P. Kummer; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-31856500-1447850702.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hygrocybe conica var. conica (Schaeffer: Fries) P. Kummer; Regione Umbria; Novembre 2015; Foto di Giovanni Galeotti.

post-33886-0-24324500-1447850723.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information