Jump to content

Ase2

Members
  • Content Count

    319
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by Ase2

  1. mha non esiste un vero cane da tartufi, secondo me tutti con un addestramento adeguato possono diventare dei buoni cercatori, ci vuole tanta pazienza e tanta pazienza....... dalle mie parti son tutti fissati col bracco-pointer, altri preferiscono il lagotto, solo per il nero però, dicono che per il bianco non va bene. sarà.......

    Vabbè io ti posso solo dire, che ho 4 cani 2 lagotti, e 2 meticci incroci tra pointer e booo qualcos'altro.... e ti posso garantire che mi danno grandi soddisfazioni, e inoltre chi mi diceva che ero matto ad addestrare quei cani lì, ora mi chiedi se le vendo, ahah a ha fossi matto.....

    Per quanto riguarda il lagotto, secondo me è un ottimo cane da tartufi, io lo adoro, e non solo per il nero, i miei mi hanno regalato anche dei bei bianchi.

    C'e da dire, secondo me, che il laggoto necessita di una certa "manutenzione", infatti richiede, nel periodo estivo, di qualche tosatura totale, una regolare rimozione del pelo che cresce all'interno delle orecchie ecc. ecc., inoltre ha un bel caratterino........

    Comunque ripeto secondo me sono tutti adatti se ben addestrati e sempre pazienza, pazienza, pazienza.

    ciao

  2. salve a tutti,

    vorrei un 'informazione dagli esperti, ho preso da poco un cane da tartufo e ho un banale dubbio. se nel giro di 3 giorni cambio "tattica"andando dapprima alla ricerca del nero e successivamente alla ricerca del bianchetto avrà difficoltà col fiuto? dovrà avere un nuovo mini addestramento? oppure farà tutto automaticamente?

    grazie buonasera.

    bhe non e detto, alcuni cani necessitano di associare gli odori dei vari tartufi altri vanno in automatico, puo dipendere da cane a cane. Io stesso ho una esperienza in tal senso infatti una delle mie attuali compagne di cerca, addestrata col bianchetto, alle prime uscite a scorzone non ne voleva sapere, comunque e bastato farla giocare con un bel tartufetto nero, acquisendone cosi le componenti odorose, per un paio di giorni e magia la cagnetta si e trasformata......

    Il consiglio che ti do e di cercare di farle associare i vari profumi dei diversi tartufi, una volta trovato il primo vedrai che la strada sarà sempre piu in discesa....ma ci vuole impegno e pazienza..

    ciao

  3. come ti hanno consigliato il trovatartufi è una miniera di ottimi consigli, per quanto riguarda i libri io ti consiglio "Il cane da tartufo" di antonio cortesi, inoltre se puoi cerca di procurarti oltre l olio aromatizzato, qualche piccolo tartufo fresco, altra cosa io eviterei di mettere l olio aromatizzato nella pappa, si sa mai che scopra la bontà del tubero e se lo voglia mangiare eh eh

    ciao

  4. ciao

    curiosando ho letto il tuo topic,e mi sono chiesto il xché cerchi il metodo x far si che il cane non vada nella tartufaia,quando dici che certe persone fanno il danno.

    il cane fa quello che sa fare,quello che il padrone gli ha insegnato,che colpa ne ha ?

    se il padrone esce alla ricerca due mesi prima dell apertura,il cane non ha colpe!!!

    dunque dovresti trovare il sistema x punire il trasgressore n1cioe il padrone colui che fa il furbo

    esistono le guardie che se tu gli segnali la cosa poi loro provvedono al trasgressore

    trovare un metodo x il cane mi sembra ingiusto incivile x l animale e poco corretto.

    mentre avvisare il fatto a chi di competenza non fai altro che fare la cosa piu giusta,visto che le regole sono x tutti é giusto che chi fa il furbo paghi la sua furbizia.

    almeno io la penso cosi

    ciao

    pocia :66:

    bhe quello che dici è giusto e sensato, se le guardie fossero tutte serie, io abito in una riserva di caccia e tutti gli anni una squadra di cinghialai viene a fare la battuta di caccia all'interno della riserva, sono stati avvisati guardiacaccia, polizia provinciale e carabinieri ebbene nessuno si è mai visto.....per ridurre gli sciacallaggi sconsiderati, a mio avviso sarebbe utile che pure i commercianti smettessero di acquistare tartufi immaturi e fuori stagione di raccolta, come previsto dalle norme in vigore, in realta spesso pagano il doppio per tartufi raccolti fuori stagione... altra cosa utile a mio avviso sarebbe avere l'accortezza di lasciare in pastura i tartufi microscopici che a volte si trovano in modo da garantire una buona presenza di spore, purtroppo anche in questo caso cè sempre chi raccoglie pure i pezzi di tartufo che lasci appositamente.. :bad:

  5. bhe la tartuficultura sicuramente non è una scienza esatta, io so solo che un mio amico 10-12 anni fa piantò qualche pianta micorizzata con tuber aestivum e ora raccoglie tartufi, non quintali ma qualche kg si, inoltre in un altra zona 15 anni fa la forestale fece un rimboschimento e ora li ho scoperto delle pasture nuove..........in un altra zona vennero piantate roverelle micorizzate con tuber melanosporum e sotto esse ci abbiamo cavato, io e un mio amico, 5 kg di nero pregiato e un altro mio conoscente un bel melanosporum di 250 grammi.........mha forse saranno casi isolati ma credo che piantando essenze micorizzate in terreni giusti qualcosa si potrebbe ottenere, naturalmente questa e solo una mia opinione, ma presto ci provero.

    saluti

  6. quella della possibilita di addestrare un cane alla ricerca dei porcini è una curiosita che ogni tanto si ripropone, a mio avviso, è possibile infondo i cani hanno un olfatto finissimo che gli permettono di isolare e seguire odori che noi neanche percepiamo...ne sono un esempio i cani da tartufo, come i miei ehhehe :dog::0123: o gli stessi cani antidroga ecc ecc..

    Per l addestramento basta far giocare il cane con un contenitore, tipo uovo kinder, forato e riempito di pezzi di porcino, secondo me va bene anche essicato, almeno io faccio cosi coi miei cani,per il tartufo..chissa magari funziona...bhe se qualcuno prova e riesce ci faccia sapere....comunque sul trovatartufi ogni tanto vi sono testimonianze positive in merito

    ciao ciao

  7. Bhe secondo me la coltivazione del tartufo e assolutamente possibile, basta guardare alcune regioni della Francia, dove e diffusissima la coltivazione del tartufo nero pregiato.

    Per quanto ne so si puo tentare di coltivare tutti i tipi di tartufo nero e pure il bianchetto, mentre per il bianco pregiato sembra non ci siano ancora risultati concreti, comunque non e semplice come a volte vogliono far credere occorrono terreni adatti, esposizione adatta insomma ci sono piu variabili che incidono positivamente o meno..........

    Comunque puoi leggere cose interessanti sul sito del centro di tartuficultura di Sant'Angelo in vado....

    Ps: un mio amico circa 15 anni fa pianto qualche roverella e noccioli micorizzati con scorzone e ora raccoglie i suoi tartufetti

  8. bhe per quanto riguarda lo scorzone direi stagione eccezionale, per il bianco piuttosto deludente, almeno per me, bucate scarse e di dimensioni ridotte, tipo ceci per intenderci.

    L' unico degno di nota, credo di oltre un etto, se lo e pappato per meta la mia cagnuzza...uffffffffff :banzai::chair::wall:

    ciao

×
×
  • Create New...

Important Information