Jump to content

2016.06 - Umbria - Tutor Luigi


Recommended Posts

Indice regione Umbria, specie trovate nel mese di Giugno, totale n° 24 specie.

  1. Agaricus silvicola (Vitt.) Peck;
  2. Amanita vaginata (Bull.: Fr.) Vittadini;
  3. Bolbitius reticulatus (Pers: Fr.) Ricken;
  4. Bolbitius reticulatus f. aleuriatus (Fr.) Enderle;
  5. Calocera cornea (Batsch) Fr.;
  6. Cantharellus subpruinosus Eyssart. & Buyck.;
  7. Cortinarius pluvius (Fr.: Fr.) Fr. s. Brandrud et al.;
  8. Crinipellis scabella (Alb. & Schwein.) Murrill;
  9. Entoloma lividoalbum (Khun. & Romagn.) Kubicka;
  10. Hapalopilus rutilans (Pers.) Murrill;
  11. Hygrocybe acutoconica (Clem.) Singer;
  12. Infundibulicybe gibba (Pers.: Fr.) Harmaja;
  13. Lactarius acerrimus Britzelmayr;
  14. Megacollybia platyphylla (Pers.) Kotl. & Pouzar;
  15. Mollisia cinerea (Batsch) P. Karst.;
  16. Pluteus plautus (Weinm.) Gillet;
  17. Pluteus romellii (Britzelmayr) Saccardo;
  18. Pluteus thomsonii (Beck. & Broome) Dennis;
  19. Roridomyces roridus (Fr.) Rexer;
  20. Russula romellii f. alba A. Marchand ex Bon;
  21. Russula vesca Fries;
  22. Simocybe centunculus var. centunculus (Fr.) P. Karst.;
  23. Tremella foliacea (Pers.: Fr.) Persoon;
  24. Tuber aestivum Vittadini.

Tom :)

Link to comment
Share on other sites

Cantharellus subpruinosus Eyssart. & Buyck.; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto e commento di Mario Iannotti.

Si caratterizza per il cappello coperto da una consistente pruina biancastra e il viraggio inizialmente al giallo poi più intenso fino al rugginoso del gambo dopo manipolazione, contusione o con la naturale maturazione.

post-12947-0-97795700-1464864348.jpg

post-12947-0-55712300-1464864373.jpg

Macro sulla cospicua pruina del cappello e evidente viraggio al giallo del gambo dopo manipolazione.

post-12947-0-06564000-1464864392.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tuber aestivum Vittadini; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto, descrizione e microscopia di Mario Iannotti.

Di forma più o meno globosa, ovale, a volte reniforme, di colore bruno-nerastro, la grandezza è molto variabile, con peridio duro, spesso, costituito da sporgenti verruche di forma tronco-piramidale, le cui facce triangolari sono percorse da fini striature parallele con andamento concentrico e fessurazioni sui lati. La gleba all'inizio è biancastra, soda, poi con la maturazione delle spore assume un aspetto marmorizzato, determinato dalla parte fertile di color nocciola poi sempre più su tonalità brunastre a completa maturazione e dalle tortuose venature biancastre sterili, ben evidenti.
(Exsiccatum MI20160602-01)

Microscopia
Spore da ellissoidali a sub-globose, giallo-brunastre, bruno chiaro, ornate da aculei lunghi da 4,8-6,8 µm, l’episporio è costituito da alveoli poligonali per lo più regolari, che misurano, esclusa l’ornamentazione, 23,6-33,3 × 18,7-27,8 19 µm; media 28 × 22,3 µm; Q = 1,1-1,4; Qm = 1,3. Le misurazioni sono state effettuate su 32 spore provenienti da aschi contenenti da 3 a 5 spore. Aschi a sacco dotati di breve peduncolo, contenenti un numero variabile di spore da 1 a 5. Ife della gleba di forma cilindrica, ramificate, intrecciate, settate, prive di GAF.

post-12947-0-74504900-1465295545.jpg

post-12947-0-62662800-1465295630.jpg

post-12947-0-33117900-1465295649.jpg

Peridio duro, spesso, costituito da sporgenti verruche di forma tronco-piramidale.

post-12947-0-03473300-1465295777.jpg

post-12947-0-94752700-1465295792.jpg

Le facce triangolari del peridio sono percorse da fini striature parallele con andamento concentrico, con fessurazioni sui lati.

post-12947-0-70341800-1465295817.jpg

La gleba con la maturazione delle spore assume un aspetto marmorizzato.

post-12947-0-42248000-1465298153.jpg

Macro.

post-12947-0-20392800-1465298178.jpg

Microscopia
Aschi a sacco con peduncolo contenenti da 1 a 5 spore. Spore da ellissoidali a sub-globose, ornate da aculei lunghi da 4,8-6,8 µm, l’episporio è costituito da alveoli poligonali per lo più regolari, misurano, esclusa l’ornamentazione, 23,6-33,3 × 18,7-27,8 19 µm, media 28 × 22,3 µm, Q = 1,1-1,4; Qm = 1,3. Osservazioni in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-92229800-1465298361.jpg

post-12947-0-37977100-1465298477.jpg

post-12947-0-61309100-1465298500.jpg

post-12947-0-44755300-1465298514.jpg

post-12947-0-57307300-1465298528.jpg

post-12947-0-15485200-1465298545.jpg

Osservazioni in acqua a 1000×.

post-12947-0-23212200-1465298563.jpg

post-12947-0-08848900-1465298594.jpg

Ife della gleba di forma cilindrica, ramificate, intrecciate, settate, prive di GAF. Osservazioni in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-68232900-1465299038.jpg
 
post-12947-0-42072600-1465299052.jpg
Link to comment
Share on other sites

Cortinarius pluvius (Fr.: Fr.) Fr. s. Brandrud et al.; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto, descrizione e microscopia di Tomaso Lezzi e Mario Iannotti.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).
(exsiccata MI20160604_02)

Foto e Descrizioni
I campioni sono stati ritrovati sotto Quercus cerris.
Cortinarius pluvius appartiene ai Cortinarius del subgenere Myxacium, sezione Vibratiles, con cappello e gambo glutinosi, sapore amaro della carne.
Il cappello, fino a 3 cm, si presenta liscio, di colore giallo-bruno vivace, senza toni violacei e con il bordo del cappello chiaro, quasi bianco; umbone basso e ottuso; velo bianco che diventa ruggine per il colore del deposito sporale; cuticola amara, carne amara, igrofano. Lamelle grigio giallastre, presto ruggine per il deposito sporale; gambo cilindrico, con estremità a volte appuntita, biancastro, poco viscido.

Microscopia
Spore 5,8-6,9 × 4,0-5,1 µm; media 6,5 × 4,7 µm; Q = 1,2-1,6; Qm = 1,4; ellissoidi, finemente verrucose. Cheilocistidi cilindrico-clavati, di profilo irregolare.

Discussione
Cortinarius pluvius e Cortinarius vibratilis (Fr.) Fr., sono due specie appartenenti alla sezione Vibratiles, che sono molto vicine e difficili da separare, entrambe con colori e aspetto generale simili, sapore della carne e della cuticola amara. Le piccole differenze riguardano le dimensioni sporali, leggermenti minori nella prima specie e la dimensione dei carpofori, minori sempre nella prima specie. In attesa di indagini molecolari che permettano di differenziare o riunire le due specie, attribuiamo il ritrovamento a Cortinarius pluvius per le dimensioni delle spore, dei carpofori e per la presenza del margine del cappello chiaro, non descritta in Cortinarius vibratilis.

post-12947-0-25311000-1465476466.jpg

post-2993-0-56121300-1465478055.jpg

post-12947-0-39588400-1465476491.jpg

post-12947-0-24343800-1465476504.jpg

Microscopia
Spore 5,8-6,9 × 4,0-5,1 µm; media 6,5 × 4,7 µm; Q = 1,2-1,6; Qm = 1,4; ellissoidi, finemente verrucose. Osservazioni in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-64732000-1465476676.jpg

post-12947-0-79297600-1465476714.jpg

post-12947-0-79049300-1465476726.jpg

Basidi tetrasporici. Osservazioni in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-42497800-1465476789.jpg

Basidi, basidioli e cheilocistidi. Basidi tetrasporici, cheilocistidi cilindrico-clavati, di profilo irregolare. Osservazioni in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.

post-12947-0-59078100-1465476943.jpg

post-12947-0-29274700-1465476980.jpg

post-12947-0-38411600-1465477088.jpg
 
post-12947-0-56180800-1465477107.jpg
Link to comment
Share on other sites

Entoloma lividoalbum (Khun. & Romagn.) Kubicka; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto di Tomaso Lezzi.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).

Entoloma-lividoalbum-01-5.jpg

Basidi e spore in Rosso Congo. 400×.

Entoloma-lividoalbum-12-Basidi-spore.jpg

Entoloma-lividoalbum-15-Basidi-spore.jpg

Link to comment
Share on other sites

Megacollybia platyphylla (Pers.) Kotl. & Pouzar; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto di Tomaso Lezzi.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).

Cappello con fitte fibrille scure, radiate.

Megacollybia-plathyphylla-b-04.jpg

Megacollybia-plathyphylla-a-02.jpg

Megacollybia-plathyphylla-a-03.jpg

Megacollybia-plathyphylla-a-09.jpg

Megacollybia-plathyphylla-b-09.jpg

Link to comment
Share on other sites

Simocybe centunculus var. centunculus (Fr.) P. Karst.; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto di Tomaso Lezzi.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).

Simocybe-centunculus-04.jpg

Simocybe-centunculus-03.jpg

Cuticola formata da elementi cilindrici, irregolari, con strozzature.

Simocybe-centunculus-07-Cuticola-400x.jpg

Simocybe-centunculus-08-Cuticola-400x.jpg

Link to comment
Share on other sites

Crinipellis scabella (Alb. & Schwein.) Murrill; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto di Tomaso Lezzi.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).

Crinipellis-scabella-14.jpg

Crinipellis-scabella-11.jpg

Crinipellis-scabella-05.jpg

Crinipellis-scabella-10.jpg

Crinipellis-scabella-01.jpg

Epicute in Rosso Congo. 40×.

Crinipellis-scabella-16-Pileipellis-40x.jpg

Epicute in Rosso Congo. 100×.

Crinipellis-scabella-17-Pileipellis-100x.jpg

Crinipellis-scabella-19-Pileipellis-100x.jpg

Crinipellis-scabella-23-Pileipellis-100x.jpg

Link to comment
Share on other sites

Roridomyces roridus (Fr.) Rexer; Regione Umbria; Giugno 2016; Foto di Tomaso Lezzi.
VI° Comitato scientifico A.Mi. Umbria, Castel Rigone (PG).

Sinonimo
Mycena rorida (Fr.) Quél.

Foto e derscrizione
Gambo completamente ricoperto da abbondante glutine trasparente, elemento caratteristico di tutto il genere.

Roridomyces-roridus-06.jpg

Roridomyces-roridus-02.jpg

Roridomyces-roridus-01.jpg

Un particolare del glutine molto abbondante che ricopre il gambo.

Roridomyces-roridus-03.jpg

Roridomyces-roridus-05.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information