Jump to content
Sign in to follow this  
Alessandro F

2019.06 - Toscana - Tutor Alessandro

Recommended Posts

Buoni ritrovamenti   :wink:

:bye:    Alessandro

**************

Indice della Toscana, mese di Giugno 2019, totale n° 6 specie 

Amanita vaginata (Bull. : Fr.) Vittadini; Post # 4
Boletus reticulatus Schaeff. = Boletus aestivalis (Paulet) Fr.; Post # 5
Caloboletus calopus (Pers.) Vizzini = Boletus calopus Pers. : Fr.; Post # 6
Cantharellus subpruinosus Eyssart. & Buyck.; Post # 2
Lycoperdon utriforme Bull.Calvatia utriformis (Bull. : Pers.) JaapBovistella utriformis (Bull.) Demoulin & Rebriev; Post # 3
Megacollybia platyphylla (Pers.) Kotl. & PouzarPost # 7

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cantharellus subpruinosus Eyssart. & Buyck.; Regione Toscana; Giugno 2019; Foto di Alessandro Francolini.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 35, Pag. 138: “Cantharellus subpruinosus presenta inizialmente una sorta di pruina biancastra sul cappello e si macchia vistosamente su toni rosso-brunastri dopo manipolazione. Ottimo commestibile. Trova forti estimatori che lo preferiscono nettamente al più nobile Porcino. Viene impiegato in cucina in svariati modi: trifolato, con le lasagne, nel risotto, oppure conservato sottolio o sottaceto. Si presta invece male alla conservazione per essiccamento. Se surgelato crudo tende ad assumere una sgradevole amarescenza: per tale motivo ne consigliamo la surgelazione dopo adeguata, quanto opportuna, precottura.”

DSC03315.JPG.008199448a469ad4e20e10fb4b53555f.JPG

DSC03316.JPG.eac2edda1f2d0e00290a6e17f5048eba.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lycoperdon utriforme Bull.; Regione Toscana; Giugno 2019; Foto di Alessandro Francolini.
= Calvatia utriformis (Bull. : Pers.) Jaap
Bovistella utriformis (Bull.) Demoulin & Rebriev

Inconfondibile forma globosa-ellissoidale che abbellisce i prati dalla collina fino ai pascoli alpini. Esoperidio biancastro e areolato da verruche più o meno piramidali o più o meno appiattite. Alla sezione la carne si presenta compatta e bianca quando il fungo è immaturo, divisa in due porzioni distinte: gleba (parte superiore; che porterà a maturazione le spore) e subgleba (parte inferiore, sterile), divise da un diaframma. Via via che le spore maturano la gleba diviene sempre più gialla-olivastra fino ad assumere consistenza polverosa dal colore marrone scuro. La subgleba, invece, rimane più a lungo biancastra, pur raggiungendo nel tempo la stessa colorazione marrone scuro. 
La deiscenza avviene per un graduale degradamento-spaccatura del peridio a partire dal centro; tale lacerazione si estenderà e interesserà tutta la parte del peridio che racchiude la gleba, lasciando così la polvere sporale in balia del vento; la subgleba, a forma di coppa aperta e larga, rimarrà ancorata al terreno. È specie eliofila e praticola.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 224, Pag. 345: “Commestibile limitatamente alla gleba purché questa sia perfettamente bianca. In alcune zone è molto apprezzato impanato e fritto. Dato il sapore dolce della carne, si consiglia una buona dose di sale dopo la cottura. È frequente incontrare nei prati residui papiracei a forma di coppa marrone che rimangono per molto tempo dopo la maturazione. Tali resti non sono ovviamente di nessun interesse gastronomico, ma possono rappresentare un buon indicatore per la zona di crescita.”

****

Esemplare ormai a fine ciclo. Dalla ampia spaccatura del peridio è visibile l'abbondante polvere sporale

DSC03324.JPG.6b1b71e41b64633852d395ae08bdc451.JPG

DSC03325.JPG.0aaea63102e32b6fcd58316fbf00e486.JPG

DSC03327.jpg.eed5bf3371ebb7784daf06d9c2130c67.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amanita vaginata (Bull. : Fr.) Vittadini; Regione Toscana; Giugno 2019; foto di Alessandro Francolini.

 Cappello con toni grigi (grigio cenere, grigio perla, grigio piombo,...) anche sfumato di ocraceo nella zona discale; umbone ampio ma non prominente; margine pileico con evidenti striature regolari; anello assente (o, meglio, dissociato e ridotto a fioccosità che rimangono aderenti alla base del gambo e ricoperti dalla volva; quindi anello non rilevabile sul gambo); gambo slanciato, bianco, liscio o coperto di fini fioccosità concolori; volva fragile ma abbastanza spessa, aderente al piede del gambo e libera all’orlo.

 Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 114, Pag. 222: “Il Gruppo delle Amanita del sottogenere Amanita, sezione Vaginatae, è costituito da un numero di specie molto vasto e ancora non ben delimitato. Tranne rarissimi casi, per una corretta determinazione di questo gruppo è indispensabile l’attenta osservazione microscopica. Sono tutte commestibili di ottimo pregio; si usufruisce del solo cappello ed è obbligatoria una cottura adeguata (15 minuti dal primo bollore, perché sono tossiche da crude). Essendo funghi molto fragili devono essere raccolti con grande delicatezza.”

DSC03317.JPG.7a33984ac0acd07694add2917ad4b270.JPG

DSC03318.JPG.3f91a32c74d23dbe40142c8145f64f47.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boletus reticulatus Schaeff.; Regione Toscana; Giugno 2019; Foto di Alessandro Francolini
Boletus aestivalis (Paulet) Fr.

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 210, Pag. 330-331: “Abbastanza comune e molto ricercato. Inizia la sua crescita qualche settimana dopo i temporali primaverili del mese di maggio e continua a fruttificare, nelle aree mediterranee, fino a metà novembre. Quando l’aria è secca, tutta la superficie del cappello si screpola e rende visibile la carne bianca sottostante. Nel periodo estivo e all’inizio dell’autunno il Boletus reticulatus in particolare viene invaso da larve anche quando si trova allo stadio di primordio. Questi insetti fanno parte principalmente di due famiglie di ditteri: la Famiglia Mycetophilidae e la Famiglia Sciaridae. Questi piccoli insetti micetofili hanno la consuetudine di insediarsi nel luogo dove c’è la fungaia. Le femmine iniziano a penetrare nel terreno e raggiungono la base del fungo, deponendovi 50-70 uova che subito dopo si schiudono. Le larve iniziano a cibarsi della carne invadendo e fagocitando l’intero fungo; una volta compiuto il loro stadio di larva, si impupano in un bozzoletto e così il ciclo ricomincia per numerose generazioni annuali.” 

A proposito di questo nome specifico (reticulatus), il Cetto riporta in nota alla scheda 265 della sua collana I funghi dal vero: “Si può determinare con una certa sicurezza (...) se si nota il tipico screpolarsi della cuticola del cappello, carattere che, contrariamente a quanto si crede, gli ha dato il nome. Qualcuno crede che il nome specifico derivi dalla presenza del reticolo sul gambo. Tale reticolo invece, presente anche nelle altre varietà dell’ edulis, non è per nulla determinante agli effetti di una sicura determinazione.”

DSC03332.JPG.6def5c60ceaa0f59ef2d60c36e714710.JPG

DSC03336.JPG.282d85d1630fcee9fc15456c61c2ca36.JPG

DSC03334.JPG.7745c5d71a45c674f679bcb6a518028f.JPG

DSC03335.JPG.1530c2e89ba0ec55b93141a03977f379.JPG

DSC03354.JPG.85eaa77c1958f3e30573e3f8784220c5.JPG

DSC03355.JPG.576e03e042bbabcac722a18d4eac57bc.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caloboletus calopus (Pers.) Vizzini; Regione Toscana; Giugno 2019; Foto di Alessandro Francolini.
= Boletus calopus Pers. : Fr. 

Oltre che per altri caratteri, si distingue dal Caloboletus radicans [= Boletus radicans] per la colorazione: cappello grigio camoscio, grigio-olivastro o grigio-ocra pallido in C. calopus e molto più chiaro (bianco latte, color crema) in C. radicans; gambo con estese colorazioni rosse (soprattutto nella metà inferiore; sovente con colore giallognolo nella parte alta) in C. calopus e giallo pallido (talvolta sfumate di rosa in alto) in C. radicans; anche il reticolo è diverso: presente e a maglie allungate in C. calopus, quasi assente in C. radicans (se presente è a maglie fini e relegato alla parte alta del gambo). 

Dal (nuovo) Tutto Funghi, Scheda 202, Pag. 319: “Responsabile di alcuni casi di intossicazione (sindrome gastro-intestinale o resinoide incostante), comunque non commestibile per il forte sapore amaro e per il netto odore sgradevole. I pori gialli, la caratteristica fiammatura rosso carminio alla base del gambo, il sapore della carne e l’odore inconfondibile agevolano la determinazione.”

DSC03338.JPG.0fd7df0a999eb6e9030109ae708303be.JPG

DSC03339.JPG.c2152c9cef10ca04dcd44e41505dbb52.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Megacollybia platyphylla (Pers.) Kotl. & Pouzar; Regione Toscana; Giugno 2019; Foto di Tomaso Lezzi.

Tom :)

Megacollybia platyphylla 01-6.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information