Vai al contenuto

Recommended Posts

Leucocoprinus badhamii (Berk. & Broome) Locq. 1943

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Leucoagaricus
Sezione Piloselli 

Sinonimi
Lepiota badhamii (Berk. & Broome) Quél. 1872
Lepiota meleagroides Huijsman 1943
Leucoagaricus badhamii (Berk. & Broome) Singer 1951

Etimologia
Dal greco λευκός (leykos) = bianco + Agaricus = Agaricus a sporata bianca. 
L'epiteto badhamii è dedicato al botanico e micologo inglese Charles Badham (1806-1857). 

Cappello
Il cappello è inizialmente subgloboso, poi convesso con il centro piano, con portamento trapeziodale, infine con la crescita disteso, anche leggermente piano-depresso. La cuticola, eccedente, riamane integra solo una piccola zona centrale che presenta piccole squamette rialzate, mentre si dissocia alla periferia quasi  completamente in squame più o meno brune sul fondo bianco della carne, con andamento prima concentrico e più tardi radiale. Presenta toni biancastri, ma vira alla minima contusione all’arancio vivo, rossastro, per passare poi dopo qualche minuto al bruno, l’intera superficie si colora infine di nerastro cupo.

Imenio
Le lamelle sono crema-biancastre, abbastanza fitte, sinuose, intervallate da vari ordini di lamellule, tendono a macchiarsi di giallo carico, arancio-rosso, poi virano al bruno, il filo si colora facilmente di rosso-bruno, le lamelle sono libere al gambo ed inserite in uno pseudocollarium

Gambo
Il gambo è cilindrico, slanciato, alla base, bulboso e tendente ad assottigliarsi verso l’apice, liscio, bianco, fioccoso sotto la zona anulare, vira all'arancio-rosso, per poi imbrunire se manipolato. Anello semplice, bianco, membranoso, il bordo vira al bruno al tocco o con l’invecchiamento. 

Carne
Biancastra, giallo-zafferano, alla sezione rossastra, vira direttamente al verde al contatto con Ammoniaca.

Habitat
In parchi, giardini, zone ruderali, boschi. Gregario o in gruppi cespitosi, su suoli freschi ricchi di humus.

Microscopia
Spore amigdaliformi, subamigdaliformi, ovoidali, alcune con una indistinta papilla apicale, destrinoidi, senza poro germinativo. Misure osservate: 6,6-8,6 × 3,6-5,3 µm; Q = 1,4-1,8; Qm = 1,6.
Cheilocistidi molto abbondanti, clavati, da lageniformi a fusiformi, all’apice capitulati e moniliformi, anche con appendice a profilo irregolare.
Pleurocistidi non osservati.
Pileipellis formata da un trichoderma di ife cilindriche intrecciate, con articoli terminali fusiformi a estremità arrotondata, con pigmento bruno scuro granulare.
GAF non osservati.
Caulocistidi presenti su tutta la superficie del gambo, fusiformi, cilindrici e claviformi, a volte con appendice di profilo irregolare.

Commestibilità o Tossicità
Non commestibile.

Somiglianze e varietà
Leucoagaricus cupresseus (Burl.) Boisselet & Guinb., cresce sotto Cipresso, ha carne arrossante e poi imbrunente, ma non annerirsce, i cheilocistidi sono di dimensione variabile e di profilo vario: da clavati a fusiformi-clavati e legeniformi-utriformi, senza escrescenze.
Leucoagaricus aurantiovergens A. Gennari & Migl., si separa per il caratteristico viraggio che manifesta allo sfregamento, subito rosso, poi giallo-aranciato, ed infine bruno scuro vinoso.
Leucoagaricus pilatianus (Demoulin) Bon & Boiffard, si caratterizza per avere carpofori piuttosto piccoli, il pileo tomentoso di colore rosso bruno, che vira al marrone dopo il contatto, i cheilocistidi clavati, senza proiezioni apicali.

Note 
Questa specie è inquadrata nella Sezione Piloselli (Kühner) Singer che annovera taxa con carne arrossante, verde o rosso-vivo al contatto con ammoniaca, lamelle bianche, poi più o meno rosate o brune, spore con o senza poro germinativo; talora con crescita cespitosa. 

Bibliografia
AA.VV., 2001. Agaricaceae. Flora Agaricina Neerlandica. Vol. 5. Curatori: Noordeloos, M.E., Kuijper, T.W. & Vellinga, E.C.
AA.VV., 2008. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp.
BON, M., 1993. Les Lepiotes. Flore Mycologique d'Europe. Vol 3. Lille: Ed. Association d'Ecologie et de Mycologie.
CANDUSSO, M. & LANZONI, G., 1990. Lepiota s.l. Fungi Europæi. Vol 4. Saronno (VA): Libreria Editrice Giovanna Biella.
EYSSARTIER, G., & ROUX, P., 2011. Guide des Champignons France et Europe. Parigi: Ed. Belin.
MOSER, M., 2000. Guida alla determinazione dei funghi. Polyporales, Boletales, Agaricales, Russulales. Vol. 1. Ed. Saturnia. 

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Mario Iannotti e Tomaso Lezzi - Approvata e Revisionata dal CLR Micologico di AMINT.
 

Regione Umbria, Città di Castello; Dicembre 2018; Legit Giovanni Galeotti, foto macro di Giovanni Galeotti, descrizione e microscopia di Mario Iannotti.
(Exsiccatum MI20181209-01).

IMG-20181209-WA0021.jpg

IMG-20181209-WA0017.jpg

IMG-20181209-WA0004.jpg

IMG-20181209-WA0020.jpg

IMG-20181209-WA0019.jpg

IMG-20181209-WA0023.jpg

IMG-20181209-WA0032.jpg

Foto macro dei campioni che evidenziano il viraggio al nero cupo di tutto il carpoforo in vecchiaia e in exsiccata.

Leucoagaricus-badhamii-962_65_2018.jpg

La reazione direttamente verde dell'imenoforo al contatto con l'Ammoniaca.

Leucoagaricus-badhamii-960_61_2018.jpg

Microscopia
Spore amigdaliformi, subamigdaliformi, ovoidali, alcune con una indistinta papilla apicale, destrinoidi, senza poro germinativo. Misure osservate: 6,6-8,6 × 3,6-5,3 µm; Q = 1,4-1,8; Qm = 1,6. Osservazione in Melzer a 1000×, spore destrinoidi.

Leucoagaricus-badhamii-spore-9_1000xMelzer.jpg

Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

Leucoagaricus-badhamii-spore-18_1000x.jpg96865-leucoagaricus-badhamii-berk-broome

Leucoagaricus-badhamii-spore-19_1000x.jpg

Cheilocistidi molto abbondanti, clavati, da lageniformi a fusiformi, all’apice capitulati e moniliformi, anche con appendice a profilo irregolare. 
Osservazione in Rosso Congo a 400×.

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-7_4000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-11_4000x.jpg

Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-21_1000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-22_1000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-30_1000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-31_1000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-cheilo-34_1000x.jpg

Pileipellis formata da un trichoderma di ife cilindriche intrecciate, con articoli terminali fusiformi a estremità arrotondata, con pigmento bruno scuro granulare.
Osservazione in Rosso Congo a 100×.

Leucoagaricus-badhamii-pileipellis-10_100x-.jpg

Leucoagaricus-badhamii-pileipellis-11_100x.jpg

Osservazione in Rosso Congo a 400×.

Leucoagaricus-badhamii-pileipellis-11_400x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-pileipellis-12_400x-.jpg

Caulocistidi presenti su tutta la superficie del gambo, fusiformi, cilindrici e claviformi, a volte con escrescenze di profilo irregolare. Osservazione in Rosso Congo a 100×.

Leucoagaricus-badhamii-caulo-07_100x.jpg

Osservazione in Rosso Congo a 400×.

Leucoagaricus-badhamii-caulo-01_4000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-caulo-04_4000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-caulo-05_4000x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-caulo-08_400x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-caulo-11_400x.jpg

Leucoagaricus-badhamii-caulo-13_400x.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information