Jump to content

Archivio Micologico

Soci AMINT CSM
  • Content Count

    11,976
  • Joined

  • Last visited

2 Followers

About Archivio Micologico

  • Rank
    Super Utente

Recent Profile Visitors

12,172 profile views
  1. Volvariella hypopithys (Fr.) Moser; Regione Lazio; Marzo 2007; Foto di Gianni Pilato. Particolare della volva lobata.
  2. Volvariella hypopithys (Fr.) Moser; Regione Trentino; Settembre 2005; Foto di Pietro Curti. Esemplari in diversi stadi di sviluppo.
  3. Volvariella hypopithys (Fr.) Moser; Regione Lazio; Anno 2004; Foto di Mauro Cittadini.
  4. Volvariella hypopithys (Fr.) Shaffer 1957 Tassonomia Divisione Basidiomycota Classe Agaricomycetes Ordine Agaricales Famiglia Pluteaceae Sinonimi Volvaria hypopithys (Fr.) P. Karst. 1879 Volvaria media var. biloba (Massee) A. Pearson & Dennis 1948 Volvaria parvula var. biloba Massee 1893 Volvariella hypopithys (Fr.) M.M. Moser 1953 Volvariella plumulosa (Lasch ex Quél.) Singer 1951 Volvariella pubescentipes (Peck) Singer 1951 Volvariopsis pubescentipes (Peck) Murrill 1917 Etimologia L'epiteto Volvariella è il diminutivo di Volvaria, che deriva dal latino volvă [ae] = volva, per la struttura del velo generale presente alla base del gambo; L'epiteto hypopithys è composto dalle parole greche ὑπο [hypo] = sotto, e πίτυς [pítys] = pino, per l'habitat dove si rinviene abitualmente questa specie. Cappello 3-6 cm, Bianco, di aspetto setoso, coperto sull'intera superficie da una sottile pelosità bianca (lente), conico, poi quasi spianato, poco carnoso, non striato. Imenoforo Lamelle libere al gambo, bianche, presto rosa per la sporata, intervallate da lamellule di diversa lunghezza. Gambo Il gambo è cilindrico, sottile, ricoperto da sottili peli bianchi (lente), che caratterizzano la specie. Carne Bianca, senza odori e sapori particolari. Habitat Specie terricola, che cresce in prossimità di aghifoglie. Microscopia Pileipellis costituita da un trichodema di ife cilindriche, leggermente rigonfie, con estremità arrotondata, settate. Cheilocistidi polimorfi: clavati, lageniformi, con strozzature, spesso con lunghe appendici cilindriche, sinuose e a volte leggermente capitulate. Pleurocistidi simili ai cheilocistidi, ma mediamente più larghi, e che presentano poche appendici allungate. Basidi clavati, corti e con estremità allargata, tetrasporici. Spore (14,1) 15,3-16,9 (17,4) × (10,6) 11,2-12,6 (13,2) µm; Q = (1,2) 1,3-1,4 (1,6); N = 16; Media = 16,1 × 11,9 µm; Qm = 1,4; ellissoidali, con piccolo apicolo. Caulocistidi formati da ife cilindriche allungate, settate, a volte con restringimenti in corrispondenza dei setti e con estremità arrotondate. Volva formata da ife cilindriche e ife rigonfie. GAF non osservati. Commestibilità e tossicità Non commestibile. Somiglianze e varietà Questa specie si caratterizza per la crescita terricola, i colori bianchi dell'intero carpoforo, la sottile pelosità su cappello e gambo, e le spore di lunghezza 5-8 µm. Volvariella surrecta (Knapp) Singer 1951, Volvariella bombycina (Schaeff. : Fr.) Singer 1951, e Volvariella caesiotincta P.D. Orton 1974, crescono su altri funghi o su legno. Volvopluteus gloiocephalus (DC. : Fr.) Vizzini, Contu & Justo 2011, e Volvopluteus earlei (Murrill) Vizzini, Contu & Justo 2011, hanno spore di dimensioni più grandi (> 10 µm). Volvariella reidii Heinem. 1978, ha spore di dimensioni più piccole (< 5 µm). Volvariella pusilla (Pers. : Fr.) Singer 1951, e Volvariella taylorii (Berk. & Broome) Singer 1951, hanno spore ellissoidi-ovoidi. Volvariella volvacea (Bull. : Fr.) Singer 1951, ha il cappello scuro. Volvariella murinella (Quél.) M.M. Moser ex Dennis, P.D. Orton & Hora 1960, ha odore di Pelargonio. Note In letteratura i cistidi imeniali sono riportati come clavati o lageniformi, mentre nelle nostre raccolte sono stati osservati anche cheilocistidi con lunghe appendici, che estendono la variabilità della specie. Bibliografia AA.VV., 2018. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp. 2nd Edition, 2nd printing. AA.VV., 1990. Pleurotaceae, Pluteaceae and Tricholomataceae I. Flora Agaricina Neerlandica. Vol. 2. Curatori: Noordeloos, M.E., Kuijper, T.W. & Vellinga, E.C. SEOK, S.-J., KIM, Y.-S., WEON, H.-Y., LEE, K.-H., PARK, K.-M., MIN, K.-H. & YOO, K.-H., 2002. Taxonomic Study on Volvariella in Korea. Mycobiology 30(4): 183-192. Scheda di proprietà AMINT realizzata da Tomaso Lezzi. Regione Trentino; Settembre 2019; Descrizione e foto di Tomaso Lezzi. (exsiccatum TL190910-01) Campioni rinvenuti sotto abete rosso. Spore (14,1) 15,3-16,9 (17,4) × (10,6) 11,2-12,6 (13,2) µm; Q = (1,2) 1,3-1,4 (1,6); N = 16; Media = 16,1 × 11,9 µm; Qm = 1,4; ellissoidali, con piccolo apicolo. Osservazione in KOH; 1000×. Cheilocistidi polimorfi: clavati, lageniformi, con strozzature, spesso con lunghe appendici cilindriche, sinuose e a volte leggermente capitulate. Osservazione in KOH; 400×. Osservazione in Rosso Congo; 400×. Pleurocistidi simili ai cheilocistidi, lageniformi, ma mediamente più larghi, e che presentano poche appendici allungate. Osservazione in Rosso Congo; 400×. Basidi clavati, corti e con estremità allargata, tetrasporici. Osservazione in Rosso Congo; 400×. Pileipellis costituita da un trichodema di ife cilindriche, leggermente rigonfie, con estremità arrotondata, settate. Osservazione in Rosso Congo; 100×. Caulocistidi formati da ife cilindriche allungate, settate, a volte con restringimenti in corrispondenza dei setti e con estremità arrotondate. Osservazione in Rosso Congo; 400×. Volva formata da ife cilindriche e ife rigonfie. Osservazione in Rosso Congo; 100×. Osservazione in Rosso Congo; 400×.
  5. Psathyrella spadiceogrisea (Schaeff.) R. Maire; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Spore (7,5)8-9(9,5) × 4-4,5(5) µm; misura media 8,2 × 4,3 µm ; con poro germinativo evidente, centrale, non molto grande (max 1 µm), brune in acqua, grigio-brunastre in KOH. Osservazione in Acqua. Osservazione in KOH. Pleurocistidi presenti, generalmente con apice capitulato, ventricosi, subclavati, ma anche utriformi. Cheilocistidi molto rari, utriformi, corti, al massimo 40 µm di lunghezza, inframmezzati da numerosissime cellule piriformi e peduncolate.
  6. Lactarius obscuratus (Lasch) Fr.; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. In zona umida sotto querce e frassini e presenza di Ontano nero.
  7. Paxillus filamentosus (Fr.) Fr. ss. Auct. non Fr.; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli.
  8. Hebeloma mesophaeum (Pers.) Quél.; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Spore 8,50-9,50 (10) × 5,-5,50 µm, ellittiche. Cheilocistidi cilindracei, lunghi fino a 60-70 µm, con base allargata.
  9. Pholiotina aporos (Kits van Wav.) Clémençon; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Spore 8-9,50 (10) × 5,-6 µm, prive di poro germinativo. Cheilocistidi.
  10. Laccaria tortilis (Bolt : Fr. ) Cooke; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Piccole dimensioni 0,5 - 1,5 cm; lamelle rosate. Spore sferiche, grandi (10)12-15(18) µm ; con aculei fitti lunghi fino oltre 2 µm. Basidi bisporici e monosporici. Spore sferiche,grandi (10)12-15(18) µm; con aculei fitti lunghi fino oltre 2 µm. Basidi bisporici e monosporici.
  11. Rickenella fibula (Bull.: Fr.) Raith; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli.
  12. Coprinus domesticus (Bolt.: Fr.) Gray; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Spore. Pileipellis. Velo. Cheilocistidi e pleurocistidi.
  13. Polyporus alveolaris Bondartsev & Singer; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli.
  14. Pluteus cervinus (Schaeffer) Kummer; Aprile 2016; Svizzera; Foto di Roberto Cagnoli. Odore rapaceo. Totale assenza di GAF. Pleurocistidi metuloidi con 2-4 uncini. Cheilocistidi clavati/piriformi. Spore largamente ellittiche. Pileipellis senza GAF. Cheilocistidi. Pleurocistidi. Spore.
×
×
  • Create New...

Important Information