Jump to content

Recommended Posts

Hysterangium stoloniferum Tul. & C. Tul. 1851

Tassonomia
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Sottoclasse Phallomycetidae
Ordine Hysterangiales
Famiglia Hysterangiaceae

Sinonimi
Hysterangium stoloniferum var. americanum Fitzp. 1913
Hysterangium stoloniferum var. brevisporum Zeller 1947

Etimologia
L'epiteto Hysterangium deriva dal greco ύστέρα (hystéra) = utero e ἀγγεἴον (angeíon) = vaso, e significa vaso a forma di utero.
L'epiteto stoloniferum deriva dal latino stólo, -ónis = stolone, e da féro = portare  e significa portatore di stoloni, per la tendenza a produrre rizomi.

Ascoma 
Fungo ipogeo di forma subglobosa, più o meno regolare. Di dimensioni non molto grandi (1-3 cm).

Peridio   
Il peridio è elastico, cartilagineo nei giovani esemplari, spesso fino a 1 mm e si distacca abbastanza facilmente dalla gleba. Negli esemplari maturi si assottiglia fino a scomparire per scoprire la gleba cerebriforme. La superficie è liscia, biancastra, con sfumature giallastre, rosate e macchie ocracee. Nella parte inferiore mostra dei cordoni/feltri miceliari.

Gleba
La gleba è tenace ed elastica, verde-azzurra, suddivisa in piccole cellette labirintiformi, che confluiscono verso il centro e la base, dove è presente una rudimentale columella di colore grigio azzurrato.

Habitat 
Sotto latifoglie, preferibilmente su suolo calcareo. Il ritrovamento è avvenuto sotto Faggio.

Microscopia
Il peridio è formato per l'intero spessore da cellule subglobose di 10-30 µm di diametro.
I basidi sono allungati e portano solitamente 4 spore ialine, alla loro base sono presenti GAF; le spore hanno parete verde-azzurra, sono allungate, fusiformi, con caratteristici sterigmi lunghi un paio di micrometri, a "coda di rondine" sull'estremità dove le spore sono attaccate ai basidi. Presentano un perisporio trasparente di andamento irregolare, che forma delle piccole creste sul profilo della spora. Sono state osservate da 1 a 10 guttule di dimensione variabile all'interno delle spore. Misure rilevate: 18,7-24,2 × 5,7-7,0 µm; Qm = 3,2. Risulta quindi la specie europea con la maggior dimensione sporale.


Commestibilità o Tossicità 
Non commestibile.

Specie simili
Alle Hysterangiaceae appartengono altri due generi: Trappea Phallogaster:
- L'unica specie del genere Trappea ha spore molto più piccole, 4-6 µm;
- Le specie del genere Phallogaster hanno tutte il gambo.
La confusione può avvenire con le altre specie del genere Hysterangium presenti in Europa, ma la struttura del peridio e le misure sporali permettono di discriminare le specie:
Hysterangium inflatum Rodway, Hysterangium membranaceum Vittad., Hysterangium pompholyx Tul. & C. Tul., Hysterangium calcareum R. HesseHysterangium clathroides Vittad., hanno tutti peridio filamentoso per tutto il loro spessore.
Hysterangium coriaceum R. Hesse ha spore di lunghezza < 13 µm;
Hysterangium crassum (Tul. & C. Tul.) E. Fisch. ha spore di lunghezza compresa tra 12 e 15 µm, e cresce sotto conifere;
Hysterangium nephriticum Berk. ha spore di lunghezza compresa tra 16 e 19 µm, e il peridio è avvolto da micelio fioccoso. 

Bibliografia
AA.VV., 2018. Funga Nordica. Agaricoid, boletoid and cyphelloid genera. Ed. Nordsvamp. 2nd Edition, 2nd printing.
CASTELLANO, M.A., 1999. Hysterangium. 311-324 in: Ectomycorrhizal Fungi Key Genera in Profile. DOI: 10.1007/978-3-662-06827-4_13
MONTECCHI, A. & SARASINI, M., 2000. Funghi Ipogei d’Europa. Trento: Ed. AMB.

Scheda di proprietà AMINT realizzata da Tomaso Lezzi e Mario Iannotti. Approvata e revisionata dal CLR Micologico di AMINT.

 

Regione Umbria; Maggio 2019; Legit Lorenzo Rossi; Foto di Tomaso Lezzi.  
(Exsiccatum TL20190531-02)

I cordoni miceliari sono stati osservati dal raccoglitore, ma si sono spezzati durante la raccolta, per cui non sono visibili nella foto seguente (comunicazione personale).

Hysterangium stoloniferum 08 Lorenzo Rossi.jpg

Un giovane esemplare in sezione, con il peridio ancora ben delimitato.

Hysterangium stoloniferum 15 Lorenzo Rossi.jpg

Un esemplare in sezione, con il periodio che si è distaccato e mostra la gleba che diventerà cerebriforme anche sulla superficie esterna.

Hysterangium stoloniferum 12 Lorenzo Rossi.jpg

Il peridio è formato per l'intero spessore da cellule subglobose di 10-30 µm di diametro. 
Osservazione in Rosso Congo; 100×.

Hysterangium stoloniferum 44 Lorenzo Rossi - Peridio RC 100x.jpg

I basidi sono allungati e portano solitamente 4 spore ialine, con parete verde-azzurra, allungate, fusiformi, con caratteristici sterigmi lunghi un paio di micrometri, a "coda di rondine" sull'estremità dove sono attaccate ai basidi. Presentano un perisporio trasparente di andamento irregolare, che forma delle piccole creste sul profilo della spora. Sono state osservate da 1 a 10 guttule di dimensione variabile all'interno delle spore. Misure rilevate: 18,7-24,2 × 5,7-7,0 µm; Qm = 3,2. Risulta quindi la specie europea con la maggior dimensione sporale.
Osservazione in Rosso Congo; 400×.

Hysterangium stoloniferum 23 Basidi Spore 400x RC.jpg

Hysterangium stoloniferum 25 Lorenzo Rossi - Basidi Spore RC 400x um.jpg

 

Hysterangium stoloniferum 26 Basidi Spore 400x RC.jpg

Basidi e Spore. Osservazione in Rosso Congo; 1000×.
Si può notare il perisporio, che forma delle piccole creste sul profilo della spora.

Hysterangium stoloniferum 32 Basidi Spore 1000x RC_u.jpg

Si possono notare i caratteristici sterigmi lunghi un paio di micrometri, a "coda di rondine" sull'estremità dove le spore sono attaccate ai basidi.

Hysterangium stoloniferum 35 Basidi Spore 1000x RC_u.jpg

Regione Umbria; Maggio 2019; Legit Lorenzo Rossi; Foto di Mario Iannotti.
I basidi sono allungati e portano solitamente 4 spore ialine, alla loro base sono presenti GAF. Osservazione in Rosso Congo a 1000×.

Gautieria-sp-basidi-10_1000.jpg

Gautieria-sp-basidi-gaf-12_1000.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information