Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'cortinarius sodagnitus'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Associazione Micologica Italiana Naturalistica Telematica - A.M.I.N.T.
    • A.M.I.N.T. La nostra Associazione Micologica
    • Raduni e Manifestazioni A.M.I.N.T.
    • Nuclei Territoriali AMINT
  • C.S. AMINT - Area Riservata Micologica
  • Discussioni Micologiche
    • Foto Funghi trovati divisi per Anno di Competenza
  • Didattica Micologica
    • Legge 124/2017 - Art.1 commi 125-129
  • Archivio Micologico Generale Fotografico
    • Indice dei contenuti
    • Novità!
    • Funghi Commestibili
    • Funghi Velenosi
    • Funghi Non Commestibili o Sospetti
  • C.S. AMINT - Area Riservata Botanica
  • Discussioni Botaniche
    • Novità!
    • Schede di Alberi e Arbusti
    • Schede delle erbe, piante e fiori spontanei
    • Flora Mediterranea
    • Un Fiore alla volta di Giorgio Venturini
  • Orchidee Italiane
    • Collaborazioni
    • Forum G.I.R.O.S.
    • Galleria Fotografica AMINT delle Orchidee Italiane
    • Segnalazione Ritrovamenti delle Orchidee nelle Regioni Italiane
    • Schede delle Orchidee Italiane
    • Schede Fotografiche degli Ibridi di Orchidee
    • Schede Fotografiche dei Lusus di orchidee
  • Zoologia

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Residenza


Interessi

Found 1 result

  1. Cortinarius vesterholtii Frøslev & T.S. Jeppesen 2006 Tassonomia Divisione Basidiomycota Classe Agaricomycetes Ordine Agaricales Famiglia Cortinariaceae Sinonimi Cortinarius sodagnitus Rob. Henry 1935 Cortinarius provencalis M.M. Moser ss. auct., non ss. orig. 1997 Cortinarius coeruleo-ochrascens Rob. Henry & Chevassut ss. M. M. Moser & Jülich 1997 Etimologia L'epiteto Cortinarius deriva dal termine latino cortinarius = attinente alla cortina, per la presenza di velo parziale sul gambo cortiniforme. L'epiteto vesterholtii deriva dal nome del Micologo Jan Vesterholt. Cappello 5-8 cm, dapprima emisferico, poi convesso-espanso, con margine che resta a lungo involuto con cuticola eccedente, non igrofano, viscido, color giallo-bruno, bruno-dattero, eventualmente con placchette appressate di resti di velo generale bianco-sporco. Velo generale biancastro. Imenoforo Lamelle viola-pallido, fitte o mediamente fitte, con presenza di lamellule, e attacco al gambo appena smarginato. Gambo 3-7 × 1-1,5 cm, violaceo; bulbo marginato. Cortina ialina, abbondante, araneosa; cordoni miceliari bianchi. Carne Biancastra nel cappello, colorata di violetto verso la corteccia del gambo, odore lieve non distintivo, sapore mite, sapore della cuticola mite. Reazioni macrochimiche Con KOH 30%, cuticola nulla o lievemente marroncina, non rossastra, bulbipellis nulla, superficie del gambo nulla, carne nulla, velo generale nulla. Habitat Bosco misto ceduo, probabili micorrize con quercia. Microscopia Spore 10,5-11,5 ×6-6,8 µm, Q 1,5-1,8, amigdaliformi, citriformi, grossolanamente verrucose; filo lamella con presenti alcuni ciuffi di cellule marginali sterili 15-22 × 7-12 µm, clavate, circa la stessa dimensione dei basidi; pileipellis semplice, senza ipoderma differenziato sub-cellulare. Commestibilità e tossicità Non commestibile. Specie simili Nell'articolo della pubblicazione Seven new calochroid and fulvoid species of Cortinarius (Frøslev et al.) gli autori forniscono una chiave dicotomica per la determinazione dei nuovi taxa pubblicati e quelli da loro compresi nel Cortinarius calochrous morpho-group, un gruppo che racchiude specie con habitus calochroide (Cioè Phlegmacium con cappello glutinoso da giallo pallido a brunastro, lamelle da pallide a violetto, gambo da pallido a violetto, bulbo ampio e marginato, spore ornate grossolanamente, pileipellis senza strato differenziato, assenza di pigmenti antrachinoidi), esclusi i taxa di conifere, i taxa con colorazione pileica da bluastra a rosata e i taxa con un forte odore dolciastro. Tra questi, Cortinarius vesterholtii si riconosce per la reazione negativa della bulbipellis, cordoni miceliari non gialli, bulbipellis non gialla (velo universale giallo o no); pileo da color sabbia a bruno-dattero, senza colori gialli; gambo solitamente di un viola carico e persistente; reazione alcalina sul pileo negativa, al massimo debolmente brunastra. Bibliografia AA.VV., 2018. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp. 2nd Edition, 2nd printing. BELLANGER, J.-M., 2015. Les cortinaires calochroïdes: une mise au point taxinomique. Documents mycologiques XXXVI. FRØSLEV, T.G., JEPPESEN, T.S. & LÆSSØE, T., 2006. Seven new calochroid and fulvoid species of Cortinarius. Mycol. Res. 110(9): 1055. LUDWIG, E., 2017. Abbildungen. Cortinariaceae I – Cortinarius (part I), Galerina, Hebeloma, Hebelomina, Inocybe, Phaeogalera. Fungicon Verlag. Berlin. LUDWIG, E., 2017. Beschreibungen. Cortinariaceae I – Cortinarius (part I), Galerina, Hebeloma, Hebelomina, Inocybe, Phaeogalera. Fungicon Verlag. Berlin. Fonti Internet FRØSLEV, T. & STJERNEGAARD, T., 1999. The Phlegmacium website Cortinarius.org [Data di accesso: 13/01/2021]. Scheda di proprietà AMINT realizzata da Sergio Mombrini - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT. Regione Lombardia; Dicembre 2020; Foto, descrizione e microscopia di Sergio Mombrini. Sezione. Cortina. Lamelle, e attacco delle lamelle. Pileipellis (sezione radiale). Ossevazione in Rosso Congo. Spore. Osservazione in Melzer, a 1000×. Spore. Osservazione in KOH, a 1000×.
×
×
  • Create New...

Important Information