Cerca nel Forum

Mostra i risultati per i TAG 'Pleurotus fuscus'.

  • Cerca per TAG

    Inserire i TAG separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Discussioni

  • Aree Tematiche Riservate Soci AMINT
    • Eventi di Grande Rilevanza AMINT
    • Associazione Micologica AMINT
    • Filo Diretto con il Presidente
    • I Funghi trovati e raccolti Oggi: fotografati e/o descritti
  • Associazione Micologica Italiana Naturalistica Telematica - A.M.I.N.T.
    • A.M.I.N.T. La nostra Associazione Micologica
    • Pubblicazioni curate da A.M.I.N.T.
    • Raduni e Manifestazioni A.M.I.N.T.
    • Nuclei Territoriali AMINT
    • Spazio Associazioni, Enti e Gruppi micologici, naturalistici e botanici sul territorio
  • C.S. AMINT - Area Riservata Micologica
  • Discussioni Micologiche
    • Domande Dubbi Consigli Micologici
    • Foto dei Funghi da Determinare divise per Anno di Competenza
    • Foto Funghi trovati divise per Anno di Competenza
  • Didattica Micologica
    • Micotossicologia
    • Micologia di Base
    • Sistematica
    • A B C sui funghi
    • Disegni dei Funghi
    • Indovina il fungo
    • Leggi Nazionali e Regionali che regolamentano la raccolta dei funghi
  • Archivio Micologico Generale Fotografico
    • Indice dei contenuti
    • Funghi Commestibili
    • Funghi Velenosi
    • Funghi Non Commestibili o Sospetti
    • Considerazioni e domande sulle schede micologiche fotografiche e descrittive visitate
    • Discussioni Monografiche
  • C.S. AMINT - Area Riservata Botanica
  • Discussioni Botaniche
    • Schede di Alberi e Arbusti
    • Schede delle erbe, piante e fiori spontanei
    • Flora Mediterranea
    • Un Fiore alla volta di Giorgio Venturini
    • Segnalazione fiori e piante spontanee
    • Escursioni alla ricerca di fiori, piante ed erbe spontanee determinate
    • Foto di Fiori e Piante da determinare divisi per Anno di Competenza
    • Domande Dubbi Consigli Botanici - Varie
  • Orchidee Italiane
    • Collaborazioni
    • Forum G.I.R.O.S.
    • Galleria Fotografica AMINT delle Orchidee Italiane
    • Segnalazione Ritrovamenti delle Orchidee nelle Regioni Italiane
    • Segnalazione ritrovamenti Orchidee nel Mondo
    • Schede delle Orchidee Italiane
    • Schede Fotografiche degli Ibridi di Orchidee
    • Schede Fotografiche dei Lusus di orchidee
    • Foto di Orchidee da determinare divise per Anno di Competenza
    • Discussioni e Documenti Generali sulle Orchidee
  • Zoologia
    • Animali "superiori" da determinare (mammiferi, uccelli, pesci, rettili e anfibi)
    • Animali "inferiori" da determinare (insetti, ragni, molluschi, crostacei e altro)
    • Rete Nazionale Ritrovamenti Animali
    • Archivio Schede Animali
    • Animali domestici e da compagnia
  • Ambiente ed Ecologia
    • Parchi e Riserve Naturalistiche
    • Inquinamento e degrado ambientale
  • Immagini
    • Foto componenti del forum
    • Fotografia e Macrofotografia
    • Foto dei boschi
    • Foto Panorami Naturalistici
    • Gallerie Fotografiche
  • Video
    • Video Soci AMINT
    • Video e Filmati
    • Video Funghi
    • Video Fiori e Piante
    • Video Animali
    • Video boschi e ambienti naturalistici
    • VideoTeche e Gallerie Video Personali
  • Funghi e Fungaioli di tutte le Regioni italiane
    • Benvenuti nel Forum Micologico - Botanico - Naturalistico dell'AMINT
    • Il Magico Mondo del Porcino e dei Funghi Commestibili
    • METEOFUNGHI
    • I Tartufi
    • Ricette - Funghi in Cucina
    • Messaggi di Auguri
    • Comunicazioni off-topic
  • Strumenti
    • Istruzioni per l'uso di questo Forum e del Sito in generale
    • Macchine fotografiche digitali
    • P.C. Stampanti Scanner Informatica Programmi
    • GPS

Calendari

  • Community Calendar

Trovato 1 risultato

  1. Pleurotus eryngii (DC.) Quél. Tassonomia Divisione Basidiomycota Classe Basidiomycetes Ordine Agaricales Famiglia Pleurotaceae Genere Pleurotus Sinonimi Agaricus eryngii DC. Pleurotus fuscus Battarra ex Bres. Etimologia Pleurotus = con l’orecchio laterale (dal greco pleuròn = di lato e oùs, otòs = orecchio) Eryngii = del cardo Eryngium (dal latino Eryngium = pianta spermatofita, dicodiletone, simile al cardo, appartenente alla Famiglia delle Apiaceae). Nome comune Cardarella, cardoncello, antunna. Cappello La sua forma è variabile, in genere si presenta inizialmente convesso, con la crescita tende poi a distendersi e a divenire appianato, ma spesso lo troviamo con centro depresso fino ad imbutiforme, di consistenza carnosa, il margine rimane anche a maturità leggermente involuto, lobato. La cuticola è liscia, leggermente tomentosa, con sottili squamette, asciutta, percorsa da fibrille radiali nerastre, di colore grigio-brunastro fino a bruno scuro, inizialmente uniforme, poi con l'età e per l’influenza degli agenti atmosferici si decolora a macchie più chiare. Imenoforo Lamelle decorrenti sul gambo, mediamente distanti, bianche-grigiastre, poi crema-gialline, con riflessi carnicini, intervallate da lamellule di varie dimensioni. Gambo Il gambo è cilindrico, sodo, coriaceo, centrale, eccentrico o laterale, anche curvo, liscio, fibrilloso, leggermente attenuato alla base, sub-radicante, di colore biancastro, in vecchiaia su tonalità ocra. Alla base del gambo presenta resti bambagiosi biancastri di micelio. Carne Soda, elastica, bianca, di buona consistenza. Odore fungino o vagamente farinaceo, sapore dolce e gradevole. Habitat Cresce dalla primavera all’autunno, nei campi incolti, nei pascoli, si comporta dal punto di vista ecologico molto probabilmente come fungo saprofita-parassita in associazione e spesso con crescita sulle radici di Eryngium campestre L.. Molto diffuso nelle regioni del Sud Italia dove è apprezzato e ricercato per la qualità delle sue carni, raramente viene attaccato da larve. Commestibilità e tossicità Commestibile. Microscopia Spore 10,4-12,2 × 5,5-6,3(6,6) µm, Q = 1,7-2,0; media 11,0 × 6,1 µm; Qm = 1,8, misurazioni su n. 32 spore da sporata; da oblunghe a sub-cilindriche, apicolate, lisce, con una o due guttule, con parete spessa. Spore in massa di colore bianco. Basidi clavati, osservati monosporici, bisporici e tetrasporici. Non sono stati osservati cistidi. Pileipellis formata da una cutis di ife cilindriche intrecciate, con qualche terminale leggermente emergente. Trama lamellare irregolare, con ife cilindriche lisce, di dimensione variabile, strettamente intrecciate tra di loro. Osservati GAF in tutti i tessuti. Somiglianze e varietà A seguito di accertamenti di biogenetica e microscopici condotti anche in Italia nell’ultimo decennio, sulle entità che ruotano intorno al complex Pleurotus eryngii, ad oggi la situazione tassonomica italiana appare la seguente: Pleurotus nebrodensis (Inzenga) Quél.; Pleurotus eryngii var. eryngii (DC.) Quél.; Pleurotus eryngii var. ferulae (Lanzi) Saccardo; Pleurotus eryngii var. elaeoselini Venturella, Zervakis & La Rocca; Pleurotus eryngii var. thapsiae Venturella, Zervakis & Saitta. Sicuramente è molto utile fornire una breve illustrazione, che funge da supporto determinativo, circa l’associazione dal punto di vista ecologico e ambientale di questi funghi con le relative piante ospiti: Pleurotus nebrodensis in Italia fruttifica in Sicilia, sulle Madonie, ad una quota di 1000 m s.l.m., in associazione a Cachrys ferulacea (L.) Calest. una Apiaceae. Pleurotus eryngii var. eryngii fungo mesofilo cresce nelle regioni meridionali dell’Italia, nei campi incolti, nei pascoli, probabilmente si comporta come fungo saprofita parassita e forse anche simbionte in associazione e spesso con crescita sulle radici di Eryngium campestre L.. Pleurotus eryngii var. ferulae anch’esso cresce nelle regioni meridionali dell’Italia, nei campi incolti, nei pascoli, associato a Ferula communis L.. Pleurotus eryngii var. elaeoselini, presente in Sicilia, cresce associato a Elaeoselinum asclepium ssp. asclepium (L.) Bertol. Pleurotus eryngii var. thapsiae, in Italia è segnalato in Sicilia in provincia di Trapani associato a Thapsia garganica L.. Discussione È stato recentemente pubblicato un articolo (Angeli 2012) relativo ad una nuova varietà, Pleurotus eryngii var. laserpitii Angeli & Scandurra, meglio conosciuto come la “Mongaiola” o “Fungo di Bellamonte”, legata a Laserpitium latifolium L., con crescita stabile in ambiente alpino nei prati incolti, nei pressi di Predazzo (TN), frazione Bellamonte, ad una quota di 1400 m. s.l.m. Per anni questa nuova varietà era stata scambiata da diversi autori per Pleurotus nebrodensis. Sicuramente negli anni a venire saranno condotti ulteriori studi e soprattutto analisi biogenetiche per far luce sul complex in argomento, molto importante anche dal punto di vista nutrizionale e commerciale. Note Questo bel Pleurotus ha per me un ricordo particolare in quanto è stato il primo fungo che ho raccolto circa 40 anni fa, quando ero poco più di un ragazzo, lungo il Tratturo Regio Candela-Pescasseroli, nel tratto che attraversa la Campania in provincia di Benevento, nella zona dei comuni dell’alto Tammaro. I tratturi erano delle “autostrade verdi”, strade particolari adibite alla transumanza, ricche di pascoli per le greggi in transito e delimitate, da cippi con la sigla R. T. (Regio Tratturo) che ribadivano non solo i confini ma anche la presenza dello Stato. Il Regio Tratturo Pescasseroli-Candela attraversa 4 Regioni (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia), 6 Province (L'Aquila, Isernia, Campobasso, Benevento, Avellino, Foggia) e 39 Comuni, ad esso erano annessi i tratturelli come svincoli per i centri urbani limitrofi, è lungo, complessivamente, 211 chilometri e largo 55,55 metri (30 passi napoletani; un passo = 185,2 cm) e veniva utilizzato per lo spostamento delle greggi dal tavoliere delle puglie ai pascoli montani dell’Abruzzo. Lungo il tratturo, che non veniva coltivato, in associazione all’Eryngium campestre cresce la “cardarella”, Pleurotus eryngii var.eryngii, ahimè, quasi scomparsa dal tratturo, almeno per la zona dell’Alto Tammaro, in concomitanza al disuso della pratica della transumanza. Oggi è ancora possibile raccoglierlo nei pascoli del massiccio del Matese ed in quelle aree anche di pianura ove è esercitato l’allevamento all’aperto di ovini e bovini. Bibliografia ANGELI, P. & SCANDURRA, S., 2012. Un nuovo Pleurotus delle praterie alpine. Pleurotus eryngii var. laserpitii var. nov. Micol. Veget. Medit., 27 (1): 12-24. Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT. Pleurotus eryngii var. eryngii (DC.) Quél.; Regione Campania, Pietraroia (BN); Ottobre 2014; Foto, descrizione e microscopia di Mario Iannotti. (Exsiccata MI20141007-01 - MI20141008-01) Habitat, tratto di Tratturo Regio Candela-Pescasseroli ormai in disuso. Microscopia Spore 10,4-12,2 × 5,5-6,3(6,6) µm, Q = 1,7-2,0; media 11,0 × 6,1 µm; Qm = 1,8, misurazioni su n. 32 spore da sporata; da oblunghe a sub-cilindriche, apicolate, lisce, con una o due guttule, con parete spessa. Spore in massa di colore bianco. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×. Basidi clavati, monosporici, bisporici e tetrasporici. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×. Basidi bisporici. Basidi tetrasporici. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 400×. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×. Pileipellis formata da una cutis di ife cilindriche intrecciate, con qualche terminale leggermente emergente. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 400×. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×. Trama lamellare irregolare, con ife cilindriche lisce, di dimensione variabile, strettamente intrecciate tra di loro. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 100×. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 400×. Osservazione in Rosso Congo ammoniacale a 1000×.