Jump to content

Recommended Posts

Hygrocybe pratensis (Schaeff. : Fr.) Bon; Regione Trentino; Settembre 2009; Foto e commento di Alessandro Francolini.

 

Reperibile sui prati (anche oltre i 2000 metri) o nelle zone erbose di boschi molto radi, di solito gregaria. È una bella e carnosa Hygrocybe dai colori che vertono sul color isabella o sull’arancio-albicocca più o meno pallido. Cappello da emisferico a campanulato a pianeggiante ma sempre con umbone più o meno ottuso e largo, con margine di solito sinuoso. Le lamelle sono caratteristicamente arcuate e ben decorrenti sul gambo, spesse, ben spaziate tra di loro, con la presenza di numerose lamellule; in alcuni esemplari sono biforcate. Gambo asciutto con fibrille o striature longitudinali. Carne soda ma fibrosa nel gambo, biancastra (con sfumature ocracee pallide soprattutto quella del cappello), con odore poco percepibile e sapore debole ma gradevole.
Per le sue colorazioni può essere confusa con Hygrophorus nemoreus (che però ha cappello più fibrilloso, gambo dall’apice fioccoso, odore e sapore di farina e habitat presso boschi di latifoglie) o con Hygrophorus leporinus (stesse caratteristiche del precedente, a parte odore e sapore che sono fungini)

post-4417-1253977334.jpg

 

post-4417-1253977560.jpg
Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information