Jump to content

Tomaso Lezzi

Admin
  • Content Count

    22,279
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Tomaso Lezzi

  1. Confermo quanto detto da Enzo. Se torni sul posto controlla se strofinando le lamelle diventano rosse, è una delle caratteristiche di Agaricus impudicus. Ciao, Tom
  2. COme spiegato da Enzo per contatto non succede niente, ma se mettiamo una Amanita phalloides in un cestino insieme a funghi buoni, è meglio buttare tutto per non rischiare, perché potrebbero essere finiti pezzi di funghi velenosi in mezzo a quelli buoni. Ciao, Tom
  3. Confermo, è già più che naturalizzata, qui nel centro Italia, è abbastanza facile incontrarla! Tom
  4. Ciao Flavio, se non erro l'Enoki è una Forma bianca di Flammulina velutipes che credo facciano crescere in assenza di luce. Provo a chiedere a Luigi che vive in Cina da diversi anni e che ha più esperienza di me in tema di funghi cinesi! So comunque che di bianchi filiformi ne utilizzano specie diverse. ciao, Tom
  5. Ciao Lorenzo, i tuoi esemplari sono (ex) Volvariella gloiocephala, che ora si chiama Volvopluteus gloiocephalus. Sporata rosa, lamella libera e presenza di una volva bianca alla base (visibile se raccogli bene i campioni) sono i suoi caratteri. ciao, Tom
  6. Ciao Semola, si tratta di un fungo! Prova a fare una foto del campione intero da sopra, una da sotto, una della sezione verticale completa, dicci di che cosa odorava, se aveva viraggio etc. e sarà più facile fare delle ipotesi determinative! Ciao, Tom
  7. Ciao Giovanni, porta tutti i secchi al pranzo di Natale, ho il Microscopio che in questi giorni si sta surriscaldando per il troppo lavoro, dovrò aggiungere un impianto di raffreddamento, mettiamo in coda anche i tuoi campioni!!! Ciao, Tom
  8. Indice Regione Abruzzo, specie trovate nel mese di Ottobre 2019, totale n° 31 specie. Agaricus bresadolanus Bohus; Chamaemyces fracidus (Fr.) Donk; Clitocybe glareosa Röllin & Monthoux; Cortinarius bulliardii (Pers.: Fr.) Fr.; Cortinarius infractus Berk.; Cortinarius magicus Eichhorn; Galerina marginata (Batsch) Kühner; Hebeloma radicosum (Bull.:Fr.) Ricken; Hygrophorus chrysodon (Batsch: Fr.) Fr.; Lactarius blennius (Fr.: Fr.) Fr.; Lactarius controversus Pers.: Fr.; Leccinum duriusculum (Schulzer ex Kalchbr.) Singer; Lepista irina (Fr.) Big.; Lyophyllum rhopalopodium Clémençon; Paralepistopsis amoenolens (Malençon) Vizzini; Rubroboletus lupinus (Fr.) Costanzo, Gelardi, Simonini & Vizzini; Russula acrifolia Romagn.; Russula faginea Romagn.; Russula laurocerasi Melzer; Russula maculata Quél. & Roze; Russula odorata Romagn.; Russula pelargonia Niolle; Tricholoma album (Schaeff.: Fr.) Kummer; Tricholoma filamentosum (Alessio) Alessio; Tricholoma hemisulphureum (Kühner) A. Riva; Tricholoma portentosum (Fr.: Fr.) Quél.; Tricholoma sulphureum (Bull.) P. Kummer; Tricholoma ustale (Fr.: Fr.) Kummer; Tuber brumale Vittadini 1831; Tuber excavatum Vittad.; Tuber mesentericum Vittad. Tom
  9. Indice Regione Puglia, specie trovate nel mese di Ottobre 2019, totale n° 1 specie. Amanita gracilior Bas & Honrubia. Tom
  10. Indice Regione Lazio, specie trovate nel mese di Ottobre 2019, totale n° 37 specie. Abortiporus biennis (Bull. : Fr.) Singer; Agaricus silvicola (Vitt.) Peck; Amanita franchetii (Boud.) Fayod; Amanita fulva Fr.; Amanita mairei Foley; Amanita rubescens Pers. : Fr.; Bisporella citrina (Batsch) Korf & S.E. Carp.; Boletus aereus Bull. : Fr.; Clitocybe odora (Bull.: Fr.) Kummer; Clitocybe phaeophthalma (Pers.) Kuyper; Coprinus micaceus (Bull.: Fr.) Fr; Cortinarius chevassutii Rob. Henry; Cortinarius infractus Berk.; Crinipellis scabella (Alb. & Schwein.) Murrill; Cyathus striatus (Huds.: Fr.) Willdenow; Gyroporus castaneus (Bull.: Fr.) Quél; Helvella lacunosa Afz.; Hypholoma fasciculare (Huds. : Fr.) P. Kumm.; Inocybe corydalina Quél.; Lactarius fluens Boudier; Lepiota cristata (Bolton : Fr.) P. Kumm.; Marasmius wynneae Berk. & Broome; Mycena arcangeliana Bres.; Mycena haematopus (Pers.: Fr.) P. Kumm.; Myriostoma coliforme (With.: Persoon) Corda; Pholiota adiposa (Batsch) P. Kumm.; Rhodocollybia butyracea (Bull. : Fr.) Lennox; Russula heterophylla Fr.; Russula faginea Romagn.; Russula parazurea Schaeff.; Russula sororia Fr.; Suillus granulatus (L.: Fr.) Roussel; Suillellus queletii (Schulzer) Vizzini, Simonini & Gelardi; Tapinella atrotomentosa (Batsch : Fr.) Šutara; Tricholoma lascivum (Fr.: Fr.) Gillet; Xerocomellus pruinatus (Fr. & Hök) Šutara; Xerocomellus redeuilhii A.F.S. Taylor, U. Eberh., Simonini, Gelardi & Vizzini. Tom
  11. Indice Regione Emilia Romagna, specie trovate nel mese di Ottobre 2019, totale n° 31 specie. Amanita muscaria (L. : Fr.) Lam.; Armillaria ostoyae (Romagnesi) Herink; Boletus edulis Bull.: Fr.; Boletus pinophilus Pilát & Dermek; Calocera viscosa (Pers.) Fr.; Cantharellus cibarius var. cibarius Fr.; Clavulina coralloides (L.) J. Schröt.; Clitocybe nebularis (Batsch : Fr.) Kummer; Clitopilus prunulus (Scop. : Fr.) Quel.; Gomphidius glutinosus (Fr.) Fr.; Hydnum repandum L. : Fr.; Hypholoma fasciculare (Huds. : Fr.) P. Kumm.; Hypholoma lateritium (Schaeff. : Fr.) P. Kumm.; Imleria badia (Fr. : Fr.) Vizzini; Infundibulicybe costata (Kühner & Romagn.) Harmaja; Laccaria amethystina (Huds.) Cooke; Lactarius blennius (Fr. : Fr.) Fr.; Lactarius deterrimus Groger; Lactarius salmonicolor R. Heim & Leclair; Lepista nuda (Bull. : Fr.) Cooke; Lycoperdon nigrescens Pers. : Pers.; Mutinus caninus (Huds. : Fr.) Fr.; Mycena haematopus (Pers. : Fr.) P. Kumm.; Russula cyanoxantha (Schaeff.) Fr.; Scutiger pes-caprae (Pers. : Fr.) Bondartsev & Singer; Tremella mesenterica Retz; Tricholoma acerbum (Bull.: Fr.) Quél.; Tricholoma acerbum (Bull.: Fr.) Quél.; Tricholoma pardinum (Persoon : Secrétan) Quél.; Tricholoma saponaceum (Fr. : Fr.) Kumm.; Xerocomellus pruinatus (Fr. & Hök) Šutara. Tom
  12. Ciao Bobore, inserisci una foto per post, 800×600 pixel, 250 kb di peso massimo. Ciao, Tom
  13. Ciao Ilariuccia, Il riconoscimento delle specie fungine È un processo molto più analitico e molto meno visivo. Provare per credere. Per fare un esempio i colori sono una delle ultime cose che dobbiamo guardare. Quando vuoi determinare un fungo devi considerare innanzitutto gli elementi morfologici: lamelle libere, adnate, decorrenti? Colore della sporata bianco, rosa, viola, ocra, nero? Presenza di Volva? Presenza di AnelloP Presenza di verruche sul cappello? E così via. Quando leggi un libro di Micologia, non lo usare come un album di figurine in cui confrontiamo la somiglianza delle specie fotografate con il nostro campione. In queto modo difficilmente avrai una determinazione attendibile. Leggi invece tutta la parte introduttiva che trovi prima della parte fotografica, studia la Morfologia, impara a usare una chiave dicotomica. Ciao, Tom
  14. Concordo con Matteo e Felice per Agaricus phaeolepidotus! Tom
  15. Ciao Felix, dici giusto, molta acqua di sicuro, in questi giorni ne è venuta tanta, ma tanta! Per non parlare del vento!!! Ciao, Tom
  16. Per quanto ne so io (poco), la martora ha la macchia sul petto crema giallastra, a differenza della faina che la ha bianca, ma dalle immagini in bianco e nero è veramente arduo poter dire! Ciao, Tom PS È proibito per regolamento, accettato all'iscrizione, mettere link a file esterni al Forum.
  17. Ciao Mario, A livello TEORICO si possono coltivare i porcini. Ma non è come coltivare l'insalata: metto i semi, o le piccole piantine, l'insalata cresce, la taglio, la raccolgo, e me la mangio. No. I porcini sono funghi simbionti, cioè legati biologicamente a una pianta VIVA. Non è come seminare l'insalata, né come comprare una balletta di Pleurotus ostreatus da LIDL che crescono su materiale MORTO e in decomposizione (e che crescono e fruttificano con grande soddisfazione). Fatta questa premessa, bisogna capire che se ci vendono delle spore o del Micelio inoculato, dobbiamo avere a disposizione ad esempio un albero di Quercia, sperare poi che le spore germinino, che non entrino in competizione con altri funghi che vogliono fare simbiosi con la stessa pianta e con le stesse radichette, etc. Quindi, quale è la differenza percentuale di probabilità che uno di questi sistemi funzioni, rispetto a prendere un porcino maturo e fare una buchetta sotto la nostra stessa Quercia in giardino e mettercelo dentro, sperando che succeda qualcosa di interessante? Secondo me nessuna. In ambiente sterile, controllato, supervisionato, i risultati sono stati scarsissimi, dimostrazione ne è difatti che sul mercato NON arrivano Porcini coltivati, e credi a me, i cinesi sono bravissimi a coltivare funghi di tutti i tipi, e non si farebbero scappare un commercio del genere! Va peggio ancora con i Galletti, Cantharellus cibarius e specie consimili, con questo genere è ancora più complicato riuscire ad avere successo con una riproduzione "in vitro" o "coltivata". Conclusione, secondo me se vuoi mangiare Porcini, o te li vai a cercare nel bosco, o li compri dal verduraro quando è stagione! (quelli che vengono dai paesi dell'est Europa sono ottimi, quanto e più dei nostri). Ciao, Tom
  18. Ciao Matteo e Felice, Siamo tornati ieri sul luogo del ritrovamento di Matteo che è vicino alla zona dove abitiamo e abbiamo avuto modo di trovare altri esemplari e controllare meglio tutti i caratteri sia macro sul campo (l'arrossamento delle lamelle come Felice aveva ricordato) e più tardi, a casa, la microscopia. Abbiamo potuto così confermare la prima ipotesi fatta. Copio qui parte dei dati e delle foto che ho inserito anche in RNR Lazio, dove troverete un maggior dettaglio di informazioni. Ciao, Tom Agaricus impudicus (Rea) Pilat; Regione Lazio; Novembre 2019; Foto di Tomaso Lezzi. Agaricus caratterizzato da un odore particolare, simile a quello di Lepiota cristata, viraggio al rosso sulle lamelle quando vengono strofinate, cheilocistidi largamente clavati, sferopenduncolati. Ritrovamento effettuato sotto Cupressus arizonica e Cedrus atlantica. Particolare delle squame sul cappello. Particolare dell'anello. Sezione. Le lamelle che arrossano quando vengono strofinate. Cheilocistidi largamente clavati, sferopenduncolati. Spore ellittiche, (4,3) 4,6-5,59 (5,6) × (3,3) 3,4-4,2 (4,3) µm; Q = (1,2) 1,3-1,56 (1,6); N = 11; Media = 5,0 × 3,7 µm; Qm = 1,4.
  19. PS attenzione agli errori nel riconoscere le Gambesecche, perché nello stresso habitat praticolo crescono anche le piccole Lepiota, spesso Tossiche, alcune Mortali, stesso tipo di avvelenamento di Amanita phalloides!!! Ciao, Tom
  20. Ciao Davide, concordo con Flavio col fatto che i tuoi esemplari siano delle Laccaria. Quali sono i principali elementi distintivi? Inannzitutto il colore delle lamelle e del gambo, che sono bianco, bianco crema in Marasmius oreades (Gambesecche), e rosa carnicino nelle Laccaria. L'odore in Marasmius oreades è come hai detto di mandorle amare, ma credo che qui tu sia stato suggestionato, perché le Laccaria della tua foto non credo proprio che abbiano odore di mandorle amare! Gli odori in effetti sono un elemento importante, ma spesso difficile da percepire e "incasellare" correttamente. Ciao, Tom
  21. ciao Mario, Secondo me si tratta di Rubroboletus dupainii = Boletus dupainii. Una bella specie dal cappello rosso laccato. Quando posti una richiesta per una specie diversa da quella precedente, apri una nuova discussione altrimenti non si capisce più niente di quale risposta si riferisce a quale foto/domanda. Ciao, Tom
  22. Ciao Matteo, si tratta di Agaricus impudicus, se ci vediamo domani come siamo daccordo, mi piacerebbe fotografare anche questi campioni, in modo da prelevare degli esemplari e fare anche la microscopia di supporto per avere una conferma ulteriore. Ciao, Tom
  23. Ora che si vede anche il gambo penso anche io che sia una Macrolepiota konradii per le motivazioni esposte da Pietro. Habitat praticolo, altezza delle lamelle ecc non sono invece caratteri dirimenti tra queste due specie. Ciao Tom
  24. ciao Mario, concordo! Trovi qui la scheda in Archivio che riguarda questa specie. Ciao, Tom
  25. Ciao Mario, il fungo rappresentato nella tua foto per me è Sparassis crispa. Ciao, Tom
×
×
  • Create New...

Important Information