Jump to content
Sign in to follow this  

Recommended Posts

Leucocoprinus cepistipes (Sowerby) Pat.

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere: Leucocoprinus
Sezione: Leucocoprinus

Sinonimi
Lepiota cepistipes var. rorulenta (Panizzi) Rick
Lepiota rorulenta (Panizzi) Sacc.
Leucocoprinus cepistipes var. rorulentus (Panizzi) Babos

Etimologia
Dal greco λευκός (leykos) = bianco + Coprinus = Coprinus a sporata bianca.
Dal latino caepa = cipolla + pes = piede = Col piede a forma di cipolla.

Cappello
3-5 cm, asciutto, prima a forma di ditale, poi ogivale e infine spianato, coperto interamente da una sottile fioccosità bianca, al centro del cappello troviamo un basso umbone formato da squame piatte, bruno chiaro, appressate al centro, che si distribuiscono con una dimensione sempre più piccola verso il bordo del cappello; nella metà centrale il cappello presenta un colore soffuso giallo-verdognolo: questo carattere potrebbe essere dovuto, come spiega E. Musumeci, al fatto che i giovani esemplari secernono un liquido che asciugando lascia delle macchie giallastre. Negli esemplari maturi Il cappello è striato al margine; questo carattere, tipico del genere, in questa specie è tardivo ed è difficile da osservare negli giovani esemplari. Gli esemplari maturi o contusi tendono a virare al bruno.

Lamelle
Bianche, libere, ventricose, con numerose lamellule, senza collarium. Negli esemplari maturi le lamelle tendono a virare al grigio. Negli esemplari seccati le lamelle rimangono grigie.

Gambo
Separabile, cavo, bianco, bruno-rosato alla base, pruinoso, cilindrico, leggermente ingrossato alla base, ma non nettamente bulboso. Presenta un piccolo anello, infero ascendente, che cade facilmente o rimane attaccato al bordo del cappello, perché si strappa dal gambo con la crescita del cappello stesso.
Sul gambo sono presenti delle goccioline, caratteristica riportata anche in letteratura. Negli esemplari maturi o contusi il gambo tende a virare al bruno-rosato.

Carne
Bianca, con odore fungino.

Microscopia
Spore bianche in massa, ellissoidali, ovoidali, in alcuni casi con le due pareti che presentano curvature diverse (subamigdaliformi); si notano l'apicolo, il poro germinativo a volte a forma di piccola lente, a volte talmente stretto che sembra un sottile canale, la "medulla"; spesso è presente una guttula centrale. Destrinoidi in Melzer (colorazione giallo-marrone). Metacromatiche in Blu di Cresile (colorazione rosa magenta della parete più interna dell'endosporio, mentre la parete più esterna dell'episporio si colora di blu come il resto della spora).
Basidi tetrasporici, sferopeduncolati, corti e larghi, tipici del genere Leucocoprinus, con Q < 2,5, mentre nel genere Leucoagaricus sono più slanciati, con un Q > 3 Candusso & Lanzoni (1990).
Cheilocistidi multiformi, negli esemplari giovani sono fusiformi-lageniformi, negli esemplari maturi sono digitati, mucronati, rostrati e presentano una netta terminazione stretta e allungata nella maggior parte dei casi, ma si presentano anche moniliformi o irregolari in percentuale minore.
Pleurocistidi non osservati.
Epicute con struttura a tricoderma di elementi allungati, con terminazioni leggermente allargate prima della sommità (sublageniformi) o leggermente diverticolate.
Le squamette scure della cuticola contengono un pigmento disciolto marrone-giallastro e incrostazioni scure sulla parete esterna delle terminazioni delle ife.
Ipocute presenta elementi globosi più o meno rotondeggianti, con pigmento marrone disciolto.
GAF non osservati in nessun tipo di tessuto.

Habitat
Il ritrovamento è avvenuto in estate con temperature massime di 35-40 °C, su un prato innaffiato regolarmente.

Commestibilità o Tossicità
Commestibilità non accertata. Per il simile Leucocoprinus birnbaumii (Corda) Singer = Leucocoprinus flos-sulphuris (Schnizl.) Cejp è stata segnalata la tossicità.

Tassonomia
Il Genere Leucocoprinus è simile al genere Lepiota per le squame sul cappello e al genere Cystolepiota per la fioccosità sul cappello, mentre ha il portamento e la striatura del cappello tipica dei Coprinus, ma con sporata bianca, da cui il nome Leucocoprinus.
La reazione di metacromasia permette di separare con sicurezza alcuni generi piuttosto simili:
- Lepiota -> Metacromasia negativa: le spore si colorano di blu.
- Leucoagaricus -> Metacromasia positiva: l'endosporio si colora di rosa magenta.
- Leucocoprinus -> Metacromasia positiva: l'endosporio si colora di rosa magenta.
Nella suddivisione tradizionale la famiglia Lepiotaceae Roze, viene suddivisa da Bon (1993) in due tribù: Lepioteae a cui appartengono: Lepiota,Cystolepiota, Echinoderma,Melanophyllum,Chamaemyces e Leucocoprineae a cui appartengono: Leucoagaricus, Leucocoprinus, Pulverolepiota,Sericeomyces, Macrolepiota, Chlorophyllum.
Le principali caratteristiche della tribù Lepioteae:
- Margine mai striato;
- Anello supero, discendente;
- Spore non metacromatiche;
- Poro germinativo assente;
- GAF presenti in tutti i tessuti.
Le principali caratteristiche della tribù Leucocoprineae:
- Margine liscio o striato;
- Anello infero, ascendente;
- Spore metacromatiche;
- Poro germinativo assente o presente;
- GAF generalmente non presenti.
Il genere Leucocoprinus si può quindi separare facilmente da Lepiota per il bordo striato, l'anello infero, le spore metacromatiche, la presenza del poro germinativo e l'assenza di GAF.
Per separare secondo la sistematica classica il genere Leucocoprinus da Leucoagaricus, possiamo considerare il margine del cappello striato e la forma dei basidi: corti, tozzi con la parte superiore rotondeggiante, cioè sferopeduncolati. Come osservano Candusso & Lanzoni (1990), questo tipo di basidi è tipico del genere Leucocoprinus, con Q < 2,5, mentre nel genereLeucoagaricus è più slanciato, con un Q > 3. Secondo recenti studi molecolari è stato appurato che le specie dei generi Leucocoprinus e Leucoagaricus non formano due "clades" separate, ma sono intersecate, quindi non sarebbe giustificato tenere separati questi due generi. Studi più approfonditi permetteranno in futuro di riorganizzare la sistematica di questo gruppo.

Osservazioni
Le alte temperature estive, associate alla forte umidità dovuta agli impianti di irrigazione, favoriscono la crescita di specie tipicamente tropicali o subtropicali di Leucocoprinus, che fino a qualche anno fa si rinvenivano in serra nel terriccio dei vasi o su legno, ma che attualmente vengono rinvenute sempre più spesso all'aperto su prati o in boschi. Spesso l'intero ciclo vitale dei carpofori si esaurisce in un paio di giorni.

Somiglianze
Può somigliare ad alcune Lepiota del gruppo delle Fusisporae:
Lepiota ochraceodisca Bon;
Lepiota ochraceosulfurescens Locq. ex Bon;
ad alcuni Leucoagaricus:
Leucoagaricus erioderma (Malençon) Bon;
ad altri Leucocoprinus:
Leucocoprinus birnbaumii (Corda) Singer = Leucocoprinus flos-sulphuris (Schnizl.) Cejp, che è il suo sosia morfologico, ma completamente giallo zolfo;
Leucocoprinus cretatus Locq. ex Lanzoni, di taglia maggiore, completamente bianco, che può avere il centro del cappello sfumato di bruno ed è ricoperto di fioccosità bianche sia sul cappello che sul gambo.

Bibliografia
AA.VV., 2001. Agaricaceae. Flora Agaricina Neerlandica. Vol. 5. Curatori: Noordeloos, M.E., Kuijper, T.W. & Vellinga, E.C.
AA.VV., 2008. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp.
BON, M., 1993. Les Lepiotes. Flore Mycologique d'Europe. Vol 3. Amiens: Ed. Marcel Bon.
CANDUSSO, M., & LANZONI, G., 1990. Lepiota s.l. Fungi Europæi. Vol. 4. Saronno: Libreria editrice Giovanna Biella.
EYSSARTIER, G., & ROUX, P., 2011. Le guide des Champignons France et Europe. Parigi: Ed. Belin.

Fonti Internet
MUSUMECI, E., 2003. Leucocoprinus cepistipes. Sentieri Boschivi. [Data di accesso: 16/07/2012].

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Tomaso Lezzi - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.


Regione Lazio, Luglio 2012; Foto, commento e microscopia di Tomaso Lezzi.
Vista d'insieme di campioni in vari stadi di maturazione.

post-2993-0-44173900-1342362622.jpg

Il cappello presenta delle squame piatte, bruno chiaro, appressate al centro, che si distribuiscono con una dimensione sempre più piccola verso il bordo del cappello.

post-2993-0-47568600-1342362624.jpg

Un giovane esemplare con la parte superiore piatta che darà luogo ad un basso umbone nei campioni maturi.

post-2993-0-32748600-1342362626.jpg

Un giovane esemplare mostra l'anello attaccato al bordo del cappello, perché si è strappato dal gambo con la crescita del cappello stesso.
Sul gambo sono presenti delle goccioline, caratteristica riportata anche in letteratura.

post-2993-0-36256500-1342362840.jpg

Un particolare della squamettatura e del colore del cappello.

post-2993-0-13771700-1342362842.jpg

Lamelle bianche, libere, senza collarium, ventricose. Lamellule abbondanti. Gambo bianco, più scuro verso la base, cilindrico, appena allargato alla base.

post-2993-0-44948300-1342362844.jpg

A distanza di un giorno i campioni mostrano un viraggio al giallo bruno, mentre le lamelle e il gambo mostrano un viraggio al grigio.
È molto più evidente nei campioni maturi il margine striato, tipico del genere Leucocoprinus.

post-2993-0-87484400-1342363117.jpg

post-2993-0-86421000-1342363119.jpg

post-2993-0-54845100-1342363121.jpg

post-2993-0-80434400-1342363122.jpg

post-2993-0-46932600-1342363124.jpg

Cheilocistidi multiformi, negli esemplari giovani sono fusiformi-lageniformi, negli esemplari maturi sono digitati, mucronati, rostrati e presentano una netta terminazione stretta e allungata nella maggior parte dei casi, ma si presentano anche moniliformi o irregolari in percentuale minore.


post-2993-0-89844600-1342363227.jpg

post-2993-0-21108200-1342363230.jpg

post-2993-0-36278400-1342363232.jpg

post-2993-0-86020000-1342363234.jpg

post-2993-0-11063900-1342363237.jpg

post-2993-0-94144000-1342363342.jpg

post-2993-0-20783400-1342363345.jpg

post-2993-0-40151400-1342363347.jpg

post-2993-0-84609900-1342363349.jpg

Spore a 1000× in Rosso Congo, ellissoidali, ovoidali in alcuni casi con le due pareti che presentano curvature diverse (leggermente amigdaliformi); si notano l'apicolo, il poro germinativo a volte a forma di piccola lente, a volte talmente stretto che sembra un sottile canale, la "medulla".

post-2993-0-11618000-1342363496.jpg

post-2993-0-30978600-1342363498.jpg

post-2993-0-65285400-1342363500.jpg

post-2993-0-01863600-1342363503.jpg

Spore a 400× e 1000×, destrinoidi in Melzer (colorazione giallo-marrone).

post-2993-0-09048200-1342363642.jpg

post-2993-0-69914900-1342363644.jpg

post-2993-0-01364600-1342363647.jpg

Spore a 1000×, metacromatiche in Blu di Cresile (colorazione rosa magenta della parete più interna dell'endosporio, notare che la parete più esterna dell'episporio si colora di blu come il resto della spora).

post-2993-0-09349700-1342363737.jpg

post-2993-0-97677300-1342363738.jpg

post-2993-0-63949800-1342363740.jpg

post-2993-0-20862700-1342363742.jpg

post-2993-0-91533900-1342363743.jpg

post-2993-0-55789300-1342363745.jpg

Basidi tetrasporici, sferopeduncolati, corti e larghi, tipici del genere Leucocoprinus, con Q < 2.5, mentre nel genere Leucoagaricus sono più slanciati, con un Q > 3.

post-2993-0-22375700-1342363939.jpg

Epicute con struttura a tricoderma di elementi allungati, con terminazioni leggermente allargate prima della terminazione (sublageniformi) o leggermente diverticolate.
Le squamette scure della cuticola contengono un pigmento disciolto marrone-giallastro e incrostazioni sulla parete esterna delle terminazioni delle ife.

post-2993-0-65364500-1342364157.jpg

post-2993-0-62002000-1342364159.jpg

post-2993-0-85527000-1342364161.jpg

Estremità leggermente diverticolate, e incrostate esternamente.

post-2993-0-90341400-1342364163.jpg

Nell'ipocute sono presenti elementi globosi più o meno rotondeggianti, con pigmento marrone disciolto.

post-2993-0-66361200-1342364403.jpg

post-2993-0-09523700-1342364406.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leucocoprinus cepistipes (Sowerby) Pat.; Regione Sardegna; Settembre 2005; Foto, microsopia e descrizione di Mauro Cittadini.

Viene spesso trovato nelle serre, vasi di fiori e giardini "curati" in area mediterraneo calda.
Complessivamente esile con crescita gregaria a volte sub-cespitosa, con cappello biancastro, nettamente striato al margine, fioccoso, bruno grigiastro chiaro al disco. Le lamelle abbastanza fitte, in condizione di carne etrogenea, possono schiacciarsi e quasi saldarsi specie negli esemplari giovani a formare un "collarium" o "pseudocollarium". Gambo clavato, ingrossato verso la base a volte bulboso, dotato di una anello nella parte alta piuttosto fugace. In poco più di 24 ore compie tutto il suo ciclo vegetativo diventando presto rattrappito e crema-grigiastro.

post-127-1126449205.jpg

post-127-1126449451.jpg

post-127-1126449512_thumb.jpg

Spore 7,5-11 × 6-7,5 µm ovoidali, spesso con guttula centrale, con poro germinativo, metacromatiche.

post-127-1126449762.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leucocoprinus cepistipes (Sowerby) Pat.; Regione Lazio; Settembre 2015; Foto di Tomaso Lezzi.

Piccolo Leucocoprinus bianco, coperto interamente da una sottile fioccosità, formata da squame piatte. Al centro del cappello troviamo un basso umbone, bruno chiaro, il cui colore sfuma al bianco, senza mostrare un confine netto tra il colore scuro del centro e il resto del cappello bianco. A piccole chiazze e soffusopresenta un colore giallastro, carattere dovuto alle goccioline di liquido che i giovani esemplari secernono e che asciugando lasciando delle macchie giallastre. Negli esemplari maturi Il cappello è striato al margine; questo carattere, tipico del genere, in questa specie è tardivo ed è difficile da osservare nei giovani esemplari. Gli esemplari maturi o contusi tendono a virare al bruno. Il gambo è bianco, ma spesso soffuso di rosa e presenta un piccolo anello, infero ascendente. Anche sul gambo sono presenti delle goccioline giallastre.

Leucocoprinus-cepistipes-01.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-12.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-17.jpg

Il cappello è coperto da piccole squame, presenta un colore più scuro soprattutto al centro, e mostra macchioline giallastre dovute ai resti di goccioline di essudato, ben visibili nella foto seguente.

Leucocoprinus-cepistipes-16.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-07.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-11.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-19.jpg

Il gambo può essere rosato e mostra un piccolo anello infero, ascendente.

Leucocoprinus-cepistipes-06.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-09.jpg

Leucocoprinus-cepistipes-08.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information