Jump to content

Populus nigra L. subsp. nigra L.


Recommended Posts

Populus nigra L. subsp. nigra L.

Populus nigra L. subsp. pyramidalis Celac

 

Sinonimi

Populus croatica L.

Populus pannonica kitt

Populus dilatata Ait.

Populus italica (Du Roi) Moench

Populus nigra var. italica Du Roi

Populus pyramidalis (Rozier) Celak

 

Tassonomia

Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Magnoliopsida

Ordine: Salicales

Famiglia: Salicaceae

 

Nome italiano

Pioppo nero, Pioppo italico, Pioppo cipressino

Locale: Albero, Pôl, Arbola, Arbuccio, Piopp, Piopp, Chjùppu, Fustialbu nieddu, Arbua, Aibra, Fiopa

 

Etimologia

Populus: è il nome usato già dagli antichi Romani per questa pianta, poi contratto in Pop-lus, quindi in italiano = Pioppo; il termine latino deriva dal greco PÀL - lô = agito, e ricorda l'agitarsi continuo delle foglie e dei giovani rami.

nigra: termine latino che significa nero, per il colore del tronco e dei rami.

pyramidalis = piramidale, per la forma dell'apice.

 

Descrizione

Albero deciduo che può superare 30 metri di altezza; corteccia anche in gioventù scura, grigio-nerastra, presto solcata verticalmente da profonde fessurazioni; la subspecie nigra ha chioma espansa (maggiormente nelle piante femminili), da tondeggiante a ovato-piramidale e può superare 10 metri di diametro; la subsp. pyramidalis (Rozier) Celak (= Populus italica / P. nigra cv italica / P. pyramidalis), ha un aspetto molto slanciato e chioma ± cilindrica con apice assottigliato; rami tendenti a orientarsi verticalmente e foglie più larghe che lunghe.

 

Foglie

Gemme vischiose, foglie caduche, alterne, glabre, a margine finemente dentellato; il colore è verde lucido nella pagina superiore, più chiaro con toni giallastri in quella inferiore; quelle dei rami più lunghi misurano cm 5÷8 x 4÷7, ed hanno forma triangolare con base larga, mentre quelle dei rametti più corti e fioriferi hanno dimensioni minori e forma più romboidale; nella subspecie pyramidalis sono in genere più larghe che lunghe, con apice sempre appuntito, più o meno acuto.

 

Fiori

Pianta in genere dioica, e cioè portante o soli fiori maschili o solo femminili, di rado su uno stesso individuo possono, comunque, essere presenti fiori di entrambi i sessi su infiorescenze separate; sia i fiori staminiferi che quelli pistilliferi sono riuniti in amenti che compaiono sui rametti laterali già prima della fogliazione, i primi di colore rossastro, dimensioni 6÷9 x 1÷1,2 cm, muniti di numerosi stami (anche oltre 30), quelli femminili, più radi, di colore verde-giallastro, più lunghi e sottili, dimensioni fino a 12 x 0,7÷0,8 cm.

 

Frutti

Capsule giallo-verdastre, lunghe 7÷9 mm e che, aprendosi, liberano numerosi semi piumosi bianchi.

 

Periodo di fioritura

Fiorisce in Marzo, Aprile.

 

Territorio di crescita

Tutte le regioni italiane fino a 1000 m s.l.m.

 

post-656-1213652967.jpg

 

 

Habitat

Preferisce terreni umidi e posizioni luminose lungo i corsi dei fiumi, dalla pianura alla collina; generalmente lo si trova in compagnia di altre Salicaceae, Ontani ecc.

 

Somiglianze e varietà

Le specie autoctone italiane sono:

-Populus tremula L.: in montagna sostituisce il P. nigra, spingendosi fino a metri 2000 slm; ha corteccia più chiara, grigio-verdastra, foglie tondo-ovali con margine irregolarmente dentato, picciolo molto sottile che determina il caratteristico tremolio delle foglie alla sia pur minima brezza.

-Populus alba L.: con il quale condivide lo stesso habitat, possiede foglie turionali palmate con la pagina inferiore bianca e pelosa, corteccia bianca specialmente nei rami giovani.

-Populus canescens (Aiton) Sm: alcuni autori lo considerano specie a se stante, altri invece lo ritengono un ibrido naturale tra P. tremula e P. alba, possedendo caratteri ora dell'una, ora dell'altra specie; infatti le foglie sono simili a P. tremula grigie e fioccose inferiormente, mentre la corteccia e molto simile a P.alba.

Innumerevoli le ibridazioni naturali intermedie tra queste specie, impossibili da decifrare macroscopicamente; dall'incrocio tra P. nigra ed alcune specie nord americane ed in particolare P. deltoides , sono stati creati alcuni ibridi, utilizzati nelle coltivazioni "industriali" per la produzione di carta ( es.: P. canadensis detto comunemente pioppo canadese o anche P. euroamericano)

 

Specie protetta

Non risultano norme a carattere generale, regionale, locale, che proteggano questa pianta.

 

Costituenti chimici

Populina, populoside, salicina, olio essenziale, resine, glicosidi, flavonoidi, acidi organici, gomma, tannini.

 

Uso Cosmetologico

Dalle gemme si ricavano estratti che vengono usati nella composizione di trattamenti che purificano la pelle grassa e per ricavarne deodoranti naturali; inoltre l’estratto può essere utilizzato come sostanza attiva nelle dermatosi micotiche.

 

Uso Farmacologico

Le indicazioni terapeutiche sono piuttosto vaste: antisettico, espettorante, antipiretico, antireumatico, vulnerario e astringente. Viene conseguentemente indicato utile al trattamento delle febbri, delle sofferenze articolari, delle punture degli insetti, delle scottature, delle infiammazioni cutanee in genere, oltre ovviamente alla cura delle affezioni polmonari. Alcuni dei flavonoidi presenti nella pianta possiedono proprietà antibatteriche e antimicotiche. I glucosidi fenolici di tipo salicilico sono validi antinfiammatori e contrastano l’aggregazione delle piastrine. I principi attivi contenuti nell’olio essenziale sono fluidificanti delle secrezioni bronchiali. Il fitocomplesso esercita attività diuretica e ipouricemizzante. Dal legno dei rametti più freschi si ottiene un ottimo carbone vegetale (il carbone di Belloc ad azione antiputrefattiva ed assorbente).

 

Tutti i trattamenti farmacologici e sanitari devono sempre essere eseguiti sotto stretto e diretto controllo medico.

 

Medicina alternativa e Curiosità

Il gemmoderivato è indicato nell’insufficienza arteriosa degli arti inferiori e negli stati infettivi delle vie urinarie e respiratorie; inoltre è una delle piante da cui le api elaborano la propoli, un potente antibiotico e antibatterico naturale.

Anticamente erano ben note le proprietà vulnerarie e astringenti di questa pianta e le gemme dell'albero venivano lasciate a macerare nell'olio di oliva esponendo il composto all'azione del sole per numerosi mesi, con tale procedimento si otteneva un prezioso olio da applicare sulla pelle chiamato "acopon".

Un medico greco vissuto nel XI secolo (Nicolas Myrepse) fu creatore di un conosciutissimo rimedio del passato denominato "unguento populeum". Si trattava di un balsamo che veniva applicato per il trattamento di ragadi della bocca e del seno, emorroidi, eritemi, infiammazioni articolari, scottature. La procedura per l'ottenimento del balsamo era piuttosto complessa, si lasciavano bollire le gemme di pioppo in acqua, aggiungendo poi olio di oliva, cera d'api e strutto, a fuoco lento si lasciava evaporare completamente l'acqua. Alcune varianti della ricetta suggerivano di aggiungere alcune solanacee come Solanum nigrum, Hyosciamus albus e Atropa belladonna, questo serviva ad aumentare le proprietà analgesiche del balsamo.

Narra Ovidio che, dopo che Zeus scagliò Fetonte nel fiume Eridano, poichè aveva rubato il carro del sole, i lamenti delle sue sorelle furono talmente disperati che egli le trasformò in pioppi neri, dalla cui corteccia colano lacrime che si induriscono al sole. Ulisse, nel suo viaggio agli Inferi, incontra pioppi neri che, insieme ai salici, stanno sulla soglia che divide il regno dei vivi da quello dei morti.

In una cittadina della Gran Bretagna, Aston-on-Clun, vige l’usanza, il 29 maggio, di “ vestire l’albero” , ossia di addobbare di bandiere un secolare pioppo nero che cresce al centro del paese.

In origine era una pianta sacra dedicata alla madre terra, poi nel tempo ha assunto significati più funesti e tetri, non a caso, rientra nella ristretta cerchia delle piante che si dice furono utilizzate per realizzare la Croce. Nel passato fu comunque sempre considerato un potente talismano e piccoli sacchetti contenenti le sue foglie erano indossati al fine di proteggersi contro ogni possibile maleficio.

 

Note

Molto utilizzato dall'industria cartiaria, è anche l'ideale per ottenere fiammiferi, stuzzicadenti, attrezzi, compensati ecc.

La varietà pyramidalis, per la compattezza e la resistenza agli agenti inquinanti, viene anche utilizzata per realizzare efficaci barriere protettive frangivento o di protezione attorno agli stabilimenti industriali.

 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Giovanni Baruffa, Annamaria Bononcini, Pietro Curti, G.B. Pau - Approvata e Revisionata dal Gruppo di Coordinamento dell'Area Botanica

 

Link utili

Indici temi Botanici - Galleria dei Fiori Piante e Frutti dell'Associazione AMINT

 

Populus nigra L. subsp. nigra L - Foto di Giovanni Baruffa

 

post-656-1214259876.jpg

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...

Important Information