Vai al contenuto
Luigi Minciarelli

2017.12 - Umbria - Tutor Luigi

Recommended Posts

Melanogaster broomeanus Berk.; Regione Umbria; Dicembre 2016; Foto e microscopia di Stefano Rocchi.

Un ritrovamento del dicembre dello scorso anno. Fungo semi-ipogeo rinvenuto in una radura tra boscaglie di latifoglie. 

Carporforo da subgloboso a largamente lobato con evidenti fossette superficiali. Peridio finemente feltrato di colore bruno-giallastro con sfumature rossastre. Di consistenza tenace, gommoso, risulta annerente alla manipolazione e con piccole rizomorfe alla base.

Gleba biancastra nei giovani esemplari ma presto nerastra, formata da piccole celle arrotondate o angolose ripiene di sostanza gelatinosa nera e lucente, circoscritte da ife filamentose giallognole. Odore gradevole tra l'aromatico e il fruttato.

Spore 6,4-8,5 × 3,7-5 µm; Qm = 1,8; da cilindriche ad ellissoidali con base tronca, lisce, a parete spessa e brunastre; molte hanno resti sterigmali ialini ed alcune hanno la forma di boomerang.

Gli è assai simile Melanogaster variegatus (Vittad.) Tul. & C. Tul. il quale si differenzia per le tonalità del peridio più rossastre e per le spore meno cilindriche ovvero subovoidali. Nei casi dubbi ci si dovrebbe affidare ai valori medi del rapporto lunghezza/larghezza delle spore i quali si attesterebbero nell'intervallo 1,3-1,7 per Melanogaster variegatus e nell'intervallo 1,8-2,1 per Melanogaster broomeanus.

(Exsiccatum SR20161223-02)

mb1.JPG.1a14c5ed7b6952c6534e4da8cd1a92c2.JPG

mb2.JPG.8417b34a41d46091ff793b8c78094c9f.JPG

mb3.JPG.de661674970f2f63c8b1408118d2aa90.JPG

mb4.JPG.2909def98c72d964c4d1f19a6f2b1256.JPG

mb5.JPG.598987c28f283d402b890f06e455e5f1.JPG

mb6.JPG.d54db39e97917afe0830cd8b84820626.JPG

mb7.JPG.7e8b0899f762183ac6081c7fb3c39a25.JPG

Spore 6,4-8,5 × 3,7-5 µm; Qm = 1,8; da cilindriche ad ellissoidali con base tronca, lisce, a parete spessa; molte hanno resti sterigmali ialini ed alcune hanno la forma di boomerang. Osservazione 1000× in acqua.

sp1001.JPG.47893667a433c6cfdae23fc488d97480.JPG

sp1002.JPG.7e88993c94938ccf76ad8cc3dd6a5fca.JPG

sp1004.JPG.07f884fca2f80508a4df434502dcf11d.JPG

sp1003.JPG.f768966d9e6e1baa534f0c816698224f.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuber magnatum Picco; Regione Umbria; Dicembre 2017; Foto e microscopia di Stefano Rocchi.

Fungo ipogeo ricercatissimo dal profumo intenso, caratteristico, evocante il gas metano con componente agliacea ma assai gradevole. Aschi da ovoidali a subglobosi 59-93 × 40-57 µm, sessili o con breve peduncolo; in genere contenenti 2-3 spore, raramente 1 o 4. Spore da sferiche a largamente ellissoidali 23,5-39,3 × 22-33 µm;  Qm = 1,1; di colore giallo chiaro o leggermente brunastre e con episporio alveolato in maniera irregolare.

(Exsiccatum SR20171223-01)

DSC_0013.thumb.JPG.0569e8b687c2e7a1f51a95f0bed9c761.JPG

Aschi da ovoidali a subglobosi 59-93 × 40-57 µm, sessili o con breve peduncolo; in genere contenenti 2-3 spore, raramente 1 o 4. Spore da sferiche a largamente ellissoidali 23,5-39,3 × 22-33 µm;  Qm = 1,1; di colore giallo chiaro o leggermente brunastre e con episporio alveolato in maniera irregolare. Osservazione in Tampone alla Glicerina a 1000×.

sptg1001.JPG.9a724dcc3e31f13268db54fd9e796c6e.JPG

sptg1002.JPG.1c94889bee7bfdb448eec0effa18a09f.JPG

sptg1003.thumb.JPG.74b2372d7966bdf16078466b3877a456.JPG

Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

asrc1004.JPG.37e534c1de8c97d4467cfe805c05fb30.JPG

sprc1001.JPG.707971e186f01e70760e0020dd485e41.JPG

sprc1002.JPG.5729db99b485920d91ac736ec905e7df.JPG

sprc1003.JPG.931c5d33acf53f2e136bb53d3318e470.JPG

 

 

  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuber macrosporum Vittad.; Regione Umbria; Dicembre 2017; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. 

Fungo ipogeo dal peridio all'apparenza liscio, ovvero decorato da verruche poligonali piccole e depresse. Spore 44-67 × 30,5-48 µm;  Qm = 1,5; ellissoidali, di colore bruno-rossastro, reticolate-alveolate in maniera irregolare.

(Exsiccatum SR20171223-02)

tm1.JPG.cc82bb545d088867daf7522cd5154690.JPG

tm2.JPG.1a3f24f62d3fb5d97719290c2627a4c5.JPG

tm3.thumb.JPG.6677919945b301143aacd429855bf2c1.JPG

Da notare le spore che punteggiano la gleba.  

tm4.thumb.JPG.3a6fa2f2e95ad25fbb25373b5ab72cb0.JPG

Spore 44-67 × 30,5-48 µm;  Qm = 1,5; ellissoidali, si colore bruno-rossastro, reticolate-alveolate in maniera irregolare. Osservazione in Rosso Congo a 400×.

sprc401.thumb.JPG.179b2a83e297bbef4e38175c1856bae2.JPG

Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

sprc1001.thumb.JPG.9f2b0c40e83e31e2fc2208098df961ca.JPG

sprc1002.thumb.JPG.cfd23ea5ef0fb2475b4fb6b731175d9d.JPG

sprc1003.JPG.e10ec65a5b64e35b0672175aa76f59eb.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuber rufum Pollini : Fr.; Regione Umbria; Dicembre 2017; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. 

Fungo ipogeo subgloboso dal peridio color bruno-rossastro, all'apparenza liscio ma in realtà decorato da minute verruche assai appiattite. La gleba è compatta, di consistenza cartilaginea, formata da vene sterili biancastre, di varia lunghezza, spesso interrotte, comunque tortuose e da una trama fertile più scura, bruno-rossastra o del tutto grigiastra. Odore agliaceo, sgradevole; sapore di nocciola. Trattasi di un fungo non commestibile.  

Gli aschi sono da ellissoidali a piriformi, contraddistinti spesso da un lungo peduncolo, misurano 65-90 × 40-50 µm e contengono in genere 3-4 spore, sono rari quelli che ne contengono 1 o 6. Spore 21,2-32,7 × 14,6-26,1 µm;  Qm = 1,5; quelle negli aschi monosporici misurano anche 36 × 27 µm; sono bruno-giallastre, ellissoidali, qualcuna di forma sferica e hanno un episporio costituito da aculei sottili, fitti, più o meno diritti, lunghi fino a circa 4 µm. 

(Exsiccatum SR20171223-03)

tr1.JPG.161c9895f8992cfd1b76134f013d215f.JPG

tr3.JPG.2b44a2b7c62edf39b42dadb15deb1a86.JPG

tr2.JPG.9ff74bc9c422ce1e70dbb125a5b827c0.JPG

tr4.JPG.ad24ab3c2c1dcd9728cd6d396b135a2a.JPG

tr6.JPG.19904c37b4aec35f27690b6e48cc6ead.JPG

tr5.JPG.20ebe29f225105235d297c1829bc15c3.JPG

tr7.JPG.8d4453b629ef532d8ffc68ebd6a93ac7.JPG

Gli aschi sono da ellissoidali a piriformi, contraddistinti spesso da un lungo peduncolo, misurano 65-90 × 40-50 µm e contengono in genere 3-4 spore, sono rari quelli che ne contengono 1 o 6. Osservazione in Tampone alla Glicerina a 400×.

as401.thumb.JPG.ae2bf85763d6a14d4e1d4d940689796e.JPG

Osservazione in Tampone alla Glicerina a 1000×.

as1001.thumb.JPG.881771f3d51232a9e70da28826cb076b.JPG

Spore 21,2-32,7 × 14,6-26,1 µm;  Qm = 1,5; quelle negli aschi monosporici misurano anche 36 × 27 µm; sono bruno-giallastre, ellissoidali, qualcuna di forma sferica e hanno un episporio costituito da aculei sottili, fitti, più o meno diritti, lunghi fino a circa 4 µm. Osservazione in Tampone alla Glicerina a 400×.

tg401.JPG.72a63fba5165d0cacc6ea544b71150b4.JPG

Osservazione in Rosso Congo a 400×.

rc401.JPG.d8c6c1c8bcd5064200ba8e3a33c2f90c.JPG

Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

rc1002.thumb.JPG.dc1425551b44aa0d60a07c582ba1d401.JPG

Osservazione in Tampone alla Glicerina a 1000×.

tg1001.thumb.JPG.2f316f3d4e643b3a38b27fa839867098.JPG

tg1002.thumb.JPG.36afe5b74c85a9bbd99a107fb712a4b6.JPG

tg1003.JPG.1ce51efbf27e73b52636cbdbf50d7530.JPG

tg1004.JPG.4bb8988b1242ddfec0bb5164ab9f85f5.JPG

tg1006.thumb.JPG.1c13cee8701c1f20886b0963ea1a4851.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×

Important Information