Jump to content

cantharellus

Member AMINT
  • Content Count

    856
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by cantharellus

  1. Divertente 'sto gioco (soprattutto i funghi da spiaggia tropicali del Pres.). Fa venire la voglia di parteciparvi. E siccome sono un malato per la composizione, ho un po' ritagliato la foto, centrando il sole e la linea dell'orizzonte. Poi, naturalmente, i gusti personali ed i pareri sull'estetica sono scritti sull'acqua. Antonio
  2. Altra foto di Grifola frondosa (Dicks.) Gray (1821), con veduta dell'imenio.
  3. Altitudine: 750 m. Crescita alla base di Castagno. Clima: umido e piogge da due-tre giorni dopo un lungo periodo di secco. Grifola frondosa(Dicks.) Gray (1821) Pare che sia ottima sott'olio. Antonio
  4. Ho votato per la versione a colori, che, anche se l'acqua è sporca (e chi l'ha detto che l'acqua pulita è più fotogenica?), rende molto meglio il rapporto tra definito (sopra l'acqua) e indefinito (sull'acqua). Mi piacciono i colori che si riflettono sull'acqua sotto la barca in basso. E trovo anche interessante la composizione. Il vuoto tra le due barche mette in moto lo sguardo, creando una tensione dinamica. Complimenti per la foto. Antonio
  5. In realtà i Monti Lucretili sono a Nord-Est di Roma, approssimativamente tra Tivoli e Scandriglia. Antonio
  6. Gli stessi visti con altra angolazione. Antonio
  7. In attesa dei porcini che Tom sicuramente posterà, ne metto due trovati nel Parco dei Monti Lucretili. Bosco di castagni, altitudine 800 m. Boletus aestivalis
  8. Trovati il 19/05/2006 ai margini di un sentiero, bosco di castagni, località Monte Flavio Altitudine: 800 m. Calocybe gambosa (Fr.: Fr.) Donk
  9. Complimenti, un lavoro eccezzionale... veramente!
  10. Anch'io sono interessato alla domanda posta da Marika. Inoltre, avendo visto che in alcune ricette (polenta morchelle e salsicce) si parla di morchelle secche, vorrei sapere: 1. se seccandole si eliminano le sostanze termolabili tossiche; 2. se vanno prima bollite e poi fatte asciugare e poi seccate. 3. se queste procedure sono indicate per tutte le specie di morchelle. Antonio
  11. Si tratta di una Nutria (Myocastor coypus). Della Famiglia dei Myovastoridae, è originaria del Sud America, ed importata per la sua pelliccia. Nelle sue prime apparizioni, è stata scambiata per un Ratto gigante. In realtà, ad eccezione della coda cilindrica e non piatta, è più simile al Castoro. Ha zampe posteriori palmate e denti incisivi sporgenti. Nella Riserva è abbastanza facile incontrarla, sia in acqua che sulla terraferma. E' animale erbivoro. Antonio
  12. ... ecco arrivare un solitario nuotatore...
  13. ...nella placida tranquillità delle acque tiberine...
  14. Facendo una passeggiata lungo le sponde del "biondo" Tevere, nella Riserva Tevere-Farfa...
  15. Potrebbe essere Xerocomus chrysenteron. Nelle screpolature si percepisce una carne rosata. Antonio
  16. No, solo due, (la terza ed il quarto da sx) e sono già abbastanza, credimi. La cosa singolare è che quando i greci ci hanno visto tornare con i cesti pieni (e non solo di... ombrellini giapponesi), sono inorriditi, dicendoci che erano tutti velenosi! Una delle più memorabili mangiate di funghi.
  17. La foto non è di quelle da concorso fotografico, ma, per me, è un fantastico ricordo.
  18. Prima di leggere l'equilibrata risposta di Orionmax, mi ero messo a giocare con l'immagine di Salvatore. Prima di applicare regole compositive, che normalmente si applicano in fase di elaborazione, bisognerebbe chiedersi cosa vogliamo dall'immagine, e cosa il soggetto esprime. Qui abbiamo un piccione abbastanza pieno di se. Se ne sta solidamente sul suo lampione, e ci guarda (con aria di sfida? aggressivamente?). Dovremmo esprimere, con l'immagine, quello che cerca di comunicarci il soggetto. La regola dei terzi viene in genere applicata per dinamizzare l'immagine, se questa si presta a tale operazione. Il nostro piccione non sembra comunicare una sensazione di dinamismo, ma di ferma determinazione, forse con una punta di presunzione. Al di là degli aspetti psicologici del pennuto, ho fatto una elaborazione dell'immagine, ritagliandola secondo il rapporto del numero Ø (1,618033989.....) che è alla base del rapporto chiamato Sezione Aurea. Le righe in rosso sono dislocate secondo la regola dei terzi. I nove rettangoli che ne derivano sono anch'essi, naturalmente, in rapporto aureo (base/altezza= 1,618...) Da notare la conformazione spiraliforme (in base logaritmica) del corpo del volatile. Poi si potrebbero passare mesi sul concetto di "intuizione" e per quali ragioni una "forma" si può definire gradevole o no.
  19. Le tue foto dei piccioni mi hanno stimolato a fare alcune considerazioni di carattere compositivo. In una immagine, l'occhio è portato a dirigersi verso il centro. Su questo tema vi sono numerosi studi, che si rifanno alla Psicologia della percezione (Gestalt Psicology. A tal proposito cfr. "Il potere del centro" di R. Arnheim) Mi sono permesso di giocare in questo senso con la tua immagine (foto n. 1). Come si vede nella seconda immagine, "ritagliata", il soggetto della foto sembra compositivamente più centrato. Naturalmente, in termini compositivi, entrano in gioco aspetti che possono essere soggettivi (asimmetrie, dinamicità dell'immagine, ecc.), il che rende il tutto opinabile secondo i gusti e le inclinazioni di chi guarda l'immagine. Comunque il mio intervento può stimolare i giudizi e la discussione.
  20. Aggiungo due foto di Sarcoscypha coccinea, trovata ieri vicino al fosso di Civitella San Paolo (RM).
  21. Io non ne ho mai trovati (forse perché non li so individuare, forse perché sono sfortunato, forse perché è passato qualcun'altro prima). Mi piacerebbe sapere se crescono anche nel Lazio. P.S.: Siamo sicuri che a Vallombrosa crescono?!?
×
×
  • Create New...

Important Information