Jump to content

2008.11 - Lombardia - Tutor Massimo Biraghi


 Share

Recommended Posts

Lepiota griseovirens Mairei

 

Sinonimi

Lepiota obscura Bon

Lepiota griseovirens ssp obscura Bon

Lepiota grangei f.ma brunneoolivacea PIlat

 

Descrizione

 

 

Cappello da 1 a 3 cm. max inizialmente emisferico poi appianato in maturazione e con presenza di un umbone ben delineato

Colorazioni pileiche grigio fumo di londra con leggere sfumature olivastre, più scuro al centro specie nei giovani esemplari, con l'età tende ad assumere tonalità anche brunastre con riflessi ocra-aranciati

Cuticola di aspetto vellutato ricoperta da squame appressate al centro e diradate verso il margine dove si intravede il fondo color crema più o meno scuro a seconda dello stadio di maturazione.

Lamelle da biancastre a crema pallido, sinuose, libere al gambo e intercalate da lamellule di varie dimensioni

Gambo cilindriforme misurante in media 4/5 x 0,5 cm. terminante con un rigonfiamente alla base, biancastro sopra la zona delimitata dall'anello, ricoperto da piccole squame subconcolori al cappello, tende a sporcarsi di arancio/brunastro alla manipolazione e per vetustità, con presenza di ife miceliare miceliari rosastre alla base

Anello molto labile, subito evanescente

Carne biancastra nel cappello, ocra/brunastra nel gambo, odore leggermente di scleroderma o di gomma , sapore mite

 

Microscopia

 

Spore elissoidali, speronate misuranti in media 7-8,5 ( 9) x 3,5-4 µm

Basidi tetrasporici, ialini 20 µmi di media con stergmi lunghi 3 µm

Cheilocistidi da subcilindracei a leggermente claviformi misuranti 20 x 30 (40) µm

Pleurocistidi assenti

Ipocutis formata da peli allungati che possono arrivare oltre i 240 µm e larghi in media 15/17 (18) µm. , con 1-2 raramente 3 setti, giunti a fibbia presenti

 

Osservazioni

Specie reperita nel Parco del Fiume Brembo in zona ruderale e ai bordi di un sentiro erboso, essenze presenti Quercus robur e Robinia pseuacacia.

Si riconosce dalla vicina L. Grangei per le colorazioni più tendenti al verdastro e per la maggiore intensità di macchiarrsi di arancio/brunastro sul gambo, oltre che per le spore più gradi e allungate ( 10 x 12,5 (13) x 4 / 5 µm )

 

Lepiota pseudofelina AAVV è nome misapplicato , L. obscura e la sua varietà griseovirens (Locq. ex Bon) sono nomi non validi

L. pseudofelina Lange è considerata da molti Autori Europei un giovane L. grangei.

Exicata ........

 

Lepiota griseovirens Mairei Foto di Massimo Biraghi

post-2286-1230573726.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use Privacy Policy