Jump to content

Robeeno

Members
  • Content Count

    9
  • Joined

  • Last visited

About Robeeno

  • Rank
    Nuovo Utente
  1. Che io sappia ne parte uno anche vicino a Bagno di Romagna, nel parco delle foreste Casentinesi...
  2. mi dispiace contraddirti... purtroppo una sera ho visto alla tele un documentario proprio ad argomentazione "il nucleare in italia"(mi sembra report sulla rai ma non ricordo bene..) e ti posso dire che attualmente la centrale italiana dismessa non è al top della sicurezza... e le scorie sono stoccate in un magazzino pieno di bidoni messi uno sopra l'altro in una zona molto a rischio inondazioni (adirittura confinante con un canale !!e confinante con una zona abitata tipo paesetto!!) e non è afatto messa bene anche per altri motivi(han fatto vedere che i piccioni entravano dai finestroni e vi facevano il nido all'interno!!!)... questo è il riassunto di cio che ho visto quella sera... c'è proprio da star allegri non ti sembra? è tornata in mente anche a me quella puntata di report, coi bidoni arrugginiti in mezzo ai topi ed ai piccioni... Ricordo anche in una zona sopra torino un sito di stoccaggio che si era allagato 3 volte! Ci saranno sicuramente altri siti perfettamente funzionanti, ma vista la pericolosità del materiale lo dovrebbero essere tutti! Come smaltiremo le nuove scorie se non siamo ancora riusciti a smaltire le vecchie dopo il referendum dell'87? Non è cambiato molto a riguardo da quando ero in fasce (radioattive...). Certo, ora come ora gli inquinamenti chimici hanno molta più importanza di quelli radioattivi, pero... In ogni caso, rinnovo gli auguri di BUON NATALE!! Rob
  3. Intanto, grazie mille della risposta!! Forse, come dici, le centrali possono essere migliorate ed essere abbastanza sicure... ma mi sembrava di aver sentito poco tempo fa dei riscontri di livelli di radioattività più di ottanta volte (credo anche di più) superiori al limite di sicurezza nei campi vicini ad un centro di deposito in Francia, oltre che un notevole inquinamento nella falda sottostante... sono stati vietati perfino l'irrigazione ed il nuoto nei posti vicini (credo lo siano ancora) e quasi sicuramente anche la raccolta dei funghi. Ricordo, anche se meno nei dettagli, di altri problemi simili negli anni precedenti, sia in spagna che anche in svezia! Sarà che forse a queste notizie dedico troppa attenzione... ma forse sta qui un futuro problema, di scorie se ne produceranno sempre e verranno probabilmente immagazzinate in luoghi distanti dalle città, tranquilli, cioè molto probabilmente anche nei boschi! Poi è meglio non pensare a come si gestisce lo smaltimento dei rifiuti in italia... Mah, per me sarebbe bello continuare ad andare a funghi senza avere questi problemi, come si è fatto in questi anni. Un saluto e buone feste a tutti! Roberto
  4. Scusate una domanda magari ingenua, spero fatta nella sezione giusta: ma con la quasi certa apertura di centrali nucleari anche nei nostri territori è sicuro che non ci saranno problemi di accumulo di radiazioni nei nostri amati funghi? Avete delle notizie a questo riguardo dalle zone vicine a centrali francesi, ad sempio, o a situazioni analoghe? Ogni volta che sento notizie al telegiornale su questo argomento mi viene sempre questo dubbio... Saluti! Rob
  5. Un'altra domandona per le macrolepiote... secche (anche il cappello, non solo il gambo, davvero valido, molto aromatico )come rendono? Avete mai provato? Grazie mille!! Rob
  6. il trifolato occorre che i funghi vengono un po' rosolati prima di aggiungere il sale... un'altra ricetta : mettere in una teglia da forno le mazze con l'esterno in basso una solveratina di aglio e prezzemole eun filo d'olio, mettere sopra patate crude affettate fini fini condire poi aggiungere alternativamente mazze e patate fino a riempire la teglia. Infornare a 200 gradi per 30-40 muinuti ciao Nino Grazie mille Nino, appena riuscirò a mettere insieme un po' di "materia prima" testerò questa ricetta!! Rob
  7. Ciao a tutti!! Complimenti per questo appassionato forum!! In questi giorni ho trovato alcuni kg di mazze di tamburo (M. procera, fuliginosa e mastoidea). Ho provato l'impanatura a cotoletta al forno e la frittura, e devo dire che non erano affatto male... mentre il trifolato è stato disastroso : un po' viscido, ed anche il sapore non era granchè? Qualcuno ha qualche consiglio in proposito? Poi fra queste specie diverse ci sono differenze "culinarie"? Grazie mille!
×
×
  • Create New...

Important Information