Jump to content

2017.07 - Toscana - Tutor Alessandro


 Share

Recommended Posts

Leccinellum crocipodium (Letellier) Della Maggiora & Trassin.; Regione Toscana; Luglio 2017; Foto di Alessandro Francolini.
Leccinum crocipodium (Letellier) Watling 

"Leccino" legato in simbiosi con latifoglie (Querce caducifoglie, CarpiniCastagni e Faggi). La cuticola tende a divenire screpolata-areolata a maturità, specialmente a tempo secco; il suo colore va dal giallo-ocra (negli esemplari giovani) fino al bruno nerastro (a maturità). Solitamente presenta un gambo sinuoso e curvato, ventricoso ma attenuato sia all’apice che alla base; il suo colore va dal giallo chiaro negli esemplari più giovani a giallo con toni più scuri in età; è coperto da granulosità inizialmente concolori poi brunastre.
La carne è bianca ma, al taglio, vira inizialmente al rosa violaceo per poi assumere un colore scuro. Il gambo è giallognolo in gioventù per divenire grigio-ocra a maturità; è cosparso di squamette concolori che tendono a scurirsi.
Suoi simili (per le colorazioni del cappello) possono essere Leccinellum lepidum e Leccinellum corsicum; questi ultimi, però, hanno una scarsa tendenza a screpolarsi sul cappello ed hanno habitat diversi: sotto Leccio il L. lepidum e sotto Cisto il L. corsicum.

DSC01390.JPG.59e91642b013bdeeecc0a0fe3e270bed.JPG

DSC01392.JPG.b24934fa60bce3f659ab1111e326ffdc.JPG

Link to comment
Share on other sites

Russula olivacea (Schaeff.) Persoon; Regione Toscana; Luglio 2017; Foto di Alessandro Francolini.

È una Russula tipica soprattutto del Faggio. Di dimensioni importanti, il suo cappello può raggiungere 20 (25) cm di diametro. Il colore del cappello è molto variabile e non sempre rispetta il colore “olivaceo” suggerito dal nome specifico: infatti può variare dal verde-oliva al lilla-verde, dal bruno verdastro fino al rosso vinoso o rosso porpora o bruno violaceo.
La cuticola è separabile fino a un terzo del raggio pileico, sovente con rugosità concentriche riscontrabili soprattutto all’orlo del cappello. La sua carne è compatta e soda, con sapore dolce e buono come di nocciola. Lamelle fragili, forcate al gambo, giallo-ocra in età per la maturazione delle spore che, in questa specie, producono una sporata di colore giallo ocra. Gambo generalmente sfumato di rosa, più raramente tutto bianco; talvolta la sfumatura rosa è relegata all’apice del gambo, subito sotto le lamelle, formando una sorta di alone colorato.
Nonostante la carne dolce, è una Russula che contiene tossine termolabili che possono provocare intossicazioni e disturbi gastrointestinali di varia entità. Quindi va considerata specie tossica se ingerita cruda o poco cotta come accade se cucinata alla griglia o fritta. Come le altre Russula della Sottosezione Olivaceinae (Russula alutacea e Russula vinosobrunnea, anch’esse con carne dolce ma contenenti tossine termolabili) è buon commestibile solo se sottoposta a cottura prolungata (almeno 15 minuti dal primo bollore) in forno o in pentola.

Dal nuovo TUTTO FUNGHI, Scheda 165, Pag. 282: “Russula alutacea e Russula vinosobrunnea sono specie molto prossime a questo fungo e sistematicamente collocate nella stessa Subsezione Olivaceinae. La prima è caratterizzata da una taglia più esile, cuticola più brillante, senza corrugazioni concentriche sul cappello; la seconda ha dimensioni inferiori e la sfumatura sul gambo è generalmente laterale.”

DSC01373.JPG.8d76e64cdb536611eeb6a99d1e6ac5e8.JPG

DSC01374.JPG.2b7c90b0f93b67c51270c93d53bd0edd.JPG

DSC01376.JPG.cdd7e51094aaa720739ad71870e415d1.JPG

DSC01375.JPG.37cad80af8fb8a21c5858fbcd1f6e2b7.JPG

Link to comment
Share on other sites

Russula sp. (forse una  Russula aurora  Krombh.) che non valeva la pena di fotografare se non fosse per il suo gambo con una evidente malformazione che "imita" un anello; Regione Toscana; Luglio 2017; Foto di Alessandro Francolini.

DSC01412.JPG.0a9eceb94030f00407f73151c04944be.JPG

DSC01413.JPG.011bf63e291546631bfa5e19b6382c2e.JPG

DSC01414.JPG.512a509ede592aa604a994356e67dda8.JPG

DSC01416.JPG.1db3ae6e867f5abd95cc2e72311f6dfe.JPG

 

********************************

Indice della Toscana, mese di Luglio 2017, totale n° 18 specie. 

Amanita excelsa (Fr. : Fr.) Bertill. Post # 8
Amanita pantherina var. abietum (E.-J. Gilbert) Neville & Poumarat; Post # 9
Amanita rubescens (Pers. : Fr.) S.F. Gray;  Post # 13
Boletus reticulatus Schaeff. = Boletus aestivalis (Paulet) Fr.Post # 16
Butyriboletus appendiculatus (Schaeff.) D. Arora & J.L. Frank  =  Boletus appendiculatus Schaeffer; Post # 19
Butyriboletus regius (Krombh.) D. Arona & J.L. Frank = Boletus regius Krombh.; Post # 15
Caloboletus calopus (Pers.) Vizzini = Boletus calopus Pers. : Fr.Post # 17
Gyroporus cyanescens (Bull. : Fr.) Quélet;  Post # 18
Hydnum rufescens Pers.; Post # 2
Hymenopellis radicata (Relhan : Fr.) R.H. Petersen = Xerula radicata (Relhan) Dörfelt;  Post # 10
Lactarius piperatus (Linnaeus : Fries) Persoon; Post # 3
Leccinum crocipodium (Letellier) WatlingPost # 21
Neoboletus luridiformis (Rostk.) Gelardi, Simonini & Vizzini = Boletus erythropus Persoon ss. Fries;Post # 14
Phallus impudicus L. : Pers.;  Post # 4 – 6
Polyporus varius (Pers. : Fr.) Fr.;  Post # 12
Russula cyanoxantha (Schaeff.) Fr.; Post # 7; 11; 22
Russula olivacea (Schaeff.) Persoon; Post # 23
Tapinella atrotomentosa (Batsch : Fr.) Šutara = Paxillus atrotomentosus (Batsch : Fr.) Fr.;  Post # 20

 

Non determinati: 

Russula sp. (con malformazione simile ad un anello); Post. # 24

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information