Jump to content

Recommended Posts

Hericium erinaceus (Bull.) Pers. 1797

Tassonomia
Divisione Basidiomicota
Classe Agaricomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Hericiaceae

Foto e Descrizioni
Regione Sardegna; Novembre 2006; Foto di Franco Sotgiu, commento di Giovanni Satta.

Lignicolo che cresce su alberi vivi, anche a parecchi metri dal suolo, a forma di cuscino, dal quale pendono dei lunghi, fitti e morbidi aculei; di colore biancastro, tendente ad ingiallire con l'età. Carne bianca, immutabile, di consistenza cotonosa, secondo alcune culture avrebbe delle proprieta' curative.

post-1526-1164354310.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hericium erinaceus (Bull.) Pers.; Regione Toscana; Ottobre 2017; Foto di Alessandro Francolini. 

Un bel fungo parassita, dalla forma complessiva rotondeggiante e compatta, di colore biancastro da giovane, con tendenza ad ingiallire e a imbrunirsi con l’età. Caratterizzato dalla presenza di aculei regolari, penduli e morbidi che ne ricoprono tutta la parte esposta all’aria. È fornito di un grosso bulbo basale con cui attecchisce al legno di piante viventi, in particolare Faggio e Quercia, sia alla base della pianta ospite ma anche a notevole altezza da terra. Dalla base si dipartono, in stretto contatto tra loro, vari rami carnosi, bianchi, di consistenza cotonosa, che si dividono a loro volta negli aculei superficiali su cui si trova l’imenoforo.
Utilizzato da secoli nella medicina tradizionale cinese in quanto ritenuto efficace nella cura di alcune patologie (ulcere gastriche, carcinomi esofagei, diabete, ecc.).
Altre specie di Hericium (come Hericium clathroides e Hericium coralloides) si distinguono macroscopicamente per la diversa disposizione con cui i rami carnosi si dipartono dalla base: ben distanziati tra loro e più volte biforcati in modo da formate un insieme a forma di corallo, non compatto né rotondeggiante.
Se non fosse per il colore, a prima vista Hericium erinaceus potrebbe ricordare, soprattutto se reperito a livello del suolo come l’esemplare nelle foto, un “Riccio comune” (Erinaceus europaeus) quando, in presenza di pericolo, si contrae appallottolandosi su se stesso.

Ai piedi di un Cerro; una sorta di "Riccio albino" che si sia appallottolato su se stesso.

DSC01683.JPG.b77ab666869d466e02cee84e5bc88e1a.JPG

DSC01686.JPG.a763e4283634ec75711b67a44e816181.JPG

La grossa e lunga parte basale era ben attaccata alle radici

DSC01688.JPG.a1793eaf891df09581ea17325d9fe878.JPG

In sezione si notano le ramificazioni a stretto contatto tra di loro e terminanti con gli aculei

DSC01693.JPG.83d47412e333c0f13d6e3277ef0f0b7d.JPG

DSC01697.JPG.ecb5e0f9d9b2c883ebb933ad5359ed69.JPG

DSC01698.JPG.a4977e79ce544ff0dfc1415c40cfddcb.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hericium erinaceus (Bull. : Fr.) Pers.Regione Umbria; Novembre 2018; Foto e microscopia di Stefano Rocchi. 

Fungo idnoide con aculei lunghi fino a 4 cm. Ha spore 6-6,7 × 5-5,6 µm;  Qm = 1,2; da ellissoidi a subglobose, ialine, a parete spessa ed amiloidi. Rinvenuto su latifoglia viva.
   
I Comitato scientifico del Circolo Micologico Naturalistico Perugino sull'isola Polvese presso il Centro cambiamento climatico e biodiversità in ambienti lacustri ed aree umide di Arpa Umbria.

(Exsiccatum SR20181109-06)

 he1.JPG.d52acc15bf773d4a3bfd84ce0bf35a18.JPG

he2.JPG.7e511b216bedbe927dd935a3215e2bf6.JPG

he3.JPG.2a4cb869d0d86ada3890bea9c652646e.JPG

he5.thumb.jpg.757ccf8a0f3589441035d969e4592be1.jpg

Spore 6-6,7 × 5-5,6 µm;  Qm = 1,2; da ellissoidi a subglobose, ialine, a parete spessa ed amiloidi. Osservazione in acqua a 1000×. 

spac1.thumb.JPG.7eac6ca9f730331336b904b8c253e656.JPG

Osservazione in Melzer a 1000×.

spme1.thumb.JPG.578c7abc2c15d4084e04465416b2be33.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information