Jump to content

Recommended Posts

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud. 1907

Tassonomia
Divisione Ascomycota
Classe Pezizomycetes 
Ordine Pezizales
Famiglia Sarcoscyphaceae

Sinonimi
Peziza coccinea Jacq. 1774

Etimologia
L'epiteto coccinea significa di colore rosso vivo. Da alcune specie di cocciniglia si estraeva un prezioso colorante rosso, molto in voga in pittura e per tingere i tessuti dal periodo della scoperta dell'America fino al 1900.

Ascoma
1-5 cm di diametro, apotecio da giovane semichiuso a forma di coppetta profonda con bordo ripiegato verso l’apertura, trapezoidale, a maturità cupolato, disteso, regolare o meno in funzione della crescita appressata degli apoteci. Imenoforo liscio, sericeo rosso scarlatto; superficie esterna delicatamente pruinosa, rosata-biancastra; orlo sottile, più o meno liscio, ma particolari condizioni ambientali quali scarsa umidità o eccessivo soleggiamento possono portare a leggere crenulazioni e fessurazioni. Frequentemente fornito di uno stipite attenuato verso il basso, biancastro e villoso, inserito profondamente nei residui del legno. Con l’avanzare della maturità lo stipite perde la caratteristica villosità basale poiché i peli, di consistenza cotonosa, tendono ad appressarsi e distendersi sulla superficie del gambo.

Carne
Biancastro-rosata, ceracea, elastica ma fragile, insapore e senza odori.

Microscopia
Le spore sono cilindrico ellissoidali, con estremità ottuse, lisce, nude, che contengono molte piccole guttule. Sarcoscypha austriaca è praticamente il suo sosia con cui è più facile confonderla, ha spore con esteremità polari decisamente appiattite e su tali estremità molte spore posseggono due piccole calotte polari.
Per quanto riguarda le osservazioni delle calotte polari e delle strutture gelatinose che decorano le spore nel Genere Sarcoscypha bisogna precisare che con la maturazione estrema degli ascomi, o dopo l'essiccamento, queste stutture tendono a scomparire. Tutte le osservazioni di queste strutture devono essere fatte su campioni freschi. Dato che i campioni essiccati non le mostrano più o le mostrano diversamente non ha quindi senso cercarle in campioni provenienti da exsiccata.

Habitat
Cresce nel tardo autunno e fino a primavera su residui legnosi di latifoglie e su frustuli interrati in condizioni d’elevata umidità. La Sarcoschypha juranaè invece a crescita esclusiva su resti di Tiglio (Tilia cordata e Tilia europea).

Commestibilità e tossicità
Non commestibile.

Osservazioni
È un ascomicete che possiamo trovare nei boschi anche in periodi freddi, quando a volte non è presente nessun altra specie fungina. Col suo colore rosso intenso spicca nel sottobosco dai colori smorti invernali.

Somiglianze e Varietà
Sarcoscypha coccinea si distingue soprattutto per la diversa forma delle spore cilindrico ellissoidali, con estremità ottuse, lisce, nude, che contengono molte piccole guttule.
Un’osservazione attenta ci aiuta a non confonderla con il Genere Melastiza, gli ascomi appartenenti a questo Genere infatti posseggono dei peli scuri e minuti sul bordo pileico, così come la presenza dello stipite e le colorazioni non giallo-aranciate ci fanno escludere il Genere Aleuria in quanto gli ascomi appartenenti a quest’ultimo sono sessili e mai rosso-scarlatto.
In Europa sono state trovate sei specie di Sarcoscypha, le differenze morfocromatiche sono veramente minime e di difficile interpretazione e variano in funzione del grado di maturità del micete. Per poter arrivare ad una determinazione occorre quindi effettuare un'analisi microscopica, che è l'unica a poterci fornire differenze apprezzabili. In ambito sporale le differenze più significative si osservano nella forma, nelle granulazioni, nella presenza di guttule e nel rivestimento delle spore (vedi nota sull'osservazione delle strutture gelatinose nel paragrafo della microscopia).
Sarcoscypha austriaca (Beck ex Sacc.) Boud. è praticamente il suo sosia con cui è più facile confonderla, ha spore con esteremità polari decisamente appiattite, su tali estremità è poi presente un velo mucilagginoso. Le spore contengono piccole granulazioni distribuite all'interno.
Sarcoscypha dudley (Peck) Baral, ha spore ellissoidali contenenti due grosse guttule polari, rivestimento sporale mucilagginoso completo.
Sarcoscypha jurana (Boud.) Baral , ha spore ellissoidali, estremità polari meno appiattite che in Sarcoscypha austriaca, rivestimento sporale mucilagginoso completo. Le spore contengono due o tre grosse guttule. Cresce in ambiente esclusivo di Tilia spp.
Sarcoscypha occidentalis (Schwein.) Sacc., ha spore piccole, piuttosto tondegianti, non rivestite dal alcun velo, contenenti due guttule, leggermente appiattite ai poli.

Scheda di proprietà AMINT realizzata dal CLR Micologico di AMINT.

Regione Lazio; Febbraio 2006; Macchia mediterranea; Foto macro e micro di Gianni Pilato.

post-623-1140377127.jpg

post-623-1140377211.jpg

Microscopia degli esemplari precedenti. Asco inopercolato con relative spore da espellere (una appena espulsa).

post-623-1140803627.jpg
enc.gif

Aschi con spore, da notare lo spessore considerevole degli aschi, tale da farli apparire tunicati, i filamenti più chiari che si incrociano con l'asco sono le parafisi, in questo caso filiformi. Notare le piccole guttule interne alle spore, questo carattere concorre alla corretta determinazione.

post-623-1140803834.jpg

Visione dell'excipulum con ife allungate, non settate, intrecciate.

post-623-1140804038.jpg

Aschi e parafisi.

post-623-1140804204.jpg

Aschi, spore e parafisi.

post-623-1140804418.jpg

Regione Lazio; Gennaio 2005; Foto di Mauro Cittadini.
Esemplari verificati con microscopia.

post-127-1105888878.jpg
enc.gif

Regione Lazio; Gennaio 2005; Foto Gianni Pilato.
Primordi.

post-623-1106245325.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Emilia Romagna; Marzo 2008; Foto di Massimo Biraghi.

Spore.

post-36492-0-30143800-1462697283.jpg

11.jpg

Aschi e parafisi.

12.jpg

Peli dell'excipulum ectale.

13.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lazio, Villa Pamphili, Roma; Marzo 2010; Foto di Mauro Cittadini.

post-127-1268243401,26.jpg

Spore 27-36 × 10-12 µm, di forma cilindrica, allargate in zona mediana, con molte piccole guttuline appressate verso i poli, questi ultimi sono un po' schiacciati ma non depressi, ed assolutamente privi di cuffie gelatinose.

post-127-1268243793,69.jpg

Foto di Tomaso Lezzi.

post-2993-1274086632,24.jpg

post-2993-1274086632,94.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Piemonte, Valsesia, Pila (VC); Marzo 2011; Foto di Alessandro Remorini.

Ritrovamento effettuato a 700 m s.l.m.; bosco misto con prevalenza di conifera (Picea abies), ritrovato su residuo legnoso in zona umida a fianco di un ruscelletto.

post-10736-0-56020800-1301300024.jpg

post-10736-0-26451300-1301300255.jpg

Conferma microscopica di Massimo Biraghi.

post-2286-0-44108300-1301432229.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Piemonte, Valsesia, Pila (VC); Febbraio 2013; Foto e microscopia di Angelo Mariani.

Crescita su rametto di latifoglia interrato.
Spore 25-40 × 10-12 µm ellittiche, lisce, con i poli arrotondati o appiattiti, ialine.
Aschi 380-420 × 14-15 µm ottosporici J-.
Parafisi sottili, cilindriche, settate, con contenuto granuloso rossastro.
Excipulum medullare formato da una textura intricata.
Excipulum ectale formato da una textura prismatica e da peli flessuosi a parete spessa, ialini.

post-10020-0-49682700-1359794653.jpg

post-10020-0-74562800-1359794733.jpg

Sezione dell'ascoma 10×.

post-10020-0-93885300-1359794827.jpg

Aschi e parafisi 20×.

post-10020-0-32455600-1359794966.jpg

post-10020-0-90130500-1359795043.jpg

Spore in asco 100×.

post-10020-0-91413800-1359795121.jpg

post-10020-0-38741200-1359795232.jpg
 
post-10020-0-30566500-1359795310.jpg

Excipulum medullare.

post-10020-0-70590200-1359795392.jpg

Excipulum ectale.

post-10020-0-37611800-1359795455.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lombardia; Marzo 2013; Foto e microscopia di Gianluigi Boerio.

Appennino pavese, 350 m s.l.m., su rametti in decomposizione di Ciliegio.

post-3496-0-72407100-1362999238.jpg

Colorante: Blu Cotone a freddo. Sezione con alcuni peli dritti. Osservazione a 100×.

post-3496-0-79687200-1363336109.jpg

Aschi, spore e pigmenti. Osservazione a 630× in immersione ad olio.

post-3496-0-76829500-1363336229.jpg

Misure rilevate sui campioni esaminati: 31-49 × 11-14 µm.

post-3496-0-02466200-1363336643.jpg

Pigmenti carotenoidi nelle parafisi.

post-3496-0-47001800-1363338657.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lombardia; Aprile 2013; Foto e microscopia di Massimo Biraghi e Gianluigi Boerio.

Boschetto planiziale località Lodi.

post-2286-0-14098100-1364853714.jpg

post-2286-0-27465200-1364853741.jpg

Foto e di Gianluigi Boerio.

post-3496-0-55243700-1364916219.jpg

Base miceliare di Sarcoscypha coccinea attaccata a un residuo legnoso, probabilmente di Crataegus sp.

post-3496-0-67388200-1364916474.jpg

Dettaglio del margine dell'ascoma con evidente peluria che secondo alcuni autori costituisce carattere differenziale macroscopico dalle specie vicinori (Sarcoscypha austriaca).

post-3496-0-77255100-1364916628.jpg

Foto di Massimo Biraghi.
Spore
N° Long. Larg. Q
Moy 36,18 13,46 2,69
Min 31,51 12,34 2,43
Max 42,17 14,96 3,12

post-2286-0-28183200-1364853934.jpg

post-2286-0-31242800-1364853950.jpg

Foto e commento di Gianluigi Boerio.
Pigmenti e forma sporale. Dimensioni nel range tipico, già indicato da Massimo. La forma delle spore e la loro misura costituisce carattere discriminante per la corretta determinazione.

post-3496-0-31508200-1364916851.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lazio (VT); Gennaio 2020; Foto e microscopia di Tomaso Lezzi.

Si distingue dalle Sarcoscypha simili soprattutto per la diversa forma delle spore cilindrico ellissoidali, con estremità ottuse, lisce, nude, che contengono molte piccole guttule.
Spore (20,8) 24,0-30,9 (32,5) × (8,5) 9,3-11,6 (12,1) µm; Q = (1,8) 2,3-3,0 (3,6); N = 29; Media = 27,4 × 10,4 µm; Qm = 2,7.
Parafisi con contenuto arancio rosso che da il colore macroscopico ai campioni.

Sarcoscypha coccinea 01.jpg

Alcuni autori considerano caratteristica della specie la sottile peluria bianca presente sul bordo dell'ascoma.

Sarcoscypha coccinea 01b.jpg

Parafisi con contenuto arancio rosso che da il colore macroscopico ai campioni. Osservazione in L4 a 400×.

Sarcoscypha coccinea 04 Parafisi 400x L4.jpg

Spore (20,8) 24,0-30,9 (32,5) × (8,5) 9,3-11,6 (12,1) µm; Q = (1,8) 2,3-3,0 (3,6); N = 29; Media = 27,4 × 10,4 µm; Qm = 2,7. Osservazione in L4 a 400×.

Sarcoscypha coccinea 21-24 Spore 400x L4.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lazio; Gennaio 2017; Foto e Microscopia di Tomaso Lezzi.

Esemplari fino a 5 cm con stipite rudimentale, interno dell'apotecio rosso scuro, parte esterna biancastra. Crescita su legno di latifoglia.
Spore 13-22 ×7-9 µm; con estremità arrotondate, presenza di 2 guttule, senza presenza di conidiospore, assenza di copertura gelatinosa attorno alla spora; parafisi lungamente clavate, con guttule oleose arancione scuro, soprattutto verso l'estremità superiore, parte basale non moniliforme.

Sarcoscypha-coccinea-15b.jpg

Parafisi, in Rosso Congo, 600×.

Sarcoscypha-coccinea-11-2-3Parafisi-600x-RC.jpg

Spore, in Melzer, 600×.

Sarcoscypha-coccinea-03-Spore-600x-Melzer.jpg

Spore, in Acqua, 1000×.

Sarcoscypha-coccinea-06-9-Spore-1000x-H2O.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud.; Regione Lazio (VT); Marzo 2018; Foto e microscopia Tomaso Lezzi.

Bordo pileico con peli chiari (il genere Melastiza ha peli scuri), Colore rosso aranciato, stipite presente, attaccato su un rametto di Quercia.
Spore 24 × 9.5 µm, ellissoidali con estremità arrotondate, non rivestite da strato gelatinoso, contenenti parecchie piccole guttule, di cui due spesso un po' più grandi delle altre.
Sarcoscypha occidentalis ha lunghezza sporale inferiore a 21 µm; 
Sarcoscypha dudleyi presenta due grosse guttule, e un evidente rivestimento gelatinoso;
Sarcoscypha austriaca ha estremità delle spore spesso appiattite e rivestite da uno strato gelatinoso alle estremità.

Sarcoscypha-coccinea-00.jpg

Aschi ottosporici e parafisi. 100×.

Sarcoscypha-coccinea-02-Aschi--Parafisi-100x-RC.jpg

Spore ellissoidali con estremità arrotondate, non rivestite da strato gelatinoso, contenenti parecchie piccole guttule, di cui due spesso un po' più grandi delle altre. 400×.

Sarcoscypha-coccinea-14-Spore-400x-RC.jpg

Sarcoscypha-coccinea-04-Spore-400x-RC.jpg

Aschi e parafisi, che in Melzer diventano verdi. 400×.

Sarcoscypha-coccinea-20-Spore-Aschi-Parafisi-400x-Melzer+Cloralio.jpg

Sarcoscypha-coccinea-28-35-Spore-Aschi-Parafisi-400x-Melzer+Cloralio.jpg

Sarcoscypha-coccinea-06-10-Spore-400x-RC.jpg

Sarcoscypha-coccinea-13-5-Spore-400x-RC.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information