Jump to content

effegua

Members
  • Content Count

    1,099
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About effegua

  • Rank
    Utente Esperto

Recent Profile Visitors

3,667 profile views
  1. E infine, ancora E. turdus vista da sotto. Non e' difficile capire perche' le Cipree affascinino tanti collezionisti: guarda che meraviglia! FG P.S. Nel Mediterraneo la raccolta di Cipree vive e' assolutamente vietata! Tutti i miei esemplari sono stati raccolti da morti. D'atra parte individuare le cipree vive e' molto difficile poiche' si mimetizzano e stanno rintanate, mentre da morte, soprettutto se rimangono "a pancia in su'" sul fondale sono molto visibili. Ciao!
  2. Questa e' la "clandestina" Cypraea (Erosaria) turdus, vista di sopra: FG P.S. fotografare le cipree e' una delle cose che mi e' piu' difficile, la luce non va mai bene perche' riflette sulla superficie lucida come la porcellana
  3. E' quasi sicuramente un esemplare un po' anomalo (forse perche' giovane?) di Cypraea (Luria) lurida, la ciprea piu' comune del Mediterraneo. Pur essendo la piu' comune questo non vuol dire che sia comune Io ne ho trovate molto poche nella mia ormai lunga carriera di apneista e pescatore di polipi. Il tuo esemplare e' particolare perche' ha un colore molto piu' scuro del solito (nella foto che metto qui sotto vedi la forma piu' normale, piu' chiara e caratterizzata da due bande piu' chiare trasversali) e perche' si vede ancora la "punta" della conchiglia, che da adulta e' inglobata completamente nell'ultima spira. Sono caratteristici pero' i due "occhietti" neri ai lati. Le Cipree del Mediterraneo erano fino a qualche anno fa solo cinque specie, ma recentemente grazie (?) ai cambiamenti climatici in atto e' migrata nelle acque del mediterraneo anche Erosaria turdus, che un tempo abitava solo nel mar rosso. Delle sei specie ho avuto la fortuna di incontrarne tre, L. lurida, Erosaria spurca (di cui ho pubblicato le foto sul forum in questo thread ed anche Erosaria turdus, la "migratrice" dal mar Rosso, che ho trovato sulla spiaggia di Djerba in Tunisia tre anni fa. Posto un paio di foto di Cypraea (Luria) lurida, e di Erosaria turdus, cosi' adesso conosci la meta' delle cipree di casa nostra! Ciao! FG Cypraea (Luria) lurida vista di lato:
  4. Ciao Franz. Credo che solo con i fiori sia un po' difficile. L. sylvestris li ha molto simili, se ben ricordo. Ci vorrebbero le foglie. FG
  5. Ero andato per funghi, ho trovato solo un fiorellino, ma la passeggiata mi ha regalato un po' di aria buona e qualche vista affascinante. Promiod vista dall'alto, nel fuoco dei colori autunnali. Ciao! FG
  6. Ed ora, l'oggetto del post: il fiorellino doppio. Chissa' se e' un difetto genetico della pianta (aveva tre di questi fiorellini doppi) oppure una forma teratologica generata dalla stagione di crescita sballata? E' comunque affascinante osservare in natura questi "errori" che sfruttati dall'uomo hanno portato con la selezione e gli incroci a fiori bellissimi e innaturali come le rose coltivate. FG
  7. Ancora per avere una conferma della specie, le foglie:
  8. Fotografata due domeniche fa sopra Promiod, 1700 m circa, in un boschetto di larici. Credo sia Campanula scheuchzeri. Per verificare questa ipotesi vi posto il fiore visto da dietro:
  9. Personalmente, l'unica cosa che non apprezzo nelle foto di Silvio e' il copyright. Ma questa e' una vecchia polemica... FG
  10. Io mi esprimo (per quel che vale) e sono d'accordo con Apicolo: O. tyrrhena. FG
  11. Mi rifiuto, come al solito, di entrare nella foresta dei nuovi nomi delle Ophrys. Per me O. spegodes in uno dei suoi molteplici travestimenti. FG
  12. ... non rompete le balle, un aethionema e' un aethionema. Io di aethionema femmine non ne ho mai viste. Avete mai visto una sedum? E dovrebbe essere femminile solo perche' finisce per a? Ditelo ad Andrea... FG
  13. Se posso permettermi un ulteriore commento, non credo che il problema sia la stentatezza della piantina (anche se certo non e' un esemplare rigoglioso) quanto piuttosto il fatto che e' passatiella. Quelli che si vedono infatti non sono i petali (e mi par strano che Umberto parli appunto dei petali), ma i frutti/semi. E questi, nella R. rosea, sono proprio di quel colore arancio-rosso, per cui a me sembra proprio un esemplare tipico, anche se a fioritura gia' passata da un pezzo, come ho detto... FG
×
×
  • Create New...

Important Information