Archivio Micologico

Leccinum duriusculum

13 risposte in questa discussione

Leccinum duriusculum (Schulzer ex Kalchbr.) Singer 1947

Tassonomia
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae

Genere Leccinum

Sezione Leccinum

Sinonimi

Boletus duriusculus Schulzer ex Kalchbr. 1874

Etimologia

Dal latino leccìnus, a , um = relativo al Leccio (Quercus ilex L.; dal latino ìlex, ìlicis = leccio).

Dal latino duriusculus, a, um = alquanto duro (derivante da durus, a, um = duro).

Cappello

6-18(25) cm, inizialmente emisferico poi globoso-convesso, tardivamente appianato, con margine regolare e leggermente eccedente; cuticola liscia, opaca e vellutata, talvolta finemente screpolata a tempo secco, di colore grigio beige, grigio brunastro, raramente molto pallido, sovente con tonalità ocracee.

Imenoforo

Tubuli lunghi, sottili, liberi al gambo, di colore biancastro nei giovani poi crema grigiastro e grigio bruno. Alla sezione diventano dapprima leggermente rosati poi grigi nerastri; pori molto piccoli e rotondi, concolori ai tubuli, biancastri nei giovani poi grigi brunastri e imbrunenti alla pressione.

Gambo

8-20(25) × 2-4 cm, duro, slanciato, subcilindrico, robusto, solitamente ingrossato nella parte centrale e attenuato alla base e all'apice; di colore biancastro sporco, spesso con colorazioni verdi bluastre alla base. Decorato da squamule inizialmente con colorazione grigio chiara per divenire in breve grigio bruna o nerastra; non è raro osservare, all'apice del gambo, le squamule disposte longitudinalmente in modo da formare una sorta di costolatura scura e in rilievo.

Carne

Compatta, soda e tenace nei giovani, poi molle negli esemplari maturi, fibrosa nel gambo. Di colore biancastro, alla sezione vira rapidamente al rosa pallido poi al grigio nerastro; alla base del gambo, alla sezione, la carne può mostrare macchie verdi bluastre. Odore insignificante, con lieve sapore dolce.

Habitat

Cresce nei boschi temperati in pianura o in collina soprattutto presso Populus tremula L. (Pioppo tremulo) e Populus alba L. (Pioppo bianco). Dall’estate al tardo autunno, non ovunque diffuso.

Commestibilità e Tossicità

Come tutti i Leccinum, viene considerato un buon commestibile dopo adeguata cottura, a esclusione del gambo da scartare perché fibroso e coriaceo.

Osservazioni

Il forte annerimento delle carni, le tonalità verdastre alla base del gambo e la stretta simbiosi con Populus spp. ne semplificano la determinazione.

Somiglianze e Varietà

Leccinum duriusculum f. robustum Lannoy & Estadès, più robusto e massiccio è solo una forma ecologica, di dimensioni notevoli con cappello che raggiunge anche i 25 cm e oltre di diametro, con habitat preferenziale di Pioppo bianco; è considerato sinonimo di Leccinum duriusculum.

Leccinum scabrum (Bull. : Fr.) Gray, specie maggiormente conosciuta e apprezzata nel Nord Italia, si differenzia per la carne pressoché immutabile e per l’habitat di crescita, generalmente associato a Betula spp. (Betulla).

Leccinum duriusculum è confondibile con altre specie della sottosezione Scabra (che comprende Leccinum con carne pressoché immutabile e di norma associati a Betulla) e della sottosezione Albella (carne lentamente virante al rosato-violaceo poi nerastro, mai associati a Pioppo).

Alla prima appartiene Leccinum variicolor Watling, caratterizzato dalle tinte pileiche più scure con sfumature nocciola e dalla marcata squamosità nerastra del gambo; della seconda fa parte Leccinum pseudoscabrum (Kallenb.) Šutara = Leccinum carpini (Schulz) M.M. Moser ex D.A. Reid , dalla tipica cuticola irregolarmente grinzosa e martellata, avente carne fortemente ingrigente. Più difficile la confusione con i Leccinum della sottosezione Leccinum, caratterizzati dalle tinte pileiche che vanno dal rosso al rosso-brunastro.

Curiosità

Nonostante l’annerimento delle carni aumenti con la cottura, come del resto per tutti i Leccinum, risulta essere uno dei più ricercati e consumati tra i "Porcinelli".

Bibliografia

DEN BAKKER, H.C. & NOORDELOOS, M.E., 2005. A revision of European species of Leccinum Gray and notes on extralimital species. Persoonia 18: 511-587.

DEN BAKKER, H.C., GRAVENDEEL, B. & KUYPER T.W., 2004. An ITS phylogeny of Leccinum and an analysis of the evolution of minisatellite-like sequences within ITS1. Mycologia. 96(1): 102-118.

LANNOY, G. & ESTADES, A., 1995. Monographie des Leccinum d’Europe. La Roche-sur-Foron, Federation Mycologique Dauphine-Savoie.

NUHN, M.E., BINDER, M. et. al., 2016. Phylogenetic overview of the Boletineae. Fungal Biology. 120 (12). [data di accesso: 14/12/2016]

MUÑOZ, J.A., 2005. Boletus s.l. Fungi Europaei. Vol. 2. Alassio (SV). Ed. Candusso.

WU, G., FENG, B. et al., 2014. Molecular phylogenetic analyses redefine seven major clades and reveal 22 new generic clades in the fungal family Boletaceae. Fungal Diversity 69: 93. doi:10.1007/s13225-014-0283-8

LANNOY, G., 2001. Boletaceae. Flore Mycologique d'Europe. 6. Alassio (SV): Ed. Candusso.

ALESSIO, C.L., 1985. Boletus Dill. ex L. Fungi Europæi. Vol 2. Saronno (BI): Libreria editrice Biella Giovanna.

ALESSIO, C.L., 1991. Boletus s.l. Fungi Europæi. Vol 2A). Saronno (BI): Libreria editrice Biella Giovanna.

 

Scheda AMINT tratta da Tutto Funghi

 

 

Regione Umbria; Agosto 2005; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

Trovato in diversi esemplari sotto alberi di Pioppo in bosco misto. Odore grato, sapore dolce.

post-36492-0-42994200-1481798719.jpg

Parte inferiore

post-36492-0-47372200-1481798720.jpg

Le decorazioni del gambo sono formate da puntini allineati.

post-36492-0-57411400-1481798721.jpg

Sezione, la carne bianca al taglio diventa dopo qualche minuto rosa in alto e azzurra in basso.

post-36492-0-46793800-1481798722.jpg

Sezione dopo un'ora: la carne da rosa diventa grigia e in basso rimane azzurra.

 

post-36492-0-56310000-1481798723.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum f. robustum Lenn. & Est.; Regione Piemonte; Marzo 2005; Foto e commento di Gianni Baruffa.

Si tratta di una specie non rara ma che, ad una osservazione superficiale, viene confusa con il Leccinum duriusculum tipus. In questo caso, oltre ai toni particolarmente scuri, la forma del gambo ha aiutato moltissimo nella determinazione.

post-656-1111358379.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum f. robustum Lenn. & Est.; Regione Lombardia; Maggio 2005; Foto e commento di Massimo Biraghi.

Bosco con prevalenza di Rovere e Carpino, Nocciolo, Ontano e Olmo, ma sotto un filare di Pioppi bianchi cresce Leccinum duriusculum f. robustum(simbiosi con Populus alba).

post-2286-1116445491.jpg

Sezione.

post-2286-1116445773.jpg

Particolare della sezione.

post-2286-1116445831_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum (Schulzer) Singer; Regione Umbria; Agosto 2005; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

Trovato in diversi esemplari sotto alberi di Pioppo in bosco misto. Odore grato, sapore dolce.

post-2993-1124500061.jpg

Parte inferiore

post-2993-1124500133.jpg

Le decorazioni del gambo sono formate da puntini allineati.

post-2993-1124500184.jpg

Sezione, la carne bianca al taglio diventa dopo qualche minuto rosa in alto e azzurra in basso.

post-2993-1124500339.jpg

Sezione dopo un'ora: la carne da rosa diventa grigia e in basso rimane azzurra.

post-2993-1124500612.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum (Schulzer) Singer; Regione Sardegna; Novembre 2006; Foto di Franco Sotgiu.

post-1526-1164630825.jpg

Regione Sardegna; Dicembre 2007; Foto di Franco Sotgiu.

post-1526-1197447820.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum f. robustum Lenn. & Est.; Regione Lombardia, parco pubblico, Milano; Settembre 2007; Foto di Emilio Pini.

post-2286-1191259821.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum (Schulzer) Singer; Regione Abruzzo; Settembre 2008; Foto e commento di Tomaso Lezzi.

Ritrovamento sotto Pioppo, il simbionte obbligato di questa specie, Leccinum duriusculum si riconosce anche per la macchia verde azzurrastra che compare alla base del gambo.

post-2993-1222812278.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leccinum duriusculum f. robustum Lenn. & Est.; Regione Lombardia, parco pubblico, Milano; Settembre 2009; Foto di Federico Calledda.

post-620-1253381450.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti