Vai al contenuto

Pino Conserva

Soci AMINT CSM
  • Numero contenuti

    34
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Pino Conserva

  • Categoria
    Nuovo Utente

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Residenza
    roma
  • Interessi
    micologia tossicologia

Visite recenti al profilo

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Pino Conserva

    Quali funghi possono essere mangiati crudi?

    Ciao Pietro in effetti l'Amanita ovoidea è un caso che merita di essere studiato con attenzione; mi piacerebbe che queste esperieze, accertate da micologi affidabili, fossero messi insieme e valutati con più attenzione, anche per uscire dal case report ed avere validità statistica seria;; mi piacerebbe che nei PS o nei Centri antiveleno, ci fossero dei micologi che, con più cognizione di causa rispetto al medico di PS e magari con più calma per intervistare il paziente, delucidassero meglio il fatto; rimane naturalmente una specie a commestibilità ... sospesa, in attesa di giudizio
  2. Pino Conserva

    Quali funghi possono essere mangiati crudi?

    concordo con Tom ed aggiungo: se è accertato che un fungo contiene un antibiotico o una tossina, bisogna poi accertare che la tossina o l'antibiotico attraversi intatta il percorso Digestione, Assorbimento, Metabolizzazione, Escrezione! la stessa considerazione è valida per eventuali tossine fungine accertate in laboratorio: tossicità in vitro non equivalgono a tossicità in vivo!
  3. Pino Conserva

    Quali funghi possono essere mangiati crudi?

    su Calocybe gambosa aggiungo che un ristoratore dei Monti Simbruini lo offriva a mò di tartufo sulla pasta; stessa esperienza per Hygrophorus marzuolus, che io stesso ho consumato olio sale limone, con buon risultato; di Tricholoma goniospermum non ho notizie in merito (comunque ottimo cotto); un caso comunque non fa testo, nè in senso commestibile nè in senso tossico; diverso è una tradizione culinaria, che riguarda molte persone per molto tempo; è un criterio scientifico che ha validità anche statistica! questo non esclude che il fungo possa dare tossicità per contaminazione ambientale, tossicità geografica o tossicità individuale (consumatore inteso anche nei suoi comportamenti); per esempio Amanita ovoidea è un fungo ampiamente consumato in molte regioni da sempre, senza problemi; i casi di intossicazione sono stati addebitati sempre ad Amanita proxima, ma 1 caso è stato accertato con ovoidea (a detta dell'articolista medico, che non nomina il determinatore); il caso può avere anche altre spiegazioni; a questo punto bisogna decidere se dare affidamento ad una tradizione, cioè tante persone per tanto tempo, oppure 1 caso isolato! PS a proposito del determinatore, spero non sia uno di quelli, tecnico ASL, promossi al corso da me frequentato a Perugia!
  4. Pino Conserva

    Quali funghi possono essere mangiati crudi?

    4 buoni motivi per cuocere i funghi 1 elimina eventuali batteri o microrganismi 2 rende più digeribile il fungo 3 inattiva eventuali allergeni 4 inattiva efficacemente le tossine termolabili ( incluse quelle a noi sconosciute) ciò detto i funghi crudi (pochi, freschi, in giornata, preparati con igiene) sono un ottimo alimento; rispettandone le indicazioni non c'è motivo di demonizzare questo trattamento culinario; purtroppo si sta perdendo un patrimonio di conoscenze in questo senso; Nicola Sitta (prossima pubblicazione) ha fatto una ricerca nella tradizione culinaria micologica italiana ed ha riportato alla luce che, per esempio, anche Calocybe gambosa era consumato crudo senza conseguenze.
  5. Pino Conserva

    Clitocybe?

    la geotropa mi piace di più
  6. Pino Conserva

    Imbutiforme

    odore? siamo intorno a amoenolens, inversa, gibba
  7. Pino Conserva

    Ischnoderma benzoinum?

    aveva un qualche odore? sono goccioline quelle sull'imenio?
  8. Pino Conserva

    Fungo trovato a casa

    bresadolanus: si intravede anche la disposizione radiale ordinata delle squame
  9. Pino Conserva

    Dubbi Macrolepiota

    io pure direi procera, il viraggio mi sembra rossastro ( non giallo), il gambo è nettamente tigrato e l'anello, anche nella prima foto, lo definirei doppio; il viraggio così evidente, magari in un esemplare così fresco, ci può stare
  10. Pino Conserva

    funghi da determinare 2

    i toni viola indirizzano a trichaptum, io ho questo schemino,
  11. Pino Conserva

    funghi da determinare 2

    foto poco chiara, sembrano tubuli
  12. Pino Conserva

    funghi da determinare 3

    se ramoscello di Juniperus pithya cupressi, anche Bisporella è buona
  13. Pino Conserva

    Clitocybe misteriosa

    clitocybe nebularis var inolens; anche a me è capitato di trovare specie senza il tipico odore, edulis per esempio
  14. Pino Conserva

    Tricolosporum Goniospermum?

    scusa, Bressan è un micologo; per un uso basilare e come primo approccio puoi prendere Bresser Researcher Bino 40-1000x Microscopio
  15. Pino Conserva

    Tricolosporum Goniospermum?

    le lamelle eterogenee, cioè separabili dal cappello, sono un carattere comune anche a Lepista ( buona ipotesi); se fossero state non separabili allora avrebbero potuto escludere; in quanto al microscopio dipende da quello che vuoi fare; anche un Bressan intorno ai 300 euro è sufficiente per osservare forma e dimensione sporale; cistidi e ife; insomma è valido; se vuoi approfondire, diciamo pubblicare articoli, allora bisogna andare oltre i 1000 euro, anche 5000, anzi non c'è limite
×

Important Information