Jump to content

Luciano

Members
  • Content Count

    2,192
  • Joined

  • Last visited

6 Followers

About Luciano

  • Rank
    Utente Esperto

Recent Profile Visitors

7,026 profile views
  1. Infatti quella a fiori rosa, con le foglie così verticali ed ab braccianti il fusto potrebbe avere qualcosa dell'incarnata, a patto che sia presente in zona...
  2. Ciao, questa, attenendosi alle descrizioni, dovrebbe essere badensis. Allego estratto dal pdf con la descrizione della varietà, di Lewis e Kreutz: "Distinguished from both Ophrys apifera var. friburgensis and Ophrys apifera var. saraepontana by having a lip with a shape and pattern like that of Ophrys apifera Huds. var. apifera." "the lip of Ophrys apifera var. friburgensis is almost flat and coloured yellow with darker, velvety brown patches."
  3. Bella puntinata, ne ho trovata una completamente bianca, senza puntini viola; in ogni caso una bella sorpresa trovarle!
  4. Scusa ma si tratta di una stazione nuova? L'anno scorso era a 130 mt. quest'anno a 10, sapete dirmi se puzzano di cimice? L'anno scorso questo carattere non mi sembra fosse stato accertato o percepito.
  5. Sono un pò sbiadite, ma si vedono, soprattutto sul labello basso a sinistra; una curiosità Giordano, crescono sotto i castagni o in altro habitat?
  6. Ciao Giuliano! Che dire, sembrerebbe un ibrido tra una specie del gruppo fusca con la sphegodes, ma la domanda è: ma la fusca in Veneto è mai stata trovata? A me non risulta, ma potrei sbagliarmi; in ogni caso, a questo punto cerca bene perchè nei dintorni probabilmente potrebbe esserci! Non rimane che farti i complimenti per l'interessantissimo ritrovamento!
  7. Giordano, non demoralizzarti, la stagione è ancora lunga, volendo! Certo, ognuno di noi vive questa passione a modo suo, e certamente uno dei tuoi modi è quello di sorprenderci con foto sempre di qualità elevata e sempre migliori di anno in anno; poi un'altra modalità che ci consente di protrarre la stagione (che per me è prioritaria, ma non è detto che lo sia per te, è solo un suggerimento) potrebbe essere quella di cercare nuove stazioni di specie rare, contribuendo così alla conoscenza della distribuzione delle stesse; mi viene in mente a titolo d'esempio la purpurata e mi chiedo come possa esserci un solo ceppo di questa specie nella vostra Regione; anche la ricerca di nuove Liparis nemoralis in zone diverse da quelle note (si può fare benissimo anche in questo periodo) potrebbe essere uno stimolo per allungare la stagione, senza contare la possibilità di alzarsi di quota e trovare ancora in fiore molte specie. In ogni caso complimenti per la tua costanza e le bellissime immagini che proponi!
  8. Dactylorhiza lapponica (laest. ex Hartm.) Soò subsp.raetica H. Bauman & R. Lorenz 2005. 

    Ciao Luciano, avrei bisogno del tuo parere sulla serie di D. lapponiche che ho postato oggi.

    Un paio mi sembrano leggermente differenti.

    Grazie.

  9. Ciao Giuliano, concordo sul non divulgare nei forum la posizione di orchidee rare come questa, spero che ciò avvenga anche e soprattutto sui social! Ti chiedo solo com'è la situazione relativamente alla manutenzione del posto, fanno sfalci o è abbandonata? Ci sono molte piante? Grazie!
  10. Il mistero si infittisce, le piante che tu indichi come profumate sono tra quelle dovrebbero appartenere, per le caratteristiche morfologiche, alla subsp, coriophora. Inoltre Perazza e Lorenz nel loro libro parlano di coriophora come esistente solo nelle zone interne collinari e montane, presente in pochissime stazioni puntiformi. Ancora, si legge che la subsp, coriophora dovrebbe crescere in luoghi umidi, ma vicino a casa mia ci sono delle coriophora che crescono in un prato umido e sono profumate, altre che trovo in prati magri in pieno sole invece hanno un odore che certamente non è gradevole, ma, come ho già detto altre volte, non posso definirlo sgradevole o simili all'odore di cimice senza aver prima annusato quelle il cui odore è "certificato". Il sospetto è che quando hanno descritto la sottospecie abbiano valutato con leggerezza questo aspetto, e questa caratteristica dell'odore sgradevole dipenda in realtà da qualcosa che non è strettamente legato alla morfologia delle piante.
  11. Lucy, in attesa del contributo di Mauro, ti chiedo cosa intendi per profumo di pasticceria, immagino un profumo molto gradevole?
  12. Mah, la prima e la seconda foto ritraggono la stessa pianta, ma mentre nella prima il colore è vinaccia, nella seconda è indentico al colore delle piante che trovo qua, il labello fortemente ginocchiato (sottolineo fortemente) l'ho trovato anche stasera da me, ma il fiore profumava di vaniglia, per cui, prima di dirigermi a Treviso per vedere delle fragrans, preferirei essere certo al 100% del fatto che si tratti di coriophora, ma qui per ora non vedo questa certezza! Un caro saluto!
  13. Ciao, se qualcuno ritorna sulla stazione e conferma che le piante hanno un odore sgradevole, che si differenzia senza possibilità di errore dal profumo emanato dalla subsp. fragrans (anche se talvolta si trova tra queste ultime qualche esemplare con odore neutro), sono disposto a fare il viaggio, perchè è una curiosità che vorrei togliermi da molti anni una volta per tutte.
  14. Salve a tutti! Purtroppo non ho foto ma brutte notizie, e volevo approfittare di questo spazio per condividere l'amarezza per quanto visto oggi, ma anche per mettervi sul chi va là, per tentare di evitare che possano accadere ancora episodi del genere con le specie rare. Orchis pallens in Friuli Venezia Giulia è una specie molto rara, le segnalazioni sono quasi tutte piuttosto recenti, degli ultimi anni e sono felice di aver contribuito, assieme a Angelo e Marco, nell'aver ampliato la conoscenza della distribuzione della specie in Regione. Senza questi ritrovamenti la specie potrebbe considerarsi più che rarissima, in quanto era presente solo nel Carso Triestino e in un paio di stazioni puntiformi nel resto della Regione. Oggi, a seguito di un post apparso su un forum fotografico, mi sono recato in una di queste nuove stazioni dove si trovano solamente due piante, che negli anni non sono mai aumentate di numero; tutte le numerose ricerche svolte in zona non hanno prodotto risultati, sembra che altre piante non ci siano, purtroppo. Bene, qualcuno ha pensato che le piante stavano meglio da qualche altra parte, forse in qualche vaso o in qualche giardino, e se le è portate via, tuberi compresi. Non c'è altro da dire, credo, se non che la stazione è estinta. Pensando a quanto accaduto, non ho potuto non rivolgere l'attenzione a come sia cambiato lo scambio di informazioni negli ultimi anni: se ciò da una parte ha portato novità positive, dall'altro ha incrementato notevolmente la possibilità di incorrere, nei grandi numeri, in individui che poco hanno a che fare con il rispetto e l'attenzione verso l'ambiente. Pertanto a volte sarebbe opportuno, soprattutto in sedi come può essere facebook (dal quale mi sono disiscritto un anno fa anche per questo motivo, cioè continue richieste di dove si trovano stazioni di orchidee rare, richieste poi rivolte ad altri e, purtroppo, soddisfatte), evitare assolutamente e categoricamente di diffondere la posizione delle specie più rare, a costo di risultare tutt'altro che simpatici. Se sono veramente interessate a trovarle, che se le cerchino! Questa è l'amara conclusione alla quale sono giunto dopo anni di ricerca, purtroppo ho imparato che non ci si può fidare di nessuno, o meglio di qualcuno mi fido a dire il vero, ma sono persone che so per certo, dopo averle per così dire "testate" (perdonatemi il termine), che la pensano come me e delle quali mi fido senza problemi. Di tutti gli altri, purtroppo e sottolineo purtroppo, ho imparato che bisogna diffidare. Scusate per lo sfogo, ma adesso quella stazione è estinta, L'unica speranza è che negli anni scorsi qualche seme sia riuscito a produrre nuovi rizotuberi, ma ci vorranno alcuni anni prima che, eventualmente, una nuova pianta possa fiorire, ed in ogni caso sarebbe a rischio.
×
×
  • Create New...

Important Information