Jump to content

2010.12 - Sardegna - Tutor Franco Sotgiu


Recommended Posts

Controlla I. heimi.......

Poi, non vedo nessun cistidio imeniale, ma solo basidi tetrasporici.

Massimo"

 

Ciao Massimo !

la determinazione deriva dalle caratteristiche macroscopiche ed ecologiche: sembrava anche a me la heimi, ma l'ho esclusa per la sede di ritrovamento ( Sotto Leccio, Monte Arci, in una vecchia carbonaia);

A dir la verità, la mia voce in capitolo dal punto di vista microscopico, è ancora prossima allo 0 :o . Posso solo dire questo: in altri campi, mi è sembrato di vedere qualche pleuro e cheilo-cistidio di diversa forma; è anche vero che non ho osservato il dimorfismo sporale (spore sub-faseoliformi e amigdaliformi) che avrei dovuto trovare per l'Inocybe terrigena.

Se l'ecologia, è compatibile con heimi, correggo subito !

Grazie !

P.S.: ero così sicuro che non ho pensato di postare la specie nella sezione determinativa...

:bye:

Efisio

Edited by efisio.mereu
Link to post
Share on other sites

Controlla I. heimi.......

Poi, non vedo nessun cistidio imeniale, ma solo basidi tetrasporici.

Massimo"

 

Ciao Massimo !

la determinazione deriva dalle caratteristiche macroscopiche ed ecologiche: sembrava anche a me la heimi, ma l'ho esclusa per la sede di ritrovamento ( Sotto Leccio, Monte Arci, in una vecchia carbonaia);

A dir la verità, la mia voce in capitolo dal punto di vista microscopico, è ancora prossima allo 0 :o . Posso solo dire questo: in altri campi, mi è sembrato di vedere qualche pleuro e cheilo-cistidio di diversa forma; è anche vero che non ho osservato il dimorfismo sporale (spore sub-faseoliformi e amigdaliformi) che avrei dovuto trovare per l'Inocybe terrigena.

Se l'ecologia, è compatibile con heimi, correggo subito !

Grazie !

P.S.: ero così sicuro che non ho pensato di postare la specie nella sezione determinativa...

:bye:

Efisio

 

Ciao, I. heimi non è esclusiva delle zone retrodunali, ma può fruttificare anche in zone diverse, infatti se vai nel nostro archivio, in apertura del primo post, potrai osservare un ritrovamento sotto Leccio.

http://www.funghiitaliani.it/index.php?showtopic=14936

 

Per la microscopia ci vuole tempo, manualità e sapere come procedere.

Per Es. per i cheilocistidi devi fare una sezione che delimiti solo il filo lamellare(usa una lente da estetista da tavolo, 4-8× per sezionarla, in alternativa allo stereomicroscopio, non schiacciare molto il preparato e posiziona l'obbiettivo in modo di guardare la parte esterna, spesso schiacciando molto si mischiano con i pleurocistidi.

Per i Pleuro, elimina il filo della lamella di qualche mm, poi fai una sezione e osserva.

Caulocistidi, molto importante nelle Inocybe la loro distribuzione sul gambo, e perciò usare particolare attenzione nella raccolta, usa un coltellino e raccoglila intera, evita di manipolare il gambo. Fai tre sezioni molto fini sulla corteccia del gambo, uno apicale, uno centrale e uno alla base prima del bulbo. Molte inocybe presentano caulo solo all'apice, alcune fino a metà e altre su tutto il gambo.

All'inizio sarà difficile, molte osservazioni saranno "imperfette", spesso ti sembreranno tutte uguali, ma poi vedrai che le differenze saranno ben leggibili.

Se hai bisogno..........chiedi pure.

Massimo

Link to post
Share on other sites

Grazie dei preziosi consigli, Massimo, mi farò sentire !

Ciao !

chi ama la micologia non dovrebbe avere "segreti" e nemmeno conflitti di gelosia.

ma questo dovrebbe essere anche un dogma nella vita quotidiana..........

ps.....per come ti ho conosciuto........vai avanti così, hai un compito delicato, fatti onore e credici.

 

Massimo

 

ps 2....abbiamo cenato al mio gruppo con il tuo vino..(gigi barbera docet)........grazie

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...

Important Information