Vai al contenuto
Archivio Micologico

Coniophora arida (Fr. : Fr.) P. Karst. 1868

Recommended Posts

Coniophora arida (Fr. : Fr.) P. Karst. 1868

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Coniophoraceae

Etimologia
Coniophora, dalle parole greche [κονίαkonía = polvere, sabbia e [φέρω] fero = io porto, quindi per l’aspetto arenoso e inconsistente dei funghi appartenenti a questo genere.
arida, dal latino ārĭdus = arido, secco, asciutto, quindi in riferimento all'ambiente di crescita non particolarmente umido.

Carpoforo
Fungo corticolo, resupinato, adnato, all’inizio orbicolare in seguito più o meno esteso ma sempre ben adeso al substrato. Imenoforo da liscio a lievemente tubercolato, cotonoso-feltrato, talvolta screpolato, con il colore che varia dal giallino al verdastro-senape, fino al brunastro. Ha di norma il margine fimbriato di colore bianco o lievemente giallo. Carne inconsistente, prima molle, poi fibrosa ed infine dura e gessosa.

Habitat
Vegeta abbastanza frequentemente sia su legno marcescente di aghifoglia che di latifoglia. È stato rinvenuto su legno di Pino, Cipresso, Larice, Abete bianco, Abete rosso, Ginepro, Quercia e Pioppo.

Microscopia
Sistema ifale monomitico. Ife settate, senza GAF, più o meno ramificate, ialine, a parete sottile, larghe 3-5 µm; sono presenti anche ife rigonfie in prossimità dei setti; ife più larghe, fino a 10 µm, ialine a parete più spessa; ife incrostate ed altre leggermente brunastre, settate e a parete spessa. In letteratura vengono segnalati rari GAF verticillati nelle ife basali. Basidi cilindrici, sinuosi, ialini, tetrasporici, 40-60 × 7-10 µm. Spore 9-12 × 6,3-8,9 µm; Qm = 1,5; da ovoidi ad ellissoidali, a parete spessa, guttulate, gialline in acqua e destrinoidi.

Commestibilità e tossicità
Non commestibile.

Somiglianze e varietà
Le è molto simile Coniophora puteana (Schumach. : Fr.) P. Karst., dalle tonalità tendenzialmente più accese, olivastre, ma di fatto indistinguibile da un punto di vista macroscopico da Coniophora arida per via della enorme variabilità cromatica delle due specie che hanno anche una microscopia sostanzialmente sovrapponibile con la prima che più spesso ha spore leggermente più grandi della seconda, ma anche in questo caso la elevata variabilità delle misure sporali che contraddistingue le due specie potrebbe trarre in inganno l’osservatore. Le due specie però si riescono a separare grazie all’esame delle spore in acqua ove Coniophora arida ha spore gialline mentre Coniophora puteana ha spore brunastre. Inoltre Coniophora arida ha spore di norma fortemente destrinoidi mentre Coniophora puteana ha anch’essa una reazione destrinoide ma meno evidente della sua simile.
Coniophora fusispora (Cooke & Ellis) Cooke si differenzia per le spore più lunghe e per la loro forma affusolata.
Coniophora olivacea (Fr. : Fr.) P. Karst. si distingue per la presenza di grossi cistidi cilindrici settati, a parete spessa e generalmente incrostati.

Osservazioni
Corticolo comune e diffuso in tutta Europa. Cresce spesso nella parte rivolta a terra di legni di Pino caduti e decorticati.

Bibliografia
BERNICCHIA, A. & GORJON, S.P., 2010. Corticiaceae s.l. Fungi Europæi. Vol 12. Alassio (SV): Ed. Candusso. 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Stefano Rocchi. Approvata e revisionata dal CLR Micologico di AMINT.
 

Regione Marche, Località Montelago di Serravalle di Chienti (MC); Maggio 2017; Foto e microscopia di Stefano Rocchi.
Esemplari rivenuti su legno decorticato a terra di Pinus nigra J.F.Arnold.

(Exsiccatum SR20170511-01)

ca4.JPG.33c3466102209fc4290261aafdd42ddf.JPG

ca3.JPG.de7ecfb7020b97df7a567c0fe73ec8a3.JPG

ca5.JPG.675e9334765396b64009db1c188ecdcc.JPG

ca6.JPG.7680d90319425455d417fdb3ace065d8.JPG

ca7.JPG.41b062bb36c12818bf116bbb9950c660.JPG

ca8.JPG.f7cf1d9d7e0631dcdc5369226daff2b3.JPG

ca9.JPG.77885f8df231307f0360acb8c758dd90.JPG

Sistema ifale monomitico. Ife settate, senza GAF, più o meno ramificate, ialine, a parete sottile, larghe 3-5 µm; sono presenti anche ife rigonfie in prossimità dei setti; ife più larghe, fino a 10 µm, ialine a parete più spessa; ife incrostate ed altre leggermente brunastre e parete spessa. Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

if1rc1001.thumb.JPG.43bd0af492f03c33ed392c257739a6dd.JPG

iferc1002.JPG.6c7964275713f5e60c9fe4223aa78faf.JPG

iferc1003.JPG.b8871025db59bce46aed18766a96e3f7.JPG

iferc1005.thumb.JPG.de6e6dc494886b0392802909c0217da5.JPG

iferc1006.thumb.JPG.0517b6a05a2e5db63fcf2da08598f946.JPG

iferc1007.thumb.JPG.46ea9a6e5bce3080303c64987cbadc33.JPG

iferc1008.thumb.JPG.aef61ba60443dab9e395feeadb6906e5.JPG

Basidi cilindrici, sinuosi, ialini, tetrasporici, 40-60 × 7-10 µm. Osservazione in KOH a 1000×.

basac1001.JPG.1108e1a0fccaf2c5770b1febfb009514.JPG

Spore 9-12 × 6,3-8,9 µm; Qm = 1,5; da ovoidi ad ellissoidali, a parete spessa, guttulate, gialline in acqua. Osservazione in acqua a 1000×.

spac1001.JPG.e60592eec4f6faf95d84b94a9364f1d8.JPG

spac1002.JPG.49e2122d749969d3078184137d73f56c.JPG

spac1004.JPG.2e4630db034113a17542804f9adf8a37.JPG

spac1005.thumb.JPG.5d06a05487a6bb3b876ea973a722c617.JPG

Osservazione in Reagente di Melzer a 1000×. Le spore hanno reazione destrinoide.

spme1002.thumb.JPG.7ab2e8c5ae25c2baee43642f7a4c35d8.JPG

spme1005.JPG.18300252259e5231317254c00ca77ec9.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Important Information