Jump to content

Recommended Posts

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis
= Parasola conopilus (Fr.) Örstadius & E. Larss.

Tassonomia
Ordine Agaricales
Famiglia Coprinaceae

Foto e Descrizioni
Si tratta di una comunissima Psathyrella che cresce copiosa in particolare nei boschi xerofili. La incontriamo spesso lungo i viali e nei tratti arborati, spesso in corrispondenza di abbondanti detriti legnosi.

post-36492-0-85457500-1462176367.jpg
enc.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; 2005; Foto di Mauro Cittadini.

Il cappello è fortemente igrofano e presenta per questa caratteristica un forte stacco di colore tra le aree a diverso contenuto di acqua man mano che l'asciugamento dovuto al vento ed alla temperatura procede.

post-36492-0-96564000-1462176389.jpg
enc.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; 2005; Foto di Mauro Cittadini.

Il tipo di crescita in molti esemplari ravvicinati (fortemente gregaria) è un altro elemento che aiuta a riconoscerla. Come aiuta la ben visibile peluria bianca che compare alla base del gambo.

post-36492-0-74542800-1462176411.jpg
enc.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; Anno 2005; Foto di Mauro Cittadini.

Le lamelle sono abbastanza fitte color bruno-ruggine con una componente porpora il filo appare biancastro.

post-36492-0-16620300-1462176433.jpg
enc.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; Anno 2005; Foto di Mauro Cittadini.

Microscopia
Spore nere (anche al microscopio) con poro germinativo, (11)12-16 × 7,5-9,5 µm, cheilocistidi presenti e di varie forme, presenza nella cuticola (caratteristica) di lunghi peli brunastri denominati "setae".

post-36492-0-94410800-1462176457.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Toscana; Ottobre 2008; Foto di Tomaso Lezzi.

I caratteri macroscopici che ci aiutano nel riconoscimento sono la forma conica del cappello, il filo della lamella bianco, le lamelle con un riflesso rosato e la base del gambo tomentosa.

post-2993-1224113451.jpg
enc.gif

Una macro delle lamelle col filo bianco.

post-2993-1224113676.jpg
enc.gif

Le caratteristiche microscopiche sono quelle che ci permettono il sicuro riconoscimento di questa specie: spore molto scure anche se osservate in acqua e le "setae", delle cellule allungate di color giallo limone brillante che si trovano nei tessuti della cuticola.

post-2993-1224114680.jpg

Un particolare delle "setae".

post-2993-1224114768.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; Ottobre 2008; Foto di Tomaso Lezzi.

I caratteri macroscopici che ci aiutano nel riconoscimento sono la forma conica del cappello, il filo della lamella bianco, le lamelle con un riflesso rosato, il cappello fortemente igrofano che cambia colore dal marrone scuro fino al beige chiaro quando è secco, il margine rigaro per trasparenza e la base del gambo tomentosa.

post-2993-1224116553.jpg

Il confronto tra esemplari con il cappello più o meno asciutto.

post-2993-1224116613.jpg

Un particolare dei cappelli.

post-2993-1224116677.jpg

Si vede bene il margine del cappello rigato per trasparenza.

post-2993-1224116730.jpg

Le caratteristiche microscopiche sono quelle che ci permettono il sicuro riconoscimento di questa specie: le spore molto scure anche se osservate in acqua, e le setae, delle cellule allungate di color giallo-verde che si trovano nei tessuti della cuticola.

post-2993-1224116840.jpg

Ancora le setae.

post-2993-1224116899.jpg

le setae ad un ingradimento maggiore.

post-2993-1224116956.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; Novembre 2010; Foto di Tomaso Lezzi.

Psathyrella con il cappello tipicamente paraboloide, molto igrofano, che quando è umido è marrone scuro e mostra delle nette scanalature per trasparenza, mentre quando è asciutto diventa quasi biancastro e non mostra le lamelle in tasparenza. Microscopicamente è caratterizzato dalle setae, delle ife grandi, di colore giallo nelle struttura della cuticola.

post-2993-003738200%201290959134.jpg

post-2993-028783500%201290959136.jpg

Il confronto tra un campione con il cappello asciutto e due col cappello umido.

post-2993-067135300%201290959137.jpg

L'esemplare con il cappello asciutto.

post-2993-017206200%201290959140.jpg

Gli esemplari con il cappello umido che mostrano le striature per trasparenza.

post-2993-002335700%201290959139.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Psathyrella conopilus (Fr.) A. Pearson & Dennis; Regione Lazio; Novembre 2010; Foto di Luigi Minciarelli.

Microscopia
Tipiche le cellule presenti sulla cuticola, denominate setae, per la forma estremamente allungata simile ad un capello.

post-3501-067726700%201290961520.jpg

Spore: 14,7-18,9 × 6,9-8,9 µm; Q=1,8-2,4; Qm=2,07, di forma piuttosto regolare, ellissoidali.

post-3501-0-05829400-1292971227.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information